Cinema, Film e Serie Tv

L’impatto della femminilità nel Cinema di Fantascienza

Da Interstellar a Captain Marvel, passando per il franchise di Star Trek

Le donne hanno ovviamente avuto un enorme impatto sulla formazione e sulla definizione del cinema di fantascienza.

Molte delle figure chiave nella storia della fantascienza sono state donne, attraverso tutte le forme di media. Ursula Le Guin è uno dei principali autori di fantascienza giusto per dirne una. Il primo showrunner di Doctor Who era Verity Lambert. Tra molte delle figure chiave oscurate da Gene Roddenberry nello sviluppo di Star Trek c’era Dorothy “DC” Fontana che è stata responsabile della definizione e della formazione di ciò che i fan conoscono sul personaggio iconico di Spock e di Vulcan.

Autrici di Fantascienza

In effetti, il fandom di fantascienza moderno deve molto ai primi appassionati di sesso femminile. Spockanalia è stata una delle prime fanzine di qualità professionale, dedicata all’idea di Spock come icona culturale e sex symbol. La campagna “Save Star Trek” è stata organizzata da Bjo Trimble .

Tuttavia, questo aspetto della storia e dello sviluppo del genere è ampiamente ignorato e trascurato. La fantascienza moderna è ampiamente definita come un genere maschile. I libri della Top Ten Hard Science Fiction del MIT Technology includono un autore di sesso femminile, mentre i 50 libri di fantascienza di Forbidden Planet che devi leggere comprendono solo tre donne.

Le recenti incursioni di registi come Ava DuVernay, Patty Jenkins e Claire Denis nella fantascienza sul grande schermo hanno solo messo in luce il grado in cui il genere è stato storicamente dominato dai registi maschi. Persino la percezione del fandom, del cinema di fantascienza, è di genere. Nonostante il ruolo formativo svolto dalle donne nel definire il fandom, l’immagine stereotipata di un fan è “bianca, borghese, maschile, eterosessuale”.

Il problema del fandom nel cinema di fantascienza

Come in molti altri aspetti del fandom, questa peculiarità è stata messa in evidenza negli ultimi anni, una guerra culturale, a lungo bollente, per la proprietà di questi spazi concettuali – che si è riversata nel mainstream. I fandoms tradizionalmente considerati bianchi, eterosessuali e maschili hanno cominciato a scagliarsi contro ciò che percepiscono come invasori che non si conformano alle loro aspettative. Questi attacchi sono di genere.

GamerGate è stato un attacco organizzato contro le donne all’interno della comunità di gioco, a cominciare da una campagna diffamatoria da parte di un fidanzato abbandonato. In termini di fantascienza, i Sad Puppies e Rabid Puppies hanno tentato di ingannare le nomination di Hugo per colpire donne e minoranze.

Contro questo contesto, una delle spinte più interessanti nella fantascienza mainstream è un tentativo deciso di ri-contestualizzare la narrativa di fantascienza, di allontanare il genere da questi elementi più reazionari e queste definizioni più convenzionali di interesse maschile. Tuttavia, parte di questa reinvenzione è stata più sottile e sfumata, come il rifiuto cosciente della fantascienza hard in progetti di fantascienza di pubblico di massa e con budget elevato come Interstellar, Star Trek: Discovery e Captain Marvel.

Hard Science-fiction

Uno dei modi più interessanti in cui la fantascienza è di genere è attraverso l’enfasi sulla cosiddetta “fantascienza hard”. L’idea di “hard science-fiction” è che è considerata più “realistica” di  “soft science-fiction”. È la fantascienza che è radicata nel razionale, ancorato a idee che hanno qualche base nella scienza moderna, anche se queste idee sono estrapolate e ampliate. Il cinema di fantascienza dura pone molta enfasi sulla ricerca e sulla meccanica. È molto focalizzato su come esattamente il mondo in cui la storia funziona. È meno probabile che disponga di una tecnologia (teoricamente improbabile) come un viaggio più veloce della luce.

Certo, è sciocco generalizzare in modo troppo ampio, ma studi e sondaggi suggeriscono che i fandom maschili e femminili siano intrinsecamente diversi. Gli spazi di fan maschili sono tradizionalmente molto più interessati al concreto e all’assoluto; su catalogazione e grafici, sulla continuità e il canon.

Al contrario, gli spazi femminili sono stati tradizionalmente più interessati all’astratto e alla creatività; riguardo la fan fiction e l’evoluzione dei personaggi. Uno degli aspetti più sottovalutati dell’epico fantascientifico “Interstellar” di Christopher Nolan è il modo in cui si interroga consciamente su molti di questi aspetti.

Sebbene Nolan abbia fatto sforzi consapevoli per migliorare la sua caratterizzazione dei personaggi femminili in seguito alla decostruzione del suo uso della “moglie morta” in Inception, lo scrittore e il regista sono stati (abbastanza) criticati per emarginare personaggi femminili nei film The Prestige e The Dark Knight. In quanto tale, sembra improbabile che le esplorazioni di genere di Nolan vengano presentate per l’analisi. Questo è un peccato; Inception è un affossamento (affascinante) di una forma molto tossica di mascolinità.

Al momento del rilascio, Interstellar è stato accolto come un trionfo per la fantascienza hard sul grande schermo, anche tenendo conto di elementi come il buco nero o gli esseri umani iper-evoluti che vivono al suo interno. Sta rivelando che il punto di paragone predefinito per il film era il 2001: Odissea nello spazio. In quanto tale, almeno sulla carta, Interstellar sembrava un altro ingresso trionfale nel canone del cinema di fantascienza “dura”, il genere che era tradizionalmente codificato come maschile e che giocava allo stesso tipo di impulsi associati a quella sottosezione di genere. Interstellar è stato posizionato come fantascienza per i fan a cui piacevano fatti e cifre, statistiche e dati.

brand interstellar
Brand è una figura molto importante per i risvolti evolutivi che il cinema di fantascienza sta compiendo negli ultimi anni

La svolta Interstellar nel cinema di fantascienza

Tuttavia, qualcosa di interessante accade all’interno del film stesso. In particolare, il film è molto più interessato ai concetti astratti (e tradizionalmente codificati come femminili) come l’amore piuttosto che a concetti più razionali (e tradizionalmente codificati come maschili) come i dati. Interstellar dimostra questa idea ripetutamente ma ovviamente, attraverso i suoi personaggi femminili e i personaggi maschili con cui sono in contrasto. Ad un certo punto, l’equipaggio si trova costretto a fare una scelta tra due pianeti; il pianeta visitato da Edmund e il pianeta visitato da Mann. I dati di Edmund erano promettenti, ma le sue trasmissioni si sono fermate. I dati di Mann sono più ambigui ma sono stati trasmessi in modo coerente.

Durante un dibattito su quale pianeta scegliere, i due astronauti maschi hanno deciso di visitare il pianeta di Mann. Come spiega Cooper, “Eccolo. È a terra e sta inviando un messaggio inequivocabile, che ci dice di venire sul suo pianeta”. Tuttavia, Amelie Brand obietta: “Cooper, questo è il mio campo e credo davvero che Edmunds sia la prospettiva migliore” , sostiene. Nonostante Brand sia l’esperto del settore, Cooper la sfavorisce consapevolmente al voto decisivo. Cooper dipinge Brand come emotiva e inaffidabile, un insulto ovviamente di genere. L’argomento di Cooper è che la prospettiva di Brand è compromessa dal fatto che ha un attaccamento emotivo di lunga data nei confronti di Wolf Edmund e che questo possa compromettere la sua capacità di giudizio.

È un argomento di genere, sostenuto dalla sua stessa logica interna. Gli uomini di Interstellar spesso reprimono e nascondono le loro emozioni, come molti uomini nei film di Nolan. Tendono a trattare le risposte emotive come compromettenti e inaffidabili, e insistono sul fatto che è possibile trascendere tali limiti (quindi gran parte della Inception dipende dall’incapacità di Cobb di riconoscere il proprio trauma emotivo e di insistere sul fatto che ha tutto “sotto controllo”). Infatti, gli astronauti inviati prima della spedizione in Interstellar furono scelti appositamente perché non avevano attaccamenti emotivi alla Terra. La logica dietro la scelta ha senso nel mondo della fantascienza dura.

L’idea è che queste persone eccezionali potrebbero essere completamente imparziali nel loro viaggio, che potrebbero fare scelte difficili senza appannare il loro giudizio con un’emozione inutile. In effetti, la relazione di Brand con Edmunds è vista come un tradimento di questa idea centrale. Tuttavia, Interstellar si fa beffe di questo rigido approccio troppo razionale attraverso l’introduzione del dottor Mann. Il suo nome è appena sottile. Il dottor Mann è descritto da Brand come “il migliore di noi” e un esempio di questi ideali di razionalità. “Ha ispirato undici persone a seguirlo nel viaggio più solitario della storia umana”, Mann è un leader. È un esempio del tipo di eroe che tende ad esistere al centro di queste storie; un audace avventuriero senza attaccamento emotivo e fame di scienza.

L’emotività crea razionalità nel cinema di fantascienza moderno

Tuttavia, quando Cooper e Brand visitano il cosiddetto “Mann’s Planet”, scoprono un mondo che Mann stesso descrive come “freddo” e “rigido”. Nonostante il fatto che i dati di Mann fossero buoni e nonostante Mann fosse il candidato perfetto per questa missione, c’è un difetto fatale nel sistema. Nonostante (o forse a causa di) la sua mancanza di attaccamento, Mann è altrettanto imperfetto di qualsiasi altro essere umano. L’esperienza emotiva non può essere completamente esclusa dall’equazione ed è sciocco pensare che possa farlo.

“Sai perché non potevamo semplicemente inviare macchine su queste missioni, vero?” Chiede Mann a Cooper. “Una macchina non improvvisa bene perché non puoi programmare una paura della morte. Il nostro istinto di sopravvivenza è la nostra più grande fonte di ispirazione”.
Osservando la propria mancanza di attaccamento verso chiunque sulla Terra, Mann spiega: “ma anche senza una famiglia, posso prometterti che il desiderio di stare con altre persone è potente. Quell’emozione è alla base di ciò che ci rende umani. Non è da prendere alla leggera”. Viene rivelato che Mann ha creato i suoi dati.

Motivato dalla sua paura della morte e della sua solitudine, attira Brand e Cooper sul pianeta per farsi soccorrere. “Ho resistito alla tentazione per anni. Ma sapevo che se avessi premuto quel pulsante, qualcuno sarebbe venuto a salvarmi”. In tal modo, potrebbe aver condannato l’intera specie. Anche se Cooper soffoca dopo che il casco si è rotto, Mann continua a concepire se stesso come l’eroe robusto. “L’istinto di sopravvivenza. Questo è quello che mi ha guidato. È ciò che guida tutti noi. Ed è quello che ci salverà. Perché voglio salvare tutti noi. Per te, Cooper”.

Interstellar non si limita a sostenere che è completamente impossibile l’oggettività. Sostiene che l’attaccamento emotivo è una buona cosa. Mann articola anche l’idea mentre guarda Cooper soffocare. Il film implica che ciò che ha spinto Mann a premere il pulsante è proprio il fatto che non avesse attaccamenti emotivi sulla Terra. Mann non si preoccupava di nessuno che si fosse lasciato alle spalle e così non gli importa che la sua solitudine potesse condannare l’intera specie. Mann era in grado di agire in modo così egoisticamente preciso a causa della sua mancanza di attaccamenti.

Al contrario, gli attaccamenti emotivi di Cooper e Brand sono ciò che li guida attraverso Interstellar. Brand e Cooper perseverano non per obiettività o razionalità, ma per il loro profondo attaccamento emotivo ad altri esseri umani. Il viaggio è motivato dal suo amore per Edmunds e questo si rivela (alla fine) la chiamata corretta anche se non si è riunita a lui. Cooper è motivato dal suo amore per Murph, e quindi si assume enormi rischi nello sforzo di fornire un futuro per lei. In effetti, sia Cooper che Brand hanno il potere dei loro attaccamenti emotivi preesistenti, piuttosto che indeboliti da essi. In tal modo, Interstellar sembra rifiutare fermamente l’idea che la fantascienza come genere non abbia spazio per le emozioni e che la razionalità completa è spesso un’illusione.

La battaglia tra razionalismo ed emotività in Star Trek

La “razionalità” è spesso definita come un tratto maschile; questo fa parte nelle dinamiche di genere in X-Files e sono il motivo per cui questa serie è diventata un cult: Scully è razionale e Mulder interpreta il membro più irrazionale del duo. Al contrario, le donne sono spesso ritratte come essendo eccessivamente emotive e irrazionali, e questa critica viene spesso utilizzata per indebolirle .

Come con Interstellar, altri recenti film del cinema di fantascienza ad alto budget si sono impegnati coscientemente in questa battaglia tra pseudo-razionalità ed emotività all’interno del genere. Come con Interstellar, questo sembra una decisione consapevole di genere. In effetti, dato il contesto circostante, non potrebbe essere altro che una decisione di genere. Star Trek: Discovery è un esempio interessante. È la prima serie di Star Trek ad avere un personaggio come protagonista femminile di colore che (prevedibilmente) non ha creato carenza di backdraft online (il franchise, in precedenza aveva un protagonista di colore e una protagonista femminile ma non una protagonista femminile di colore). Uno degli aspetti più interessanti di Michael Burnham è il modo in cui il personaggio è definito sia umano che alieno; un orfano cresciuto su Vulcano.

I Vulcaniani sono una delle specie più interessanti del canon di Star Trek e per ovvi motivi. Spock è uno dei personaggi più iconici della cultura pop americana, quindi la sua specie sarà sempre interessante. I Vulcaniani sono una specie che dà priorità alla logica sulle emozioni, sopprimendo i loro sentimenti al servizio della razionalità. Uno dei suggerimenti più interessanti ricorrenti nel più ampio canone di Star Trek è che questa non è sempre una buona idea. Con la notevole eccezione di Sarek e in particolare solo dopo la sua reintroduzione in Star Trek III: The Search for Spock, quasi tutti i vulcaniani purosangue presenti nel franchise sono stati individui profondamente turbati.

tpol star trek
Non sono Cinema di Fantascienza, anche il celebre franchise televisivo di Star Trek ha dato il suo contributo alla definizione di lotta tra razionalità ed emotività

Sull’originale Star Trek, l’episodio Amok Time fece in modo che i promessi sposi di Spock manipolassero il suo aspirante marito quasi uccidendo il suo migliore amico; il regale T’Pau si accontentò di lasciare che Kirk partecipasse a una competizione di vita e morte senza preoccuparsi di informarlo della posta in gioco. In Star Trek VI: The Undiscovered Country, il Vulcaniano Valeris ha progettato di provocare una nuova guerra tra la Federazione e l’Impero Klingon. Star Trek: Deep Space Nine era popolato da cretini Vulcaniani, dal giocatore di freccette di Shakaar al bullo di Take Me Out to the Holosuite , per non parlare del terrorista in The Maquis, Parte I e The Maquis, Parte II o il killer psicotico in Field of Fire .

Star Trek: Voyager ha fatto ben poco per alleviare tali ansie. Tuvok fu presentato come spia della Federazione che tradì Chakotay nella Federazione e il personaggio era spesso sul bordo di un esaurimento nervoso. Star Trek: Enterprise era controverso tra i fan per aver continuato a sviluppare i Vulcaniani seguendo queste linee, interpretandoli come intriganti e arroganti in storie come The Andorian Incident e Ombre di P’Jem.

All’interno del canone di Star Trek, i Vulcaniani sono stati costantemente rappresentati come una specie aliena che gioca queste due metà l’una contro l’altra. Durante il franchise di lungometraggi, Spock ripetutamente ha dovuto fare i conti con le sue emozioni umane piuttosto che semplicemente sopprimerle; abbandona la purga di tali emozioni in Star Trek: The Motion Picture e il suo arco in Star Trek IV: The Voyage Home culmina nella sua decisione di dire a sua madre che si sente “bene”. In Star Trek , quando Spock chiede a suo padre perché sposerebbe un umano, Sarek inizialmente risponde: “sposare tua madre era logico.” Solo più tardi concede, “mi hai chiesto una volta perché ho sposato tua madre. L’ho sposata perché l’amavo.”

Questa tensione si ribalta attraverso Discovery e viene ripetutamente in primo piano. La serie non dedica altrettanta attenzione a Vulcan come Enterprise ma suggerisce ripetutamente che qualcosa non è salutare sul pianeta. In The Vulcan Hello, viene rivelato che Michael è stato preso di mira da “estremisti logici” xenofobi durante la sua infanzia su Vulcan che “non volevano gli umani nella loro cultura”. In Lethe , uno di questi “estremisti logici” lancia un attacco suicida alla navetta di Sarek giurando che “il sacrificio sarà un grido di battaglia per coloro che apprezzano soprattutto la logica. I Vulcaniani presto riconosceranno e si ritireranno dall’esperimento fallito noto come Federazione.”

La soluzione di Captain Marvel

Questa divisione tra razionalismo ed emotività si ripercuote su Captain Marvel dove è più esplicitamente di genere. Carol Danvers viene ripetutamente rimproverata nel corso del film per essere “troppo emotiva”. Il suo allenatore Kree, Yon-Rogg, la spinge ripetutamente a usare la sua testa e non il suo cuore. Le dice che non può mai trionfare se lascia che le sue emozioni abbiano la meglio su di lei. Yon-Rogg non è l’unico personaggio che tratta Carol in questo modo. I flashback alla sua formazione di base presso l’Air Force Academy includono linee di dialogo simili. C’è un senso in cui ci si aspetta che Carol Danvers semplicemente interrompa le sue risposte emotive alle situazioni per conformarsi a una visione del mondo razionalista.

cap marvel
Captain Marvel è attualmente l’apice di questa curva di influenza femminile sul cinema di fantascienza

Captain Marvel respinge fermamente questa filosofia. In effetti, il film fa una scelta consapevole per legare i poteri di Carol Danvers alle sue emozioni. Le sue emozioni non sono una fonte di debolezza, ma di forza. Carol può davvero volare solo quando si connette con i suoi sentimenti piuttosto che capire le cose emotivamente. Al culmine del film, realizzando che il suo potere proviene dal calore dell’emozione piuttosto che dalla fredda razionalità, osserva: “ho combattuto con una mano legata dietro la schiena”.

È difficile che nel fare ciò, Yon-Rogg cerchi anche di negare a Carol il controllo sulla propria autonomia corporea. Yon-Rogg è il tentativo dei Kree di dettare legge su come Carol debba usare il suo corpo. Ancora una volta, questo è un elemento di trama fortemente di genere. Gli uomini hanno a lungo dettato ciò che le donne possono e non possono fare con i loro corpi.

Tuttavia, i tentativi di Yon-Rogg di affermare il controllo su Carol vanno oltre l’autonomia fisica. Yon-Rogg cerca di stabilire i termini del fidanzamento con Carol, in particolare al culmine del film, quando ha sconfitto con forza un’armata nemica. “Sono così orgoglioso di te”, afferma Yon-Rogg, come se avesse bisogno della sua convalida o approvazione. Solleva i pugni come per sparare come un tempo, quando le diceva di controllare le sue emozioni. Nonostante la portata e lo spettacolo di tutto ciò che ha portato a quel momento, forse il momento più trionfante del film arriva quando Carol si rende conto che non ha bisogno di interagire con Yon-Rogg. “Non ho nulla da dimostrarti”, afferma, semplicemente.

Questi esempi puntano tutti a una tendenza più ampia nella fantascienza popolare contemporanea, un tentativo di trovare spazio nel genere per attributi femminili di genere tradizionali come emozione e sentimento. Film come Interstellar e Captain Marvel e show come Discovery, respingono l’idea che gli attributi maschili tradizionalmente di genere come la razionalità siano gli unici tratti che contano in queste strutture narrative. È una resa dei conti da tempo attesa, e sembra che il genere fantascientifico possa lentamente aprirsi a prospettive esterne. Sebbene il cinema di fantascienza abbia una lunga e ricca storia di influenze e spazi femminili, per troppo tempo è stata classificata come tradizionalmente maschile. È rinfrescante vederlo cambiare, anche se lentamente.[vc_message icon_fontawesome=”fa fa-comment” css_animation=”bounceIn”]Ti è piaciuto questo articolo? Facci sapere cosa ne pensi! Lascia un commento qui sotto o scopri ulteriori contenuti cliccando o navigando il nostro Menù. E se ciò non dovesse bastare, considera la possibilità di scrivere un articolo di risposta! Invialo a redazione@ilbosone.com seguendo le istruzioni riportate nella pagina Collabora.[/vc_message]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close