L'Editoriale

Jake Lloyd compie 30 anni ma per i fan è un ciccione

Per i fan italiani, Jake Lloyd è un ciccione. Ma ad alcuni utenti non sta bene...

Come molti fan di Star Wars sapranno già, oggi è il compleanno di Jake Lloyd. Per chi non lo sapesse, questa è la reale identità del bambino che interpretò Anakin Skywalker nel prequel di Star Wars, La Minaccia Fantasma (1999).

Un passo indietro su Jake Lloyd

Oggi trentenne, Jake Lloyd non è solo un pezzo di storia della saga cinematografica più celebre al mondo ma rappresenta anche una drammatica parabola nel mondo dello spettacolo.

L’esperienza recitativa dell’ex interprete, infatti, non fu particolarmente felice. Le ragioni sono da attribuire a diversi fattori, in primis al flop che la nuova trilogia aveva commesso nei confronti di botteghino e fan della vecchia guardia.

Come abbiamo visto con la vicenda delle polemiche su Brie Larson, le community di appassionati sanno essere esageratamente critiche nei confronti delle produzioni quando le aspettative rispetto all’uscita di nuovi film non vengono rispettate.

E’ quasi come se si trattasse dell’appropriazione illecita del marchio intellettuale con la differenza che a possederlo non sono di certo i fan e dietro ogni opera audiovisiva c’è un’azienda proprietaria. In questo caso, gli studi di Lucasfilm, avevano decretato che Jake Lloyd, un innocente bambino che a quei tempi aveva solo 6 anni, avrebbe interpretato il prescelto.

Nonostante il coinvolgimento di una figura completamente estranea al mondo e ai meccanismi della macchina da presa, il fandom non aspettò a inondare e scaricare Jake Lloyd insieme alla spazzatura mediatica che si infranse sulle nuove pellicole di G. Lucas.

Anche se lo sviluppo di Internet, come fenomeno di massa, era ancora agli albori, la controversia fu di una portata tale da trasferirsi anche in sede della vita privata del giovane attore. Di recente, esattamente 3 anni fa, il mondo venne a conoscenza della schizofrenia di Jake Lloyd, malattia mentale che molto probabilmente aveva sviluppato nel corso della sua lunga storia di sfottò e bullismo psicologico ad opera di altri bambini e successivamente, colleghi.

La polemica

Ammetto di essere stato prolisso riguardo all’argomento e paradossalmente è solo un tramite per arrivare alla vera questione. Se siete dei fan che bazzicano sulle azzurre onde virtuali di Facebook, potreste aver trovato dei post che ritraggono le immagini sottostanti:

jake lloyd

Nella parte superiore, vediamo due accaniti fan di Star Wars duellarsi a spade laser. L’immagine sembra essere stata estrapolata da un video su Youtube. La seconda, ovviamente, era intesa per omaggiare la ricorrenza del natale di Jake Lloyd.

Fin qui tutto normale, il fattaccio si percepisce scorrendo verso i commenti dove si leggono interventi pubblicati con l’intenzione di screditare i protagonisti del Thread.

commenti polemicicommenti polemicicommenti polemicicommenti polemicicommenti polemicijake lloyd commenti polemici

Le immagini sono state scattate e collezionate da Valentino Notari, un utente della nota piattaforma zuckerberghiana che ha voluto esprimere la sua opinione in merito alle battute di cui sopra.

Con piacere segnaliamo e condividiamo il contenuto del testo della discussione:

Queste immagini provengono da due post apparsi a distanza di pochissimi giorni in alcuni gruppi e pagine di fan di Star Wars. Il primo, definito “ironico”, preso da un canale YouTube. Il secondo era un post di auguri a Jake Lloyd, l’attore che ha interpretato Anakin in Episodio I.

I commenti sottostanti, un insulto alla decenza umana, sono riportati senza specificare a quale foto si riferiscano. Questo per dimostrare come il confine tra lo scherzo e l’insulto sia solo apparente, e che la logica dietro queste affermazioni sia assolutamente la stessa: un bisogno patologico di sfottere il prossimo, spesso con una cattiveria gratuita da mettere i brividi, protetti dallo schermo di un computer e dallo scudo di una supposta “ironia”.

Perché scrivo questo?

All’interno del fandom italiano, entrambi i post hanno causato un discreto scompiglio, con alcuni utenti (me compreso), che hanno espresso la propria incredulità (eufemismo) di fronte a una così plateale mancanza di rispetto. Ora, nel caso di Jake Lloyd la condanna è stata unanime, anche da arte di celebri fan page nostrane, che si sono sperticate in critiche particolarmente sentite dei commenti, vista anche la tragica storia dell’attore, finito ricoverato in clinica psichiatrica a seguito degli insulti dei fan di Star Wars e del bullismo subito fin da bambino. Nel secondo caso, invece, numerose persone, compresi i moderatori e gli admin di alcuni gruppi e pagine, si sono nascosti dietro il dito del sarcasmo, dell’ironia, giustificando commenti indifendibili e arrivando perfino a moderare chi esprimeva dissenso nei confronti di un post che più che da una pagina di Star Wars sembrava uscito da Sesso, Droga e Pastorizia.

Due pesi, due misure.

A onor di cronaca, il post dello YouTuber è nato come un post autoironico. Ma il fandom di Star Wars non è il suo canale, dove chi lo segue apprezza questo genere di scherzo. Non tutti possiedono l’autoironia di questo ragazzo e per alcuni, vittime di bullismo e prese in giro quotidiane, l’effetto di commenti simili può essere devastante.

Ci tengo a dire questo perché credo fermamente che, fermandosi a riflettere, si possa capire come il rispetto del prossimo e la solidarietà non possano essere atteggiamenti dettati dalle circostanze. Jake Lloyd è un volto conosciuto da tutti i fan di Star Wars e sono molti ad aver espresso solidarietà nei suoi confronti per ciò che gli è capitato. Allo stesso modo, bisogna condannare gli atteggiamenti che lo hanno trascinato nel baratro della depressione, così come quelli subiti da Kelly Marie Tran e Ahmed Best, spinto addirittura al suicidio dagli insulti rivolti al suo lavoro come interprete di Jar Jar Binks. Il bullismo prende molte forme, una di queste è il bodyshaming, e non va sottovalutato.

Ritengo che approvare il parere del buon Valentino sia come minimo doveroso ed essendo felice che quanto da lui affermato, rifletta il mio medesimo stato d’animo in merito alle polemiche su Jake Lloyd, ricordo la promessa che avevamo fatto qualche settimana fa riguardo a una questione analoga.

Conclusioni

I più attenti ricorderanno un articolo di Business Insider dal titolo: Secchioni teneri e buffi? Non proprio: i nerd sono misogini, omofobi e razzisti.

Anche per un nerd, è normale arrabbiarsi quando si tratta di etichettare la propria cultura in modo superficiale. Immaginate allora quanto può essere fastidioso — se non addirittura pericoloso — definire una persona per il proprio aspetto fisico.

Nell’era di internet, le cosiddette “shitstorm” aggravano ulteriormente la situazione delle vittime perché al contrario delle lapidazioni pubbliche, il testo che viene utilizzato per screditare un individuo è indelebile e rimane nel tempo — al contrario di parole e sassate volubili.

Ne abbiamo la conferma dalla recente diffida di James Gunn dalla Marvel, uno dei registi più talentuosi nel settore dei cinecomics che ha perso la direzione dei film su I Guardiani della Galassia dopo che un gruppo di attivisti di estrema destra, aveva riesumato alcuni suoi controversi Tweet di ben 10 anni fa

Persino Brie Larson, nei giorni scorsi, è stata obiettivo di critiche e flame inerenti a una sua presunta scelta di impedire a giornalisti di etnia bianca di presenziare alle sue conferenze stampe.

Lo abbiamo osservato anche nelle chilometriche e infinite discussioni sul Cosplay.

E il giorno in cui il Karma colpirà ancora più duramente le file degli appassionati del ludico e dell’audiovisivo, potrebbe non essere molto lontano se il pedale del freno, non verrà schiacciato. Per questo motivo, anche se si tratta di una persona geograficamente lontana come Jake Lloyd, sarà nostra responsabilità regolare e sensibilizzare alla tolleranza e all’armonia nelle community verso differenze estetiche, colori della pelle e altri pregiudizi insignificanti.

Del resto, proprio la storia del personaggio impersonato da Jake Lloyd, il prescelto di Star Wars, ci insegna che persino nell’oscurità è possibile redimersi. Basta solo volerlo.[vc_message icon_fontawesome=”fa fa-comment” css_animation=”bounceIn”]Ti è piaciuto questo articolo? Facci sapere cosa ne pensi! Lascia un commento qui sotto o scopri ulteriori contenuti cliccando o navigando il nostro Menù. E se ciò non dovesse bastare, considera la possibilità di scrivere un articolo di risposta! Invialo a redazione@ilbosone.com seguendo le istruzioni riportate nella pagina Collabora.[/vc_message]

Dave

Un tipetto alquanto permaloso, soprattutto quando è davanti al suo pc. Vive un rapporto dualistico, di amore e odio, nei confronti della tecnologia. Ama scrivere al computer, per esempio. Ma non prova le stesse emozioni quando perde 300 cartelle word a causa di interruzioni improvvise causate da chissà quale maledizione fantozziana. Vive di libri, muore di cinema e per l’odore dei pop-corn. Il grande schermo è la sua più grande passione, ammesso che riesca ad arrivare in sala in orario. I suoi frequenti ritardi (per adesso solo in ambito di tempistiche) sono il motivo per cui quando lo incrocerete vi sembrerà un mandarino che rotola. Ha fatto il giornalista ed è anche un bel ragazzo. Bello davvero. E questa descrizione non è stata scritta da lui, eh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close