Cinema, Film e Serie Tv

La morale di Nick Fury nel Marvel Cinematic Universe

Interpretato nella vita reale da Samuel L. Jackson, Nick Fury è un affascinante strumento che fa da collagene per le imprese degli Avengers

Qualche giorno fa, ho avuto il piacere di rivedere The Avengers. Continuo a pensare che sia un film d’azione impressionante, anche se fondamentalmente difettoso. Stranamente, però, confesso di aver trovato il personaggio di Nick Fury completo e molto affascinante – probabilmente il personaggio più complesso della sceneggiatura. Il problema, tuttavia, è che la sua complessa ambiguità morale è in netto contrasto con l’idealismo della sua squadra di supereroi.

Se l’epopea del supereroe di Joss Whedon ha un punto, è che gli eroismi vecchio stile non sono mai fuori moda – non importa quanto possa essere noioso. Se The Dark Knight era il film di supereroi per l’era Bush, gli Avengers di Whedon offrono trionfalmente una storia di supereroi per l’epoca di Obama. Ci viene presentata una squadra composta da mostri, soldati, assassini, agenti segreti, miliardari e dei che sono inequivocabilmente e completamente eroici. Certo, potrebbero avere qualche disaccordo amichevole (o nel caso di Thor e Hulk, non così amichevole) nel primo tempo, ma alla fine si mettono insieme per fungere da segnali di virtù.

nick fury

In effetti, è sorprendente quanta carneficina il film presenti a New York, dal momento che i nostri eroi trattengono da soli un’invasione aliena della Terra. Le immagini di sopravvissuti che corrono via mentre i grattacieli crollano evocano gli attacchi terroristici dell’11 Settembre. Come in quel giorno terribile, ci sono eroi pronti a fare del loro meglio per preservare la vita di fronte alla violenza. Mentre The Dark Knight esplorava le conseguenze degli attacchi e la dicotomia tra libertà e sicurezza, The Avengers riflette sugli eventi stessi.

Ed è notevole quanto siano diretti i nostri eroi. Ogni volta che i nostri eroi si scontrano, è a causa di problemi di comunicazione o di controllo mentale. Thor si scontra con Iron Man e Capitan America per la custodia di suo fratello; ma si arrende abbastanza facilmente. Quando Hawkeye combatte la Vedova Nera, è perché Loki lo ha sotto controllo mentale. Quando Hulk affronta Thor, Bruce Banner non sta pensando in modo diretto. Una volta che il gruppo è completamente unito, è perfettamente sintonizzato, lavorando insieme come una macchina ben oliata.

La posizione di Nick Fury

In contrasto con tutto questo, tuttavia, è Nick Fury. Interpretato nella vita reale da Samuel L. Jackson, il personaggio è stato uno strumento di trama nei film precedenti, fungendo da filo conduttore per connettere i personaggi al fine di portarli tutti in un super-film coeso. Era a malapena lì, quindi non sorprende che non avesse un personaggio. Tuttavia, in The Avengers, è una figura gloriosamente ambigua, e uno che funge da contrasto per il resto della squadra. Dirige lo S.H.I.E.L.D., una nebulosa organizzazione internazionale che fa capo a un “Consiglio” anonimo, probabilmente destinato a riflettere il Consiglio di sicurezza dell’ONU (ignoriamo per un momento la giocoleria politica che sarebbe necessaria per consentire a un’organizzazione come quella di operare sul suolo americano, per non parlare di tentare di nuclearizzare una città americana come fanno verso la fine).

Mentre Batman esitava nell’utilizzare un sistema di intercettazione a Gotham, Nick Fury non mostra alcuna difficoltà morale con l’intercettazione di tutti i telefoni del pianeta nel tentativo di catturare Loki. Non viene nemmeno chiamato da nessuno del team. Quando i suoi superiori decidono di schierare un’arma nucleare, Fury si rifiuta di seguire i loro ordini.

Riconosco che il consiglio ha preso una decisione, ma dato che è una decisione stupida, ho scelto di ignorarla.

Dato che è ancora al suo posto alla fine del film, suggerisce che Fury è abbastanza potente in maniera inspiegabile, e che quindi questo Consiglio non può toccarlo veramente.

È persino in una posizione, alla fine del film, per prendere sul cubo cosmico e su Loki. Sembra il genere di cose a cui il governo americano avrebbe voluto avere avuto voce in capitolo. Permette quindi agli Avengers di sparire da qualsiasi tipo di radar ufficiale (anche se, date le sue manipolazioni in questi film, trovo difficile credere che lasci la squadra fuori dal radar). Questo suggerisce che Fury non risponde a nessuno su nulla, il che crea un’atmosfera decisamente sinistra attorno al personaggio.

In tutta onestà, il film lo mostra nel chiaro intento di manipolare i supereroi, sfruttando la morte dell’Agente Coulson per dare loro la “spinta” di cui avevano bisogno per dirigersi a New York. Allo stesso modo, la scoperta che Fury sta costruendo armi di distruzione di massa usando la tecnologia confiscata ai nazisti provoca una crisi in miniatura nel mezzo del secondo atto.

Gli altri personaggi

I nostri eroi moralmente eretti sono indignati per questo sviluppo, scioccati dall’idea che il capo delle spie internazionale (l’uomo che li ha portati a riunirsi) potrebbe essere coinvolto in alcuni loschi affari. Il punto di Whedon sembra relativamente chiaro: Fury è moralmente ambiguo, mentre gli eroi sono moralmente semplici. Sembra più che un po’ imbarazzante, poiché gli eroi della Marvel si sono tradizionalmente posizionati come individui anche coi loro difetti. Capitan America è, naturalmente, un personaggio moralmente integerrimo e Thor piuttosto che sembrare un figlio maschio viziato è un eroe pur non tenendo conto di altri membri del team.

david hasselhoff

Iron Man e Iron Man II sono storie su Tony Stark che diventa un eroe e che si occupa delle conseguenze delle sue decisioni, compresa quella di non condividere la sua tecnologia con il governo. Sembra piuttosto strano vedere che Stark si è ripulito perfettamente dal momento in cui entra in The Avengers, fino al punto in cui ha persino una relazione stabile con Pepper Potts. So che questo è lo sviluppo del personaggio, ma è strano vederlo fuori dallo schermo e presentare Tony come un individuo quasi perfettamente fondamentale in The Avengers (è un po’ arrogante, ma in modo giustificato). E Bruce Banner è passato da scienziato a mister Hide e nuovamente da mister Hide a pacifista Zen.

Il contrasto tra gli eroi e Nick Fury

Tuttavia, il problema più grande con il modo in cui il film affronta il conflitto ideologico tra Nick Fury e Avengers è il semplice fatto che il film, non dimostra che Fury è in errore. Durante l’accesa discussione, molti membri della squadra fanno valide controargomentazioni sullo sviluppo delle superpotenti armi di distruzione di massa, ma nessuno di queste regge davvero. Thor suggerisce che la presenza del cubo cosmico potrebbe suggerire al cosmo che la Terra è “pronta per una forma più alta di guerra”. Logicamente, poiché i nazisti hanno usato le armi in primo luogo, quel segnale è stato inviato. Banner suggerisce che le armi di distruzione di massa portano inevitabilmente all’escalation, e questo è vero – ma sconsiglia l’idea che Fury sia di fronte ad avversari che hanno già armi più avanzate.

In effetti, la presenza dei supereroi stessi sembra essere un paradosso che crea queste minacce. Loki sta davvero facendo un casino con la Terra perché Thor lo ha sconfitto ad Asgard. Il Distruttore attacca quel piccolo villaggio perché Loki vuole uccidere suo fratello. L’Iron Man di Tony Stark ha portato alla creazione di altri due super criminali. In qualcosa del contrario del modello convenzionale, Capitan America stesso fu creato usando piani rubati per un supersoldato nazista.

Di conseguenza, nonostante l’evidente ed innegabile eroismo della squadra, The Avengers si sente più una vittoria per Fury stesso, e le sue manipolazioni al mondo che lo circonda. Dopotutto, nonostante la loro integrità e virtù, è Fury a spronare la squadra all’azione finale. Nonostante il fatto che il film tratti la decisione di Fury di sviluppare armi di grande potenza, è difficile non sostenere che non è la linea di condotta prudente e pragmatica.

Fury è un personaggio interessante e intrigante, proprio per il fatto che il Tony Stark di Robert Downey Jr. è stato un personaggio interessante e intrigante – ma molto lontano dal modo convenzionale di supereroismo. Tuttavia, è anche in netto contrasto con il semplicistico ideale eroico in cui il film sembra divertirsi. Sembra strano, quindi, che Fury non sia cambiato molto nel corso del film. Forse ha sospeso lo sviluppo di armi di distruzione di massa (dato che ha una squadra a portata di mano) ma è ancora completamente inspiegabile e segue il suo codice morale pragmatico.

Penso che questo sia ciò che mi ha infastidito del film in una prima visione – l’idea che il film sposasse questa idea molto semplice di eroismo, mentre mostrava una figura moralmente ambigua aleggiare sulla squadra in secondo piano. Non sarebbe un problema se fosse indirizzato ma non è mai veramente gestito. C’è un falso compromesso, in cui Fury riceve un mucchio di armi di distruzione di massa mentre continua a operare secondo le sue regole e non risponde mai a nessuno, nemmeno alla sua catena di comando.[vc_message icon_fontawesome=”fa fa-comment” css_animation=”bounceIn”]Ti è piaciuto questo articolo? Facci sapere cosa ne pensi! Lascia un commento qui sotto o scopri ulteriori contenuti cliccando o navigando il nostro Menù. E se ciò non dovesse bastare, considera la possibilità di scrivere un articolo di risposta! Invialo a redazione@ilbosone.com seguendo le istruzioni riportate nella pagina Collabora.[/vc_message]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close