Tutto quello che sappiamo su Stan Lee

Un ultimo saluto a Stan Lee con un articolo che omaggia i successi, la vita ma soprattutto l'uomo dietro a quel brillante sorriso che oggi tutti conosciamo

Non ci può essere alcuna figura nella storia dei fumetti che sia la più riverita e allo stesso tempo, la più insultata. Stan Lee che è morto ieri mattina all’età di 95 anni era chiamato il Sorridente Stan, Stan the Man, il volto umano dell’industria del fumetto per una generazione in cui un consumatore demografico si è trasformato in una comunità di fan. Ed era ancora lì, sempre sorridente, quando il pubblico generale del cinema si innamorò finalmente di Spider-Man, X-Men, Avengers, Fantastic Four, Hulk – tutti i personaggi a cui aveva insegnato a parlare nei primi 50 anni. Inoltre, in modo equo o ingiusto, è arrivato a incarnare l’avidità aziendale che aveva calpestato i diritti dei fumetti e dei creatori.

Il lavoro di Stan Lee

Sarebbe difficile sopravvalutare l’impatto di Lee sull’arte, sul business e sull’immagine culturale dei fumetti. Il suo lavoro creativo degno di nota è emerso durante un periodo di circa 10 anni, ma la sua carriera nel fumetto ha attraversato più di 75 anni – quasi la vita stessa dell’industria del fumetto. Durante quel periodo – atipico tra i creatori di fumetti – aveva un solo capo: Marvel (alias Timely e Atlas Comics).

Negli anni ’60, Lee accese e supervisionò la più grande esplosione di creatività che il genere dei supereroi avesse visto dall’invenzione di Superman. Come caporedattore della Marvel, segnò la linea con uno stile riconoscibile basato sulla prolifica arte di Jack Kirby. Come capo sceneggiatore della Marvel, creò un mondo in cui i concetti super-eroici incespicavano ironicamente nei piccoli dettagli della vita quotidiana.

Ma la sua volontà di mettere in piedi la linea della compagnia significava che il suo nome e la sua faccia sorridente diventavano loghi aziendali che venivano regolarmente impressi sui crediti di altri creatori di fumetti. Perché il suo nome divenne stereotipia nei media per la moltitudine di sforzi creativi che animarono la vita nell’universo Marvel e perché permise a “Stan Lee Presents” di introdurre fumetti con cui non aveva alcun coinvolgimento – molti nella comunità dei fan accusarono Lee di plagio verso il lavoro degli artisti Marvel.

L’uomo

Le sue relazioni con alcuni di quegli artisti, in particolare Kirby, si trasformarono in un’animosità duratura, ma Lee stesso raramente, se mai, espresse rabbia nei confronti dei suoi co-creatori in pubblico. E il più delle volte, i suoi colleghi lo descrivevano come uno scrittore generoso ed entusiasta, spesso recitando complotti nei suoi uffici, generando idee anche nel suo ottavo decennio.

Lee è nato Stanley Martin Lieber, il 28 dicembre 1922, da immigrati rumeni ed è cresciuto nella Dependance di New York. Il suo soprannome al liceo era “Gabby”. Il suo obiettivo, ha detto nell’annuario scolastico, era “Raggiungere la cima – e rimanere lì”.

Timely Publications è stata fondata da Martin Goodman, la cui moglie era una cugina di Lee. Quando lo scrittore-artista Timely Joe Simon aveva bisogno di un assistente, Lee, che aveva 16 anni, fu chiamato per il lavoro. Fu assunto non prima che il suo ruolo nella compagnia cominciò a espandersi rapidamente. La sua prima storia per Timely, un pezzo di filler in prosa chiamata “Captain America Foils the Traitor’s Revenge” apparve in Captain America Comics # 3, pubblicata nel maggio 1941.

Il suo primo copione è stato Headline Hunter, che apparve in Captain America Comics# 5, copertina datata 1941. L’ascesa di Lee alla Timely coincise con il vacillare della carriera di Simon e quella del suo compagno, Jack Kirby. Simon e Kirby sono stati catturati da un altro editore e licenziati da Goodman. Per aiutare a riprendere il passo, Lee venne promosso a direttore editoriale, diventando la persona più giovane nel settore dei fumetti ad assumere quel titolo.

stan lee
Stan Lee durante l’epoca d’oro dei fumetti

La guerra, la vita e le difficoltà

Quando gli Stati Uniti entrarono in guerra, Lee prestò servizio nel Corpo dell’esercito a partire dal 1942 e rimase negli Stati Uniti, scrivendo e disegnando i manuali di addestramento fino alla sua onorata dimissione nel 1945. Anche durante il servizio, riuscì a fornire storie a Timely nei fine settimana. Nel 1947, incontrò Joan Boocock, una modella britannica, e ognuno fu così favorevolmente colpito che, nel giro di poche settimane, aveva divorziato da suo marito e sposato Lee.

Il loro matrimonio durò fino alla sua morte nel 2017, all’età di 92 anni, poco prima del 70 ° anniversario. La coppia ebbe anche una figlia, Joan Celia Lee, nel 1950. Nel 1953, una seconda figlia, Jan, che morì tre giorni dopo la nascita, una perdita che Lee definì come la più grande tragedia della sua vita.

I tempi del dopoguerra sono stati difficili per i fumetti per molte ragioni, non ultima quella della campagna contro i fumetti guidata dal Dr. Fredric Wertham che ha trovato il mezzo come stimolo alla delinquenza giovanile (qualcosa che ci ricorda molto come la diatriba tra giornalisti e videogiocatori violenti).

Lee aveva prosperato nell’interazione immediata che aveva avuto con gli artisti dello staff ma negli anni ’50, a fronte delle contrazioni delle vendite, i proprietari di Timely abbandonarono la struttura resistente, affidandosi invece a lavori di scorte e artisti freelance.

Lee fu costretto a consegnare foglietti rosa alla maggior parte del personale a partire dal 1949. Nel 1953, scrisse una storia su un’ovvia figura di Wertham per il numero di aprile di Suspense. Si chiamava “The Raving Maniac”. Il ricordo doloroso del ridimensionamento puntuale sembrava essere una forte preoccupazione per lui.

Parlando il 23 marzo 1978, al Festival delle Belle Arti della James Madison University, Lee disse alla folla:

A volte devi prendere delle decisioni. Devi decidere tra una pura decisione aziendale e l’essere umano. Molti dei ragazzi che lavorano per noi sono stati con noi per molti anni. E’ molto difficile da dire: “Ehi, non sei bravo come Charlie. Sei licenziato.’ Molti dei fumetti che produciamo, ne siamo consapevoli, non sono poi così buoni, ma stanno mantenendo i ragazzi al lavoro 

Lee sarebbe diventato noto come il creatore di un universo amato dagli adolescenti. Ma a partire dal 1944, ha supervisionato una serie di titoli destinati a lettori di sesso femminile, tra cui Miss America Magazine (che introduce Otto Binder e Patsy Walker di Ruth Atkinson), Millie the Model , Tessie the Typist , Girls ‘Life , Patsy and Hedy , Teen Comics e Patsy Walker . Come ha sottolineato l’artista / storica Trina Robbins, 30 dei 49 fumetti mensili pubblicati da Timely nel 1948 hanno visto protagoniste donne e sono state lette da ragazze.

Secondo Robbins:

Stan una volta mi ha detto che gli piaceva scrivere cose per adolescenti, in particolare Millie The Model , più di ogni altra cosa” (The Comics Journal # 181).

Nella storia dei fumetti, è stata una cosa rara ed è durata fino agli anni ’60. Il personaggio di Patsy Walker è stato successivamente incorporato nella continuità dei supereroi come Hellcat.

Il grande successo

Con il progredire degli anni ’50, l’enfasi si spostò sui mostri (della varietà Godzilla – le uniche creature soprannaturali consentite dall’autorità del codice dei fumetti). Con Kirby che lavorava ancora per Timely (ora chiamato Atlas) e Lee che scriveva le storie, i fumetti della compagnia hanno cominciato ad acquisire uno sguardo e un tema che avrebbe raggiunto il suo apice con la linea dei supereroi Marvel: una realtà banale in conflitto con le gigantesche forze ultraterrene.

Stan Lee

L’ultimo successo è arrivato con il primo numero di Fantastici Quattro di Lee e Kirby nel 1961. La linea Marvel proseguì a ridefinire ciò che i lettori si aspettavano dai supereroi, ma quando apparvero i Fantastici Quattro, frantumarono una lunga serie di regole ferree.

Non erano un gruppo di personaggi coi super-poteri riuniti per combattere il male; si trattava quasi di un nucleo familiare con dei poteri. Indossavano abiti civili fino a quando la sconcertante protesta dei lettori li ha costretti ad adottare tute blu come costumi da lavoro.

Loro non andavano particolarmente d’accordo. Avevano problemi di soldi, a un certo punto venivano sfrattati dal proprio quartier generale. La lotta contro i super criminali era secondaria alla loro lotta quotidiana per trovare la felicità. Avevano personalità individuali e ciascuno adattato alle esigenze dei loro corpi mutati e alla chiamata super-eroica con una combinazione unica di autocommiserazione e umorismo mordente.

La serie non era un fenomeno isolato; era il fiore all’occhiello di una linea in rapida crescita di titoli revisionisti di supereroi con una filosofia e uno stile coerenti. Questi erano supereroi che frequentavano lavanderie a gettoni, scendevano con il raffreddore e facevano fatica a tenere il passo con i compiti, cose che evidentemente non si erano mai verificate agli scrittori della DC che erano indaffarati a creare Superman o Batman.

Il personaggio più popolare della Marvel, Spider-Man, è stato introdotto il 10 agosto 1962 in Amazing Fantasy# 15 e si è laureato al suo stesso titolo nel 1963. Sebbene fosse organicamente connesso al mondo dei Fantastici Quattro e degli altri supereroi Marvel, questa creazione di Lee e dell’artista Steve Ditko era anche distinta nella sua atmosfera urbana noir, il suo movimento flessuoso e fluido e il suo adolescente depresso. Accanto a problemi di ragazze, preoccupazioni lavorative e angosce di giovani adulti, Peter Parker era un personaggio che fondeva una narrativa di supereroi con le motivazioni adolescenziali che avevano guidato i fumetti di Lee. Amazing Spider-Man era un’energetica soap opera di supereroi con pathos.

I grandi classici

La prima linea della Marvel era per lo più compilata da creazioni Lee / Kirby, tra cui: Thor, una fusione tra l’amore di Lee per la dizione shakespeariana e la passione di Kirby per lo spettacolo e l’architettura più grandi della vita; The Incredible Hulk, una fusione di scienza cataclismica e il primitivo nella forma di un simpatico ma incontrollabile mostruoso antieroe – una sorta di storia di Jekyll-e-Frankenstein; Iron Man, un racconto morale dell’uomo, tecnologia e responsabilità con un triangolo amoroso in sottofondo; Daredevil, su un avvocato accecato ma anche fisicamente potenziato da radiazioni che combatte il crimine in un ambiente buio e urbano mentre lotta con un triangolo amoroso – una co-creazione con Bill Everett; Gli X-Men, adolescenti che frequentano la loro scuola privata mutante mentre si occupano di minacce globali, pregiudizi sociali e triangoli amorosi; The Avengers, una collisione/collaborazione che ha cercato di unire i protagonisti di varie serie in un insieme conflittuale; Sgt. Fury e gli Howling Commandos, un burlesque della seconda guerra mondiale che mescola violenza esplosiva e slapstick in un fumetto di guerra auto-proclamato per persone che odiavano i fumetti di guerra. Con Ditko, Lee creò anche Doctor Strange, un personaggio stregone con un arco di educazione morale che rapidamente lasciò il posto alla visione inebriante di Ditko per gli spazi vertiginosi, ultraterreni, pieni di fisica soprannaturale.

Il messaggio di speranza

Arrivando nel bel mezzo delle ansie degli anni ’60 sulla guerra fredda e le bombe che innescano il giorno del giudizio, le storie di Lee hanno preso il toro delle radiazioni per le corna, riabilitandolo come una fonte di superpoteri al servizio della civiltà. The Fantastic Four, Spider-Man, Daredevil, Hulk e X-Men devono tutte le loro origini alle radiazioni e / o alle mutazioni.

Iron Man era un’incarnazione del complesso militare-industriale. Il cambiamento tematico può essere visto nella differenza tra la storia del proto-supereroe, “The Man in the Ant Hill!” in Tales to Astonish # 27, del Gennaio 1962, e “Return of the Ant-Man” in Tales to Stupire# 35, copertina datata settembre 1962. Nella prima storia, Hank Pym per poco non perde la vita dopo aver inventato una formula che lo riduce a una formica molto vulnerabile e, alla fine, giura di non voler mai più recitare a fare dio. Alcuni mesi dopo, nella seconda trama, usa la formula per sconfiggere le spie comuniste e raggiungere il dominio sul mondo delle formiche naturali. Ben presto divenne uno dei membri del gruppo supereroe degli Avengers.

Un fattore chiave che distingue la Marvel dagli altri editori di fumetti è il suo processo creativo. Con la linea Marvel, Lee è stato in grado di ricreare il rapporto interattivo che aveva avuto con il vecchio lavoro alla Timely. Mentre gli editori tradizionalmente fornivano agli artisti copioni completi per illustrare, Lee sviluppò una trama con gli artisti, che poi raccontarono la storia visivamente prima dell’inserimento del dialogo di Lee.

Il Metodo di Stan Lee

Conosciuto come il Metodo Marvel, il processo ha portato a storie che fluivano naturalmente da un pannello all’altro con gran parte della trama comunicata visivamente. Riducendo al minimo il coinvolgimento diretto di Lee nella costruzione delle storie, ciò nonostante gli ha permesso di avere un’influenza creativa su molte più storie di quante sarebbero state possibili se avesse scritto ogni storia da zero.

metodo marvel di stan lee
Stan Lee inventò quello che viene definito “Metodo Marvel”

La natura collaborativa dell’approccio si rivelò in seguito controversa, poiché artisti, critici e fan iniziarono a chiedersi se Lee meritasse tanto credito per la creazione dell’universo Marvel come gli era stato assegnato. Indubbiamente, tuttavia, le ambizioni letterarie e l’ironia (e autoironia) che Lee aveva introdotto nella fase finale della creazione, si sono rivelate importanti per ciò che ha dato alla storia Marvel la sua personalità e il suo carattere.

Il dialogo diretto con i fan

Il modello condiviso dello stile artistico di Kirby (che continuò anche dopo che Kirby si trasferì alla DC nel 1970) e i temi e il dialogo di Lee, fecero molto per unificare la linea Marvel – ma se ciò non bastasse, la stessa persona di Lee, legò le varie serie attraverso le sue rubriche di risposta alle lettere che gli arrivavano dai fan: la colonna di Stan’s Soapbox e nelle numerose note a piè di pagina e nei fumetti.

Lee era in grado di avere entrambe le cose: era un poliziotto che prendeva in giro se stesso, un imbonitore di carnevale che parodiava gli imbonitori di carnevale e una figura paterna che non era mai cresciuta. Evocò la visione di una casa delle idee in cui vivevano e lavoravano i Marvel Bullpen. I lettori conoscevano i creatori della Marvel per soprannomi, come se fossero vecchi amici o familiari. I fan gareggiavano per i non-premi e si univano alla Merry Marvel Marching Society, una parodia di fan club. Era un tono che si adattava perfettamente ai campeggiatori degli anni ’60. La combinazione autocosciente di iperbole e ironia di Lee fece sì che i lettori più anziani non dovessero essere imbarazzati dall’iconografia roboante e dal melodramma troppo maturo che dominavano i fumetti dei supereroi. Eravamo tutti, lettore e creatore, sullo scherzo. Per la prima volta, una generazione di lettori portò con sé i loro fumetti al college e Lee divenne un diffusore popolare nei campus universitari.

L’accademia

Mentre i fumetti cominciavano a guadagnare nuovo rispetto, nel 1970 si formò un’organizzazione professionale chiamata Academy of Comic Book Arts, con Lee come primo presidente. Gli organizzatori erano però divisi tra coloro che volevano che l’ACBA funzionasse come una gilda, si occupasse dei diritti dei creatori e quelli (incluso Lee) che volevano che fosse un’associazione di categoria, promuovendo fumetti al pubblico. Alla fine del decennio, era poco più di un club sociale per i creatori.

Ma Lee, parlando tra gli addetti ai lavori, era in grado di discutere a nome dei diritti dei creatori. Una discussione a tavolino si tenne presso il Lambs Club di New York il 20 gennaio 1971. Fu moderata da Gil Kane e presenziarono Lee, Will Eisner, Archie Publisher John Goldwater, lo sceneggiatore / editor Denny O’Neil, artista Murphy Anderson, l’editore Sid Jacobson e il fumettista Howie Schneider.

Nella trascrizione registrata dalla National Cartoonists Society, Lee confrontò un brigante, criticando l’industria nel suo insieme e sostenendo Goldwater in un angolo su Archie e l’incapacità di altri editori di consentire ai creatori di possedere una parte dei diritti sulle proprie idee:

Direi che il mercato dei fumetti è il peggior mercato che ci sia sulla faccia della terra per talento creativo e le ragioni sono innumerevoli e legionarie. Ho avuto molte persone di talento che mi chiedono come entrare nel mondo dei fumetti. Se fossero abbastanza talentuosi, la prima risposta che darei loro è, perché vorresti entrare nel mondo dei fumetti? Perché anche se ci riesci, anche se raggiungi quello che potrebbe essere considerato l’apice del successo nei fumetti, avrai meno successo, meno sicurezza e meno efficacia. È un business in cui il creatore, come già detto, non possiede nulla della sua creazione. L’editore lo possiede… Perché non possiamo semplicemente dirlo così com’è? Per 20 anni nessuno ha portato un’idea a un editore e ha avuto diritti in merito. Spero cambierà… 

Le lotte alla censura

Nel 1971, Lee vinse la lunga battaglia con le forze di censura iniziate con la campagna del dott. Wertham: sfidò l’autorità del codice dei fumetti pubblicando un arco narrativo in Amazing Spider-Man # 96-98 in cui il compagno di stanza di Peter Parker sviluppò una dipendenza da farmaci. Lee aveva scritto la storia su richiesta del Dipartimento di Salute anche se tutti i riferimenti alle droghe erano stati banditi dal Codice. I tre problemi sono apparsi senza il sigillo di approvazione del Codice e hanno goduto di vendite esorbitanti, iniziando così il disfacimento del CCA.

Promosso editore nel 1972, Lee spinse la Marvel un po’ più in là nel 1974 pubblicando Comix Book, una rivista in stile fumetti underground di breve durata curata da Denis Kitchen. Era il primo libro Marvel di materiale di proprietà dei creatori, che seguiva quindi le preoccupazioni che Lee aveva sollevato due anni prima alla tavola rotonda al Lambs Club.

La nascita del Vip

Ma alla fine, Lee vide le debolezze del settore come innate, non riformabili. Avendo raggiunto una posizione di potere, lo usò meno per trasformare l’industria che per trasformarsi. Come aveva detto al Lambs Club, perché lavorare nei fumetti se si può lavorare in qualsiasi altro campo di intrattenimento? Per la maggior parte, Lee smisedi scrivere, dato che il suo ruolo nella compagnia si era spostato su quello dei prestanome.

Era in gran parte un capo assente, trasformando le operazioni giornaliere in una serie di direttori editoriali. Ha frequentato le celebrità, fatto pubblicità, partecipato a feste alla Playboy Mansion, fatto talk show ed è venne intervistato da importanti testate, tra cui The New York Times e Rolling StoneLee divenne una figura così popolare e potente che presiedette a uno spettacolo di varietà pieno di celebrità alla Carnegie Hall nel 1972.

Nel 1974, scrisse Origins of Marvel Comics, una combinazione di reminiscenza e ristampa di storie di fumetti. Fu seguito da Son of Origins of Marvel Comics e Bring on the Bad Guys. Alla fine degli anni ’70, iniziò a scrivere giornali, tra cui The Virtue of Vera Valiant (una parodia del 1976 di strisce di soap opera in stile Mary Worth disegnate da Frank Springer), The Incredible Hulk (che andò dal 1978 al 1982) e la sua striscia di maggior successo, The Amazing Spider-Man, che ha avuto inizio nel 1977 e ha continuato a funzionare quotidianamente sotto le firme di Lee e suo fratello Larry Lieber per oltre 40 anni. Una striscia parodia a tema sessuale lanciata da Lee e John Romita su Playboy non ha visto la luce del giorno.

Cinecomics, il primo tentativo

Durante gli anni ’70, Lee era il principale collegamento tra la Marvel e vari attori di Hollywood e nel 1981 si trasferì a Los Angeles. Inizio a pranzare con gli attori, produttori e registi che vanno dal Loma di Troma Entertainment Lloyd Kaufman (Toxic Avenger) al venerato Federico Fellini (La Dolce Vita). Risultò che Lee era molto considerato tra gli autori europei del cinema. Il leggendario Alain Resnais (Hiroshima Mon Amour) lavorò con Lee su una proposta per un film di Spider-Man che avrebbe interpretato Henry Winkler (Fonzie di Happy Days). I progetti che furono realizzati prima delle telecamere, tuttavia, risultarono poco impressionanti. La mancanza di entusiasmo di Hollywood nei confronti dei progetti si rifletteva nei loro budget terribilmente bassi e nelle loro sceneggiature senza tracce. I film TV risultanti e il foraggio straight-to-video furono ampiamente derisi dai fan della Marvel e ignorati da tutti gli altri. Un’eccezione è stata per la serie televisiva Incredible Hulk. Anche se Lee fu accreditato come consulente creativo, lo spettacolo fu un adattamento minore di una rinascita di The Fugitive con un grande e arrabbiato Richard Kimble.

La Marvel ebbe maggior successo con i suoi progetti animati. I Marvel Super Heroes, iniziati nel 1966, attirarono un pubblico forte e furono seguiti da progetti simili, tra cui Spider-Man diretto da Ralph Bakshi e Fantastici quattro di Hanna-Barbera. La divisione dell’animazione della Marvel fu supervisionata da Lee che la Marvel promosse nuovamente nel 1986 al vicepresidente degli affari creativi.

La diatriba e il declino

La reputazione di entrambi Marvel e Lee, tuttavia, venne gravemente danneggiata a metà degli anni ’80, a causa della richiesta della Marvel che Kirby cancellasse qualsiasi potenziale copyright prima che gli venissero restituiti tutti i suoi disegni. Quando questa coercizione legale, diretta specificamente a Kirby, fu resa pubblica da The Comics Journal, suscitò una reazione indignata contro l’azienda da parte di lettori e creatori.

Persino la DC emise una lettera aperta di rimprovero alla Marvel. Da Lee, tuttavia, c’era silenzio e un’occasionale difesa poco convincente, dal momento che le pagine dei fumetti erano create in collaborazione ed erano difficili da dividere tra i creatori (in effetti, le pagine originali furono a lungo ridistribuite, con un terzo di solito destinato agli inchiostratori e due terzi agli incisori). Nel 1987, la Marvel raggiunse un accordo con Kirby e restituito tutti i disegni di cui poteva dare conto ma lo splendore dell’ammirazione pubblica si era già attenuato sia per l’editore che per il suo rappresentante più importante.

La polemica suscitò anche domande su chi meritava il maggior credito per aver creato i personaggi che componevano l’universo Marvel. Quando venne chiesta la paternità nelle interviste, Lee fu generalmente attento a riconoscere i suoi co-creatori, ammettendo anche che artisti come Kirby e Ditko non avessero bisogno di alcun contributo da lui per tracciare, scandire e disegnare storie.

Ma altrettanto spesso, non riuscì a correggere le supposizioni dei media che i personaggi e le linee narrative della Marvel erano scaturiti in pieno dalla sua fronte. E l’onnipresenza del nome di Lee su tutti i titoli Marvel divenne un punto dolente per artisti e fan. Le prove erano studiate. Sinossi di trama scritti da Lee e pagine di opere originali di Kirby contenenti note di dialogo marginale di Kirby sono state presentate come mostre nel dibattito.

Mentre è difficile negare che i contributi di Kirby e di altri artisti siano rimasti a lungo nell’ombra del ruolo promozionale del front office di Lee, è stato altrettanto difficile negare la partecipazione di Lee al processo creativo. Numerosi artisti testimoniarono per quanto riguarda l’appassionato gioco di ruolo di Lee durante le discussioni sulla trama. E si deve solo confrontare i fumetti degli anni ’60 della Marvel con le serie successive di Kirby e Ditko per vedere che i primi hanno una qualità fluida, canzonatoria e autocosciente che manca in gran parte dal rigido, benché idiosincraticamente affascinante dialogo di Kirby e dalle diatribe obiettive dell’oggettivista di Ditko .

Il segreto del successo della Marvel negli anni ’60 potrebbe risiedere nel Metodo Marvel stesso che ha reso possibile una fluidità nella narrazione che non sarebbe stata possibile altrimenti. Il metodo non avrebbe funzionato per tutti. Dato un semplice accenno a una trama, non tutti gli artisti avrebbero potuto comunicare una narrativa coerente ed efficace puramente in termini visivi. Ma per quanto significativa fosse stata un’impresa, quello che Lee riuscì a realizzare fu forse ancora più notevole: non solo mantenne il quadro generale dell’universo Marvel intrecciato, dei suoi temi e della sua voce editoriale, ma fu in grado di trasformare retroattivamente le immagini mute create dagli artisti in pieno sviluppo.

Quando Kirby morì nel 1994, circolarono voci secondo le quali Lee non era il benvenuto ai servizi funebri ma secondo il libro “Stan Lee and the Rise and Fall of the American Comic Book”, Lee assistette ai funerali di Kirby con il permesso della vedova Roz Kirby. “Sono rimasto dietro”, disse Lee a Raphael e Spurgeon. Successivamente, Lee contribuì ad ottenere una pensione Marvel per Roz.

La fedeltà alla compagnia di Lee è stata premiata. Nonostante i fallimenti della maggior parte dei progetti multimediali della Marvel, la relativa licenza di merchandising stava comunque attirando più capitale di quanto la compagnia avesse mai conosciuto come semplice editore di fumetti. Il nuovo proprietario della Marvel Ronald Perelman, vedendo il potenziale sinergico nelle proprietà della Marvel e riconoscendo l’importanza di Lee per il marchio, consegnò a Lee un contratto a vita e uno stipendio che crebbe, dal 2002, a $ 1 milione l’anno. Tuttavia, Perelman continuò con un’acquisizione all’acquisizione, acquistando le attività delle carte di commercio e l’operazione di distribuzione di Heroes World proprio mentre il pallone della speculazione dei fumetti si stava sgonfiando, lasciando Marvel sull’orlo della bancarotta. Il disastro fu evitato per la prima volta alla fine degli anni ’90 quando la Marvel Entertainment si riorganizzò sotto la proprietà dei film Toy Biz e Marvel (Blade, X-Men, Spider-Man) iniziando a guadagnare una notevole trazione al botteghino. Nel momento in cui la fortuna della Marve,l con gli adattamenti cinematografici, era cambiata, Lee venne sostituito da Avi Arad come rappresentante di Hollywood della compagnia.

I progetti personali

Durante la riorganizzazione della Marvel, la proprietaria di Toy Biz, Isaac Perlmutter, annullò il contratto di Lee, ma Arad, non volendo rischiare conflitti di copyright con lo scrittore ed editore il cui nome era stato impresso su tutte le proprietà più preziose della Marvel, persuase Perlmutter a firmarne uno nuovo ancora più generoso. Oltre al salario annuale da $ 1 milione, il nuovo contratto permise a Lee di lavorare sui propri progetti al di fuori della Marvel. Nel 1998, Lee fece il suo primo passo lontano dal suo datore di lavoro per tutta la vita lanciando la propria compagnia – e fu subito preso in giro dalle manipolazioni finanziarie di un criminale condannato.

Stan Lee Media era quindi una start-up capitalizzata sulla somma di $ 300 milioni, interamente basata sul valore patrimoniale dell’immaginazione di un uomo di 77 anni. Per un momento brillante, Lee da solo valeva $ 100 milioni in più rispetto a tutti i valori della Marvel. L’idea era che Lee tirasse fuori idee che sarebbero state trasformate in web-toon, videogiochi e altri prodotti di intrattenimento. È un testamento per il timore che il nome di Lee continuasse a comandare che l’offerta pubblica di SLM avesse avuto così tanto successo.

Al centro di tutto il marketing di investimento e le licenze di proprietà intellettuale, Lee stava facendo quello che aveva sempre fatto: recitare storie nel suo ufficio e ispirare altri creatori. Ma era tutto un miraggio. Risultò che il co-fondatore di SLM, Peter Paul, l’uomo che aveva parlato con Lee nell’impresa, era stato in prigione per un complicato commercio di droga. La banca delle idee di SLM non si concretizzò in alcuna forma concreta e redditizia e le manipolazioni di azioni interne fecero crollare il valore dell’azienda nel 2000. La Securities and Exchange Commission indagò e Paul fuggì in Brasile. Lee non fu accusato di alcun atto illecito, ma Paul fu estradato e condannato a una pena di 10 anni per frode azionaria nel 2009. Il momentaneamente potente Stan Lee Media si disintegrò in una raffica di cause legali e contro-cause.

Lee si è disconnesso ufficialmente da SLM nel gennaio del 2001, ma continuò a incorporarsi come Pow! Entertainment. Entrò nel nuovo millennio raccogliendo ancora $1 milione all’anno dalla Marvel, per il quale era previsto che dedicasse circa 15 ore settimanali a attività promozionali per conto dell’azienda. Via Pow! Entertainment, continuò a lanciare idee, creando e partecipando a numerosi progetti, tra cui la serie animata Stripperella che venne trasmessa su Spike TV nel 2003 e con la voce di Pamela Anderson come spogliarellista; Who Wants to be a Superhero?, un concorso sul canale Sci Fi nel 2006 e nel 2007; una serie di anime del 2017 per la TV giapponese chiamata The Reflection; e Stan Lee’s Lucky Man, un superbo spettacolo per la TV britannica. Quando Lucky Man iniziò nel 2016 con James Nesbitt nel ruolo principale, fu riferito che era la serie più votata. Il creatore dello show aveva appena compiuto 94 anni.

stan lee studio

Le ultime difficoltà

Dopo aver subito un intervento chirurgico nel 2012, Lee rilasciò la seguente dichiarazione:

Ora ascolta questo! Il tuo capo non ti ha abbandonato! Nel tentativo di essere più simile al mio collega Vendicatore, Tony Stark, ho avuto un pacemaker elettronico posizionato vicino al mio cuore per assicurare che potrò guidarti per altri 90 anni

Pow! Entertainment non ebbe mai profitto ma nel 2017, la società di Hong Kong Camsing International Holding acquistò la proprietà di maggioranza per $ 11,5 milioni.

La combinazione di ricchezza e vecchiaia può essere irritante, poiché la cerchia di amici fidati e di persone care inizia a morire, sostituita da becchini, sicofanti, parassiti e spacconi. Nei suoi ultimi mesi dopo la morte di sua moglie, Lee fu assalito da truffe e truffatori finanziari e si trovò al centro di vari titoli scandalosi.

Le parole che Lee ricorderà per la prima volta sono apparse in una scatola narrativa di Amazing Fantasy # 15 di Spider-Man:

Con un grande potere deve anche venire – una grande responsabilità

Alcuni hanno attribuito la citazione a fonti precedenti come Voltaire o FDR che ha detto cose simili ma la ricerca indica che l’origine della citazione è pura di Stan Lee.

Conclusioni

Lee certamente è salito a una posizione di potere e ricchezza nel settore della cultura popolare ma come con i suoi supereroi Marvel, questo risultato ha comportato cambiamenti irreversibili nella sua vita e in definitiva, il sacrificio della sua identità mortale.

Se Lee non fu mai in grado di soddisfare la sua ambizione di scrivere seri romanzi letterari, fu in grado di riscrivere il genere dei supereroi come un’epica tragedia. L’eroe Marvel acquisisce un grande potere, ma perde la sua umanità, si trasforma contro la sua volontà in qualcosa di più grande della vita, passerà il resto dei suoi giorni al servizio di quella finta identità. Stanley Martin Lieber e le sue ambizioni letterarie furono sopraffatte dalla radiazione della cultura popolare. Divenne il Sorridente Lee, un personaggio irresistibile e prestanome che tuttavia era soggetto alle richieste di fan, investitori e obblighi aziendali. È facile immaginare che Lee, con i suoi occhiali da sole a vita bassa e i capelli all’indietro, guardi dall’alto in basso il mondo dal bordo di un tetto, meditando su quello che avrebbe potuto essere.

Articoli correlati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close

Adblock Rivelato

Per favore, aiuta la nostra crescita disabilitando l'adblocker