Cinema, Film e Serie Tv

Avengers Endgame: la recensione “Hardcore”

Una recensione nuda e MOLTO cruda. Occhio agli spoiler, tornate dopo la visione del film

La cultura pop è sempre stata vagamente nostalgica, evocando un passato idealizzato e ricordando al pubblico i bei tempi in cui il futuro sembrava più luminoso. Dopo tutto, gran parte dei film di Hollywood sono esplicitamente nostalgici, i film degli anni Sessanta e Settanta che rendono amorevolmente omaggio agli anni Trenta e Quaranta. Il passato ha sempre avuto un certo fascino per il cinema, forse perché è quello che sono sempre state le immagini; singoli momenti catturati su pellicola e congelati nel tempo, rimossi dal loro contesto originale. La pellicola è semplicemente una successione di immagini congelate che corrono insieme per creare l’illusione del movimento e della vita. Ogni film è una macchina del tempo, alcuni sono solo più espliciti di altri.
Tuttavia, c’è qualcosa di affascinante nell’ondata moderna dei film nostalgici, la velocità con cui la cultura pop si consuma. Le recenti ondate di nostalgia degli anni ’70, ’80 e ’90 sono ancora in crescita. All’inizio di questa estate, Captain Marvel aveva canalizzato parte di questa nostalgia degli anni ’90 in forma di blockbuster (e Blockbuster). Tuttavia, sembra anche che la nostalgia si avvicini sempre di più al presente, sfiorando il momento attuale. Avengers: Endgame è una bestia stranamente nostalgica.

Il passaggio del testimone

Non è strano che il film sia nostalgico; dopo tutto, questa è una sorta di chiusura per un decennio di film sui supereroi. Tuttavia, è strano come quella nostalgia sfiori il presente, il climax del film è molto simile ad un amorevole omaggio a Avengers: Infinity War, un film che è stato presentato in anteprima solo un anno fa.

gli avengers

Endgame si propone come la fine di una certa fase dell’universo cinematografico Marvel. I Marvel Studios hanno sempre diviso il loro sviluppo in varie “fasi” per contrassegnare i suoi cicli di produzione, ma questo è qualcosa di diverso. Avengers Endgame si posiziona come un passaggio della torcia metaforica, un tentativo da parte della compagnia di eliminare un certo numero di giocatori veterani mantenendo il senso dello slancio in avanti. In un certo senso, è la collisione delle esigenze di un universo cinematografico condiviso con le realtà delle ambizioni di un attore. È improbabile che alcuni attori rimangano per sempre nel Marvel Cinematic Universe. Thor potrebbe essere immortale, ma Chris Hemsworth non lo è.

Endgame guarda al passato e al futuro. Fonde il Marvel Cinematic Universe. Certo, il film potrebbe svolgersi senza che molti degli eroi della prossima generazione possano ancorare l’universo condiviso, con personaggi come Peter Parker o T’Challa ridotti alla polvere, ma è caratterizzato più della buona parte dei recenti arrivi in ​​ruoli relativamente importanti. Il cast originale di The Avengers ha molto da fare qui, ma anche Carol Danvers di Captain Marvel o Scott Lang di Ant Man o ancora, Rocket e Nebula di Guardians of the Galaxy, con un forte ruolo di supporto dato a Valkyrie da Thor: Ragnarok. Questa è una pietra miliare posta su una serie di film di oltre un decennio, ma anche per una piattaforma di lancio per i decenni a venire.

L’elemento nostalgia

Tuttavia, il suo sguardo è curiosamente nostalgico. Il film è strutturato in modo molto più convenzionale rispetto a Infinity War che si è posizionata efficacemente come Game of Thrones targato PG all’interno del vasto arazzo dell’universo cinematografico Marvel. Al contrario, e in un certo senso ironico, Endgame è una storia molto più lineare. Ha una chiara struttura a tre atti. Ironia della sorte, solo il primo di quegli atti sembra focalizzato sul futuro, affrontando le conseguenze dello schiocco delle dita che si sente attorno al cosmo. “Devi andare avanti”, i personaggi si spingono a vicenda, suggerendo che la migliore risposta al trauma è quella di alzarsi e andare avanti nonostante il dolore. È un messaggio eroico, al centro di film come Batman Begins o Spider-Man: Into the Spider-Verse .

Il problema è che i rimanenti due terzi del film non solo non riescono a portare quel messaggio a bordo, bensì raddoppiano a rifiutarlo. Gli ultimi due atti di Avengers Endgame sono, in effetti, gigantesche serie di clip. Il secondo atto presenta flashback estesi ai film precedenti della serie, giocando al meglio come una raccolta di scene cancellate da film di cinque, sei o sette anni fa. È una scelta strana, dato che questi film sono ancora tutti nella memoria recente sia per i protagonisti che per il pubblico.

tony stark

Tuttavia, l’aspetto più frustrante del film è il fatto che l’atto finale gioca come una forma di nostalgia ancora più strana e più insulare. Il climax di Avengers Endgame gioca in gran parte come una reiterazione del climax di Infinity War, solo su una scala più ampia.

Molti personaggi si sovrappongono tra il climax di Infinity War e Endgame, anche se alcuni nuovi vengono lanciati per buona misura e l’ambizione logistica della sequenza di azioni viene ridimensionata. C’è qualcosa di surreale in questo. Per Endgame, la forza del passato è così forte che trascorre la parte migliore di quaranta minuti costruendo un’ode amorosa per un film pubblicato all’incirca un anno fa.

L’elemento narrativo

L’intero film è progettato come una sorta di pulsante di ripristino. L’intera premessa di Endgame non è semplicemente quella di bilanciare i danni che Thanos ha inflitto all’universo in Infinity War, ma di invertirlo attivamente. Endgame è un esercizio di nostalgia, una spinta verso uno status quo più confortevole e familiare. Qualunque cosa può essere annullata. Qualsiasi passato può essere riscritto. Ogni anima perduta può essere resuscitata. Ogni errore può essere cancellato. Per essere onesti, questo è sempre stato il modo all’interno dell’universo cinematografico Marvel che ha sempre avuto una memoria sorprendentemente a breve termine, nonostante l’orgoglio che seminato nella sua continuità interna.

Questo è sempre stato uno strano paradosso con il Marvel Cinematic Universe, un universo condiviso che si vanta della sua connettività e intertestualità; le connessioni che esistono tra singoli film e legare quei film al materiale originale. Nel Marvel Cinematic Universe, il passato è sempre più malleabile di quanto l’idea di “canon” o “continuità” consentirebbe. In Endgame , questo è letteralizzato. I personaggi di Avengers Endgame possono non solo visitare il passato, ma anche rimodellarlo e riallinearlo, riscriverlo e modificarlo in modi grandi e piccoli. Il passato è elastico, si estende in qualsiasi direzione il presente abbia bisogno di andare.

Ove appropriato, i film precedenti sono ignorati e trascurati; Iron Man IIThe Incredible Hulk sono stati in gran parte dimenticati, i loro vari ganci sequenziali e personaggi laterali messi da parte una volta diventati scomodi. I ruoli vengono rielaborati quando gli attori diventano difficili da lavorare, come Terrence Howard o Edward Norton. Quando Rhodey si presenta in Iron Man II interpretato da Don Cheadle, offre un sorriso sfacciato alla telecamera. “Sono io” , afferma. “Sono qui, passami sopra.” In Endgame, Cheadle va in giro con la generazione originale dei Vendicatori, come se fosse sempre lì, anche se sarebbe potuto essere photoshoppato.

L’elemento Fumetto

I fumetti e i film sui fumetti amano fare gran parte del passato, sottolineare la loro continuità interna e creare l’illusione che queste siano tutte parti di una singola storia che si estende all’indietro per decenni. Questa è un’illusione conveniente. Dopotutto, gran parte della storia dei fumetti viene cancellata e dimenticata quando è conveniente. Batman era originariamente una macchina assassina assetata di sangue. Captain America ha lavorato brevemente come “Commiser Smasher” durante l’era di McCarthy. Il passato è concreto solo quando si adatta. È utile solo rispetto al presente, quando può permettersi un po’ di peso per il presente. Oltre a ciò, il passato può essere facilmente rivisto e riscritto. Nel linguaggio dei fumetti, chiamano queste cose “retcons“.

I fumetti esistono in un’ora perpetuo, ancorato nel presente permanente. Questo fenomeno è noto ai fan come “tempo dei fumetti”. Significa che Peter Parker sarà sempre un giovane adulto, nonostante sia stato pubblicato per oltre cinquanta anni. L’incidente di Tony Stark ha avuto luogo all’incirca dieci anni fa, il che significa che Stark è stato ferito sia nella guerra del Vietnam che in quella in Afghanistan. Poiché questi personaggi sono fittizi, non sono soggetti alle leggi della natura. L’età non può avvizzirli. È affascinante. Uno degli aspetti più interessanti dei fumetti è la visione di questi archetipi che si adattano a un mondo in continua evoluzione senza mai andare d’accordo.

marvel cinematic universe

Questa è una sfida per un’azienda come i Marvel Studios. Il Marvel Cinematic Universe (giustamente) è orgoglioso di adattare vari fumetti per i film. Ma i personaggi vivono per sempre, ma gli attori vanno avanti.

Il Tempo in Avengers Endgame

Endgame è fissato sul concetto di tempo ma senza alcuna comprensione significativa dello stesso. Endgame possiede una comprensione astratta di come funziona il tempo. La prima ora di apertura del film presenta una serie di balzi nel tempo che vanno avanti dalla fine di Infinity War. Questa è una decisione astuta nell’ora di apertura, che consente a Endgame un po’ di spazio per elaborare correttamente l’orrore di ciò che ha fatto Thanos. In effetti, se Infinity War si posizionasse come un Game of Thrones classificato come PG, allora l’ora di apertura di Endgame punta a The Leftovers. Ci sono efficaci scorci di una società che lotta per riprendersi da un orribile trauma; spazzatura traboccante in strade abbandonate, macchine abbandonate parcheggiate vicino a uno stadio vuoto, monumenti ai caduti ecc ecc.

In questi primi minuti di Endgame, c’è un senso di come deve essere vivere all’ombra di un tale evento. Il Marvel Cinematic Universe ha in gran parte paura di affrontare le conseguenze e le ricadute, diffidando nel riconoscere le implicazioni delle azioni intraprese dai suoi eroi. Questo è stato il problema con Captain America: Civil War, un film inizia con Tony Stark che è dispiaciuto per la morte di un adolescente privo di super-poteri durante una rissa tra super-eroi ma che ha visto un punto culminante in cui Tony Stark ha reclutato un adolescente inesperto per una super- rissa. Più precisamente, Infinity War ha sorvolato i traumi della Guerra Civile, con Rhodey che lavora con entusiasmo accanto alle persone responsabili di averlo paralizzato.

La scena migliore in Endgame è la prima, proprio come la scena migliore di Infinity War è l’ultima. Una famiglia si gode una giornata tranquilla insieme. Non c’è niente di straordinario in questo. Tuttavia, accade qualcosa di orribile. In un istante, tutto è perduto. Un momento, un amorevole marito propone di mettere la salsa sugli hot dog e nell’altro è in piedi da solo a chiedersi dove sia finita la sua vita. È un momento grezzo e viscerale, posizionato ancor prima del logo Marvel. Come nel caos che si è sviluppato nell’ultima scena post-crediti di Infinity War, questa scena d’apertura sembra avvenire fuori dal mondo di dei ed eroi occupati da personaggi come Capitan America, Iron Man o Thor.

avengers endgame

Qualche incoerenza narrativa

Tuttavia, Endgame manca del coraggio delle sue convinzioni. Il film accenna ripetutamente alla distruzione operata da Thanos. Mucchi di rifiuti non raccolti sul lato della strada. A un bambino con gli occhi spalancati viene chiesto di spiegare cosa è successo, e semplicemente continua silenziosamente a camminare. Un piccolo gruppo di persone in una stanza vuota parla dei loro sentimenti e insicurezze. Tuttavia, proprio come Civil War aveva paura di seguire le sue idee per le loro conclusioni logiche  – per paura di offendere i membri del pubblico che cercano levità – Endgame non si accontenta mai di un tono coerente. Di tanto in tanto è triste e solenne, i personaggi meditano su cosa significhi essere un “Vendicatore” in un mondo che ha perso così tanto. Tuttavia, è anche ironico e sciocco.

I Vendicatori non riescono a proteggere la Terra da Thanos, il che assomiglia tanto a un plateale fallimento. C’è un certo senso che questa sia una cosa nota tra la popolazione; il nome “Thanos” non ha bisogno di spiegazioni per le persone al di fuori della comunità dei supereroi. Tutti gli eroi sembrano nutrire un senso di colpa e responsabilità per i loro fallimenti. Tuttavia, non c’è mai la sensazione che qualcun altro li ritenga responsabili. Continuano a operare su scala globale senza alcuna supervisione. C’è una sequenza di gag estesa all’inizio del film in cui un gruppo di ragazzini adorabili cerca di decidere con quale Avenger vogliano scattare un selfie; sembra improbabile che questi ragazzi possano avere vissuto una vita non toccata dalla scomparsa di metà della popolazione, ma trattano ancora i Vendicatori come eroi.

Questo è forse più evidente con il personaggio di Thor. Odino è morto nel Ragnarok e Thor è diventato re di Asgard. Il regno è stato distrutto e Thor è diventato un pastore per il suo popolo. Si è assunto questa responsabilità con riluttanza, ma seriamente. Tuttavia, nei momenti iniziali di Infinity War, una parte significativa della sua gente è stata uccisa da Thanos. Presumibilmente metà dei sopravvissuti sono stati uccisi al culmine di Infinity War. Questa è un’esperienza straziante, in particolare per una persona che è stata posta in una posizione di autorità e responsabilità. In effetti, i momenti più emozionanti di Infinity War venivano da Thor che elaborava il suo senso di perdita e lo manifestava in un desiderio di morte che lui camuffava con umorismo.

Considerando tutto ciò, Endgame potrebbe sperare di sviluppare l’arco di Thor in quella direzione, di guardare alla tragedia di un uomo che non ha mai voluto essere re e il cui breve regno risulta disastroso per tutti i soggetti coinvolti. Non è così che Endgame sceglie di avvicinarsi a Thor. Invece, mette il personaggio in una tuta grassa e una brutta parrucca, in modo che Stark possa ripetutamente riferirsi a lui come “Lebowski“. Questa è una versione di Thor che urla a bambini a caso che giocano a Fortnite, minacciando di strappargli le gambe. Questa è una versione di Thor che ha visto il collo del fratello spezzarsi proprio di fronte a lui, poco dopo aver messo in moto una trama che ha portato alla morte della sorella, ma che si blocca durante una presentazione sulla sua ex-ragazza Jane.

Avengers Endgame non si prende mai sul serio: ma anche dei difetti

C’è la sensazione che forse, questo film, si stia prendendo troppo poco sul serio. Dopotutto, questo è un film a fumetti. È pensato per essere stupido e sciocco. Questo è giusto e infatti, molti dei migliori film dei Marvel Studios sono spinti da quel senso di divertimento e avventura come Thor e Thor: Ragnarok. Il problema con Endgame è lo stesso problema con Infinity War e Civil War. Questo è un film che chiede di essere preso seriamente, che si presenta come qualcosa degno di impegno. Endgame non guadagna mai il livello di coinvolgimento emotivo o intellettuale che desidera chiaramente, cosa che ferisce molto il film. Endgame non si prende troppo sul serio, ed è troppo internamente incoerente per essere preso sul serio.

Questa dicotomia porta all’utilizzo del tempo del film. Endgame vuole usare il tempo per effetti drammatici. Dopo tutto, l’intera premessa del film è che il pubblico ha passato undici anni con questi personaggi e quindi ha un forte attaccamento verso di loro. Vuole anche sottolineare l’effetto del tempo su questi personaggi permettendo agli effetti del climax di Infinity War di soffermarsi. Tuttavia, spesso sembra una scorciatoia pigra in termini di caratterizzazione.

Questo è più ovvio con Hulk. Per essere onesti, i Marvel Studios non ha mai saputo bene cosa fare con Hulk. L’approccio al personaggio è variato selvaggiamente quasi da scena a scena, in gran parte perché il personaggio non ha una sola forza guida creativa a muoverlo. In Ragnarok, Bruce Banner era preoccupato che se fosse mai tornato a Hulk, sarebbe stato perso per sempre. Poi, in Infinity War, Hulk si nasconde all’interno di Banner rifiutando di uscire dopo essere stato umiliato da Thanos. Infine, in Endgame, sembra che Banner e Hulk abbiano fatto pace, con la coscienza di Banner che vive all’interno del corpo di Hulk. È possibile costruire una storia da quei battiti, ma non c’è tessuto connettivo.

cap america avengers endgame

Hulk

Il film non spiega mai veramente perché questo sia necessario o come funzioni. Dato che Hulk ha una sua personalità, Banner ha efficacemente lobotomizzato il suo alter ego e ora sta cavalcando all’interno di un gigantesco cadavere verde? Considerato quanto sia forte Hulk e quanto sia facile causare danni alla proprietà, Banner non si preoccupa di rompere accidentalmente cose semplicemente camminando in quella gigantesca forma verde? Inoltre, quale vantaggio tangibile ha Banner nel sembrare sempre Hulk? Cosa realizza? Thanos è andato via da molto. Qual è il vantaggio, qui? Endgame non risponde mai, affermando semplicemente che Banner ha fatto questo dopo aver speso “Diciotto mesi in un laboratorio gamma.”

Il problema è amplificato quando si tratta dell’inevitabile trama del viaggio nel tempo nel secondo atto. Ancora una volta, le influenze del film sembrano venire principalmente dalla televisione. Ci sono sfumature di All Good Things, l’amata serie finale di Star Trek: The Next Generation, alla trama. La struttura del film – in particolare i personaggi che nidificano dal futuro nelle precedenti avventure – deve molto anche al lavoro di Steven Moffat su Doctor Who, in particolare The Pandorica Opens e The Big Bang. Tuttavia, c’è una strana dicotomia tra quanto seriamente Endgame vuole che il pubblico pensi che stia prendendo questa assurdità del viaggio nel tempo e quanto seriamente stia davvero prendendo questa assurdità del viaggio nel tempo.

La logica del viaggio nel tempo in Avengers Endgame

Qui, ancora una volta, la nostalgia è uno strumento potente. La logica interna di Avengers Endgame sembra meramente intertestuale. I personaggi incorniciano ripetutamente le loro avventure in termini di cultura pop, piuttosto che avvicinarsi a loro come cose che stanno realmente accadendo entro i confini di questa narrazione. Quando Rhodey e Nebula si avvicinano alla “Tomba della Pietra del Potere”, Rhodey invoca la logica del film “I Predatori dell’Arca Perduta” che in precedenza avevano esercitato un’influenza inespressa sulla precedente apparizione della tomba in Guardians of the Galaxy. Quando discutono di viaggi nel tempo, i personaggi ne discutono principalmente in termini di film come Ritorno al futuro e Ritorno al futuro II, il che contestualizza convenientemente come in realtà, Endgame prevede di utilizzare il viaggio nel tempo come pretesto narrativo.

Tuttavia, il film è eccessivamente serio e auto-serio, visti i numerosi riferimenti a Back to the Future II . Recentemente, personaggi come Hulk e Nebulosa affermano che “non è così che funziona il viaggio nel tempo”, come se il film fosse in realtà interessato alla fisica teorica avanzata. Inoltre, la strana complicata logica del viaggio nel tempo interno del film ottiene una serie di esposizioni davvero maldestre da parte di personaggi che girano con utili presentazioni powerpoint tridimensionali che possono distribuire a volontà per assicurare ai nostri eroi – e al pubblico – che quel viaggio nel tempo è un grosso problema e quindi dovrebbe essere rispettato. Si parla molto di fare danni alla timeline, spesso giocata per angoscia e posta in gioco.

L’unico problema è che Endgame non si preoccupa di nulla di tutto ciò. I personaggi sembrano essere in grado di causare tanto o meno danno alla timeline quanto necessario per giustificare varie sequenze di azioni o soddisfare i bisogni del personaggio. Il film insiste sul fatto che gli oggetti che gli eroi stanno rubando dalla storia devono essere sostituiti per impedire che la cronologia collassi, ma i personaggi possono incontrare i loro sé passati o estrarre versioni di altri personaggi dalla storia senza causare alcun danno reale al flusso temporale. Di nuovo, il viaggio nel tempo non esiste, e così Endgame è libero di inventare qualunque legge desideri. Tuttavia, c’è qualcosa di stranamente frustrante in quanto asserisce in modo aggressivo certe idee solo per ignorarle quando è più semplice.

Questo è il fascino del passato di Endgame. La nostalgia nel film è profonda. Ad un bivio per i Marvel Studios, che arriva in un momento in cui la compagnia è una forza culturale dominante ma cerca di capire come mantenere quel dominio dopo una grande transizione, Avengers Endgame si ritira nelle comodità del passato. Endgame è popolato da dozzine di colpi e allusioni a film precedenti, anche al di là di ciò che è strettamente necessario per il punto della trama. I personaggi precedenti mostrano chi non ha una vera ragione per essere parte della trama, oltre a flettere i muscoli contrattuali della compagnia. C’è il senso di un’azienda che ricrea la propria storia, non perché sia ​​una buona idea, non perché abbia qualcosa da dire su quella storia, ma semplicemente perché può farlo.

In definitiva, Endgame afferma che il tempo non conta in realtà, forse il suo più significativo fraintendimento su come funziona il passare del tempo. Ripetutamente in Avengers Endgame, i personaggi sono estratti dal flusso temporale di mezzo decennio fa e trascinati nel presente come sostituti o surrogati dei loro sé morti. Questi sono giocatori importanti, personaggi amati, che hanno avuto viaggi significativi e importanti sviluppi in questi cinque anni. Rivela molto su come Endgame e l’universo cinematografico Marvel in generale, considerano il tempo che presuppone che questi personaggi siano fondamentalmente uguali e intercambiabili. La versione di Thanos dei Guardiani della Galassia è uguale a quella che ha vissuto attraverso Infinity War? Endgame certamente la pensa così.

C’è un forte senso in cui Endgame si ritirerebbe felicemente nel suo passato idealizzato, se potesse. Significativamente, un personaggio fa proprio questo al culmine del film. Il film organizza questo tardo sviluppo con qualche esposizione imbarazzante nell’atto di apertura, ma non si preoccupa mai di articolare alcuna motivazione interna per la scelta del personaggio. Perché quel personaggio tornerebbe adesso? Dedito in particolare tutto ciò che è ancora da fare? Forse questo è semplicemente perché il contratto dell’attore stava volgendo al termine, ma forse è perché Avengers Endgame non pensa che questo tipo di ritirarsi nei comfort del passato abbia bisogno di giustificazioni o spiegazioni. Endgame presume che tutti avrebbero scelto di rivivere il proprio passato se l’opportunità si presentasse.

La paura del futuro

Questo desiderio per il passato è rispecchiato da uno scetticismo e disprezzo per il futuro. In molti modi, Avengers Endgame si posiziona come l’antitesi di Star Wars: Episodio VIII – The Last Jedi, un film sulla necessità di lasciare andare il passato e abbracciare il futuro. Endgame è un film su quanto sia spaventoso il futuro e la necessità di aggrapparsi al passato. Ripetutamente, i personaggi di Endgame sottraggono attivamente qualsiasi senso di obbligo o responsabilità verso il futuro in favore dell’abbracciare le comodità del passato. Questo è particolarmente vero per Thor che trascorre gran parte del film a lamentarsi del fatto che non è all’altezza delle aspettative di un sovrano di Asgard, pur non essendo all’altezza delle aspettative di un sovrano di Asgard.

La maggior parte dei film direbbe a Thor di non farsi sconfiggere, di imparare dai suoi fallimenti e di provare più duramente in futuro. Questo è il ritmo familiare delle storie dei supereroi. “Perché cadiamo?” Chiede Alfred in Batman Begins. Tuttavia, Endgame ha una prospettiva decisamente più cinica sull’eroismo. “Tutti falliamo su chi dovremmo essere”, consiglia un personaggio a Thor, dicendogli invece che ha bisogno di imparare ad amare chi è. In molti modi, questa è la morale dell’universo cinematografico Marvel, che rifiuta ogni senso di crescita personale a favore dell’auto-soddisfazione. Thor articola la morale al culmine,”Sarò quello che sono, non quello che dovrei essere.” Questa è una definizione unica di eroismo.

avengers endgame

Tuttavia, questo è sempre più il modo in cui opera la moralità dell’universo cinematografico Marvel.

Avengers Endgame non è mai diffidente nei confronti del potere, è semplicemente diffidente nei confronti di chi lo maneggia. Le Infinity Stones (o Gemme dell’Infinito) sono usate ripetutamente in Endgame, sia dagli eroi come dai cattivi. Non c’è mai la sensazione che ci siano alcuni strumenti troppo potenti per essere branditi dai mortali, troppo mostruosi per comprenderli. Invece, Endgame sostiene che tale potere dovrebbe essere giudicato solo in riferimento a chi lo detiene. I nostri eroi non sarebbero mai corrotti dal potere, non lo userebbero mai ingiustamente o impropriamente, non si comprometterebbero mai né tradirebbero i loro principi. Ancora una volta, questa è la logica di Capitan America in Civil War, l’uomo che unilateralmente ha deciso che un terrorista dovrebbe far parte della sua squadra di supereroi e che il suo migliore amico non dovrebbe dover affrontare la giustizia per i suoi crimini.

In effetti, questa sembra essere la logica alla base della fusione di Bruce Banner con Hulk in Endgame. La logica non è mai articolata nel contesto del film. Come con la ritirata dell’altro personaggio nel passato, la logica interna è data per scontata. La crisi di sfiducia e insicurezza di Banner nei film precedenti non era il risultato di quella mostruosa potenza che lo depredava , sostiene Endgame. Invece, Banner aveva lottato perché era così riluttante ad abbracciare e ad accettare quel potere, a maneggiarlo come avrebbe dovuto. Endgame sostiene che Banner diventa un’intera persona quando prende il potere offerto da Hulk piuttosto che ritirarsi da esso. Questa è la logica del Marvel Cinematic Universe. Chi esiterebbe quando viene offerto il potere?

Conclusioni su Avengers Endgame

Questo tema attraversa gran parte di Endgame. Per quanto una certa razza di fan dei supereroi possa sostenere che Batman vs Superman è troppo violento o nichilista, è interessante chiedersi se potrebbero dire lo stesso di Endgame. Dopotutto, questo è un film in cui Spider-Man comanda con impazienza la sua tuta di “attivare la modalità di uccisione immediata!”. L’unica differenza tra questo e la letalità casuale in Batman vs Superman è il livello di saturazione del colore che attraversa gran parte del film e che Batman vs Superman è stato, almeno casualmente, interessante nel parlare delle implicazioni di questo tipo di fantasia di potere – anche se conducono in direzioni grottesche.

Inevitabilmente, Avengers Endgame si presenta come uno strano e spiacevole “eroico 9/11”, incorniciato come una deliberata inversione di un momento chiave della trama da Infinity War.

Endgame capisce che il passato è inevitabile, ma può sempre essere riscritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close