Cinema, Film e Serie Tv

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald – Recensione

Bene ma non benissimo per Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald è un film che sa cosa dare al suo pubblico.

The Crimes of Grindelwald è un film intenzionalmente rivolto a quella fetta di pubblico che ha tracciato e navigato tra gli alberi genealogici della serie di Harry Potter, conosce i dettagli più raffinati delle famiglie che non sono mai stati esplicitamente presenti nella serie originale e riconosce i nomi di personaggi rimasti nell’oscurità. Questo è un film orientato verso quel tipo di fan che divorano easter egg come se fossero la loro colazione, quelli che si riversano con entusiasmo e senza fine tra le appendici del Signore degli Anelli.

Questo non è per deridere o sminuire questo genere di appassionato. In effetti, c’è qualcosa di contagioso ed eccitante in quell’entusiasmo, nel trovarsi al di fuori di un cinema e ascoltare entusiastici i bambini di sei anni con una comprensione molto migliore delle dinamiche in gioco rispetto agli adulti che li hanno accompagnati.

L’entusiasmo con cui alcuni fan parlano dei dettagli più fini è sinceramente rincuorante e alcuni di essi potrebbero persino essere assorbiti dall’osmosi di questo vantarsi di “quando” hanno “ottenuto” qualche colpo di scena o altro. Questo film è destinato a coloro che divorano curiosità e amano un buon flashback.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald
Una scena di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Ma ha anche dei difetti…

L’unico problema è che Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald è un po’ prezioso per il pubblico più casual – che sia il frequentatore del cinema che vuole solo una notte piena di maghi e streghe o il fan più rilassato che ha solo guardato i film o letto i libri una volta, alcuni anni fa. Per questa parte del pubblico, The Crimes of Grindelwald non offre quasi abbastanza. O offre troppo.

Il film presenta due fratelli segreti, una miriade di piani contorti che si intersecano e divergono in vari punti della narrazione, una serie di importanti capovolgimenti narrativi dalla fine del film precedente, una metafora politica piuttosto maldestra sulla crescita del fascismo che richiede che sia i personaggi che i membri del pubblico siano idioti, una doppia croce vagamente motivata, una croce di trionfo eseguita maldestramente, un alchimista immortale…

C’è davvero molto da discutere nel contesto di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald e uno di questi dettagli meriterebbe una discussione particolarmente coinvolta sul perché l‘elemento non funzioni in modo isolato o come parte di un insieme più ampio. Sta forse rivelando che le fantastiche bestie omonime si sentono così inessenziali per la narrativa che sono effettivamente ammassate negli angoli della sceneggiatura, ovunque ci sia spazio per ospitarle?

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald
Un’altro frammento di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Per essere onesti, “Animali fantastici” può sembrare uno strano titolo per ospitare un prequel epico di spionaggio mondiale sulla serie di Harry Potter. Sembra che il marchio di produzione del “mondo magico” sarebbe un quadro narrativo migliore per questo genere di storie – anche ignorando l’allitterazione – riflette il desiderio di queste storie di espandere la portata di Harry Potter oltre il Regno Unito, verso città americane come New York o capitali continentali come Parigi.

I Crimini di Grindelwald sembra comprendere in modo riflessivo l’assurdità del marchio “Animali Fantastici” , riducendolo a un sovra-testo all’interno del design del logo. Il pubblico medio potrebbe essere perdonato per non rendersi conto che il titolo è venuto con un prefisso di due parole. Anche all’interno della narrazione, le bestie fantastiche si sentono superflue e inutili, un ripensamento narrativo piuttosto che qualcosa di importante per la storia raccontata.

Paragrafo con spoiler (torna a leggere dopo che avrai visto il film)

Una riunione emotiva viene interrotta quando una creatura progettata per sembrare un drago cinese, irrompe a Parigi; ma la creatura viene rapidamente soggiogata e delicatamente trattenuta. Quando una figura ambigua, con una connessione profondamente personale alla narrazione, collassa convenientemente in un particolare momento opportuno per gli eroi, si rivela che è stato infettato da un parassita magico dei “dragoni d’acqua” che vivono nelle fogne. Quando Newt si trova nel cast come investigatore di una scena del crimine magica, arruola l’aiuto della creatura del film precedente.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Allerta spoiler terminata (continua pure a leggere)

Animali fantastici e Dove Trovarli era un film sorprendentemente divertente, anche se in alcuni punti si sentiva piuttosto maldestro e inutile. La decisione di minimizzare il ruolo delle creature in Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald è un peccato, negando al film un po’ del fascino del suo predecessore. Questa non è l’unica tensione che esiste tra Animali fantastici e Dove trovarli e The Crimes of Grindelwald che sembrano stranamente in contrasto tra loro per due voci in una serie pianificata secondo quanto riferito dallo stesso autore e regista.

Per essere onesti, alcuni dei problemi possono essere fatti risalire a Animali fantastici e Dove trovarli che è diventato molto apocalittico in termini di dimensioni. Le scene di apertura di The Crimes of Grindelwald presentano un’esposizione frammentata su come Newt “abbia distrutto metà di New York”. Mentre i film di Harry Potter hanno contribuito a costruire lentamente e gradualmente questa specie di spettacolo, Animali fantastici e Dove trovarli ha accelerato da un franchising al massimo possibile. Quindi non è una sorpresa che The Crimes of Grindelwald abbassi quasi immediatamente la tensione.

Da qui in poi, tutto spoiler (torna a leggere dopo che avrai visto il film)

Due grandi inversioni arrivano quasi immediatamente in Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald: rivelano che il misterioso Credence Barebone è ancora vivo dopo la sua apparizione alla fine del film precedente e che Jacob Kowalski ha riacquistato la memoria. Questi sono grandi eventi nel contesto di The Crimes of Grindelwald ma sono semplicemente dichiarati ad alta voce e accettati come fatti. Non sono grandi rivelazioni o grandi colpi di scena. Sono solo inversioni dirette di grandi battiti drammatici ed emotivi nel film precedente.

Di nuovo, c’è un punto di vista in cui queste inversioni hanno molto senso. Ovviamente, Ezra Miller e Dan Fogler erano grandi risorse per Animali fantastici e Dove trovarli, quindi ha senso che The Crimes of Grindelwald non voglia perdere due personaggi importanti. I fan (e anche il pubblico generale) hanno amato questi personaggi, quindi perché The Crimes of Grindelwald vuole ostacolare se stesso iniziando senza di loro. Queste sono decisioni difendibili dal punto di vista della produzione.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald
Due dei personaggi di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Narrativamente, sono disastrosi. Perché il pubblico dovrebbe fidarsi di uno dei più grandi successi emotivi di The Crimes of Grindelwald se questo franchise potesse in modo così disinvolto e così follemente invertire due dei momenti più toccanti del film precedente? Che cosa può fermare lo scrittore e il regista del prossimo film – che sarà probabilmente lo stesso sceneggiatore e regista di questo – dal decidere altrettanto disinvolto e altrettanto sfacciato di invertire i grandi colpi di scena in The Crimes of Grindelwald? Il modo in cui Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald gestisce questi colpi di scena tradisce il pubblico.

Allo stesso modo, il beneficio di grandi partenze emotive come quelle alla fine di Animali fantastici e dove trovarli è che eliminano il disordine emotivo da una narrativa in corso. Il franchising andrà avanti e vorrebbe introdurre nuovi elementi. In effetti, Animali fantastici e Dove trovarli ha anche segnalato la presenza di Zoe Kravitz in The Crimes of Grindelwald. Tuttavia, il primo capitolo della saga era già abbastanza ricco. Mettere Credence e Jacob fuori gioco lascerebbe spazio a nuovi personaggi.

Invece, Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald cerca di rubare la torta. Riporta praticamente ogni personaggio importante del film precedente e aggiunge un’altra mezza dozzina di personaggi principali. Il risultato è un film in cui ogni personaggio principale lotta per trovare spazio per respirare. Anche i personaggi principali sono disposti su diversi piani, in modo che i vari personaggi possano quasi scomparire dalla storia fino a quando non servano. I vecchi personaggi sono influenzati, specialmente lo stesso Credence, ma i nuovi personaggi soffrono in modo egregio.

Ciò dimostra il terzo modo in cui il maldestro ritorno di Credence e Jacob alla storia, sottolinea i problemi con Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald. Questi due grandi ritorni non sono interpretati come rivelazioni emotive ma gestite con una serie di scene imbarazzanti. La sopravvivenza è annunciata in ciò che equivale a un colloquio e un briefing piuttosto che a un momento particolarmente emotivo. Jacob vaga nell’appartamento di Newt, spiega goffamente perché è tornato e poi il film torna a fingere che Jacob e Newt non si siano mai separati.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Tutte le domande logiche sono spazzate via. Non importa come sia sopravvissuto Credence o come il Ministero della Magia sappia che è sopravvissuto, non importa quanto tutti i vari personaggi finiscano per seguire la stessa scia di false piste per portarli in conflitto prima che la narrazione possa cadere. Allo stesso modo, nessuno si chiede mai se Jacob debba essere di nuovo “dimenticato”.

Questo è indicativo di come Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald racconta la sua storia. Questo è un film che non racconta la propria storia, contando invece sui personaggi al suo interno per raccontare il loro arco narrativo e sperare che tutto si concili. La trama di The Crimes of Grindelwald si interrompe ripetutamente per grandi discariche espositive che vengono consegnate in modo molto diretto, ma con poca attenzione alla realtà emotiva delle informazioni fornite. Tutti i personaggi hanno relazioni e gruppi di supporto, al punto che alcuni personaggi importanti non appaiono mai sullo schermo.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald fa una pausa ripetutamente per offrire una back story imbarazzante e una storia che spiega i personaggi e le loro dinamiche, interrompendo spesso l’azione per assecondare la nostalgia di personaggi immaginari all’interno di un mondo immaginario. Questo è più ovvio nella parte centrale del film che prevede una visita prolungata a Hogwarts e (all’interno di questo) un esteso flashback che spiega l’amore adolescenziale di Newt. Tutto ciò rallenta l’azione e spesso presenta scene nidificate dei personaggi che raccontano piuttosto che mandare avanti la proiezione del film.

Questo approccio raggiunge il suo apice quando la tensione narrativa aumenta, in cui la marcia lenta e costante del film verso quello che può essere descritto come “Mago Norimberga” viene interrotta per una discarica di esposizione molto estesa in una cripta in cui un gruppo di nuovi personaggi espone narrazioni in competizione del trauma familiare. Lo storytelling è così contorto come la logica interna di Venom. Un personaggio offre una rivelazione emozionante che cambia il gioco, solo per un altro personaggio che mette in pausa e offre rivelazioni che cambiano anche i giocatori . Tutto questo è una nuova informazione, sovra-scritta quasi con la stessa rapidità con cui viene rivelata.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Con tutto questo in corso, pochissimi dei nuovi personaggi avranno davvero spazio per lo sviluppo. Forse realizzando l’imbarazzo nel tentare di costruire un’allegoria per il razzismo e il fascismo con un cast di soli bianchi, Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald aggiunge alcune delle tanto necessarie diversità al cast di supporto. Tuttavia, ci sono così tante cose che Claudia Kim, Zoë Kravitz e William Nadylam non hanno mai davvero qualcosa di significativo da fare.  Senza aggiungere tutte le trame sui fratelli e tutte le dinamiche segrete che sono difficili da tracciare in tempo reale.

C’è un senso in cui I Crimini di Grindelwald è consapevolmente turbato dalle esigenze della narrazione che si trova costruendo. L’editing del film è orrendamente sciatto, forse riflettendo la necessità di far rientrare il film nei minuti previsti senza interrompere alcun dialogo reale. Di conseguenza, molte sequenze d’azione sembrano mosse e troncate. I personaggi si spostano troppo lontano tra i tagli per il ritmo della scena, e spesso non si riesce a collegare il metraggio. Newt è in una fogna, e poi in mezzo alla strada. Newt è in cima a una libreria e poi a terra.

Le questioni strutturali non tengono conto della politica e della caratterizzazione scomode all’interno di The Crimes of Grindelwald. Il film è intenzionalmente orientato verso un’allegoria per l’ascesa del fascismo e del razzismo, letteralmente nello spazio tra le guerre e allegoricamente all’interno del presente a cui il film sarà rilasciato. Questa è una mossa audace, ma certamente non senza precedenti.

Tuttavia, Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald sminuisce il suo sotto-testo politico per trucchi narrativi a basso costo. Più chiaramente, il film sembra sostenere che la cosa peggiore che qualsiasi personaggio possa fare è cercare di contenere o affrontare il fascismo. I rappresentanti del Ministero della Magia sono avvisati di non interrompere un incontro pubblico organizzato da Grindelwald per diffondere le sue convinzioni. Quando cercano di zittirlo, le cose vanno catastroficamente storte. Una persona innocente viene uccisa e Grindelwald può ritrarre i suoi seguaci come vittime e oppressi per le loro convinzioni.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Questo è un pericoloso inquilino del pensiero politico, con The Crimes of Grindelwald che sembra sostenere che i fascisti dovrebbero essere autorizzati a convocare e organizzare senza alcuna opposizione e suggerendo che i tentativi di ridurre il discorso fascista inevitabilmente li rafforzano. Questo è piuttosto insipido e mal giudicato.

C’è un senso in cui Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald vuole essere una storia di fascismo senza comprendere il fascismo. Certamente, nella retorica di Grindelwald ci sono un sacco di immagini evocative sul suo desiderio di dominare l’umanità e il film mostra anche allusioni ai campi di concentramento e alla distruzione di Parigi. Tuttavia, niente di tutto questo sta insieme. The Crimes of Grindelwald è un film che suggerisce che Grindelwald sia allo stesso tempo un mago votato al suprematismo che in qualche modo sarebbe più favorevole all’incrocio tra l’uomo e l’attuale regime.

Conclusioni

È difficile dire se JK Rowling semplicemente non capisce come funziona il fascismo o se il complotto del film sia diventato così contorto che ha semplicemente smesso di preoccuparsi quando raggiunge il culmine. In ogni caso, è un’esplorazione molto ampia e molto deludente di temi che sono di vitale importanza in questo momento e che hanno un disperato bisogno di essere discussi ed esplorati, specialmente nell’intrattenimento rivolto ai bambini che stanno crescendo in un mondo come questo.

Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald è un casino.

Che ne pensi? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close