Overlord, un ritratto degli orrori del passato

La recensione del film Overlord

Overlord è un film che funziona molto meglio nel concetto che nell’esecuzione. L’idea di costruire un racconto horror sui mostri e delle atrocità naziste durante la seconda guerra mondiale ha un certo fascino. Non solo evoca il genere di finzione trash che spesso esiste ai margini della cultura popolare, ma suggerisce anche un metodo alternativo per il pubblico di elaborare il trauma, il modo in cui i mass media filtrano gli orrori quasi oltre la comprensione umana in qualcosa di tangibile e viscerale, creando un prisma inquietante e scomodo attraverso il quale potrebbero essere incanalate le ansie su questi orrori.

Un ritratto degli orrori del passato

Gli orrori inflitti dai nazisti sono quasi impossibili da comprendere appieno; la brutalità sistemica inflitta a quei gruppi emarginati sotto la loro autorità, la distruzione che hanno operato in tutta Europa. Questi traumi persistono nella memoria popolare. Mentre la realtà di quelle atrocità non deve mai essere dimenticata o minimizzata, c’è qualcosa di molto potente nell’idea di tradurlo allo schermo attraverso il linguaggio cinematografico dell’orrore. Come Wolfenstein, Overlord sembra suggerire un ritratto impressionista degli orrori del periodo.

overlord clip

Questo approccio è intrigante e ci sono momenti in cui Overlord funziona molto bene, quando il film è inquietante e inquieta in tutti i modi in cui dovrebbe essere inquietante. Tuttavia, il film soffre molto quando la sceneggiatura cerca di imporre un quadro familiare su questi orrori, quando scorre attraverso la lista di battute abbastanza scontate. In parole povere, Overlord funziona meglio quando aspira ad essere ” Capitan America: The First Avenger , ma come film horror” e funziona peggio quando cerca di essere Capitan America: The First Avenger .

Qualche problema

Per essere onesti, Overlord ha una serie di problemi basilari di basso livello, anche prima di arrivare ai problemi strutturali più grandi. La maggior parte, ovviamente, sono i dialoghi che sembrano letti come da qualcuno che ha letto la prima bozza di una bozza generale del film.

overlord clip

Il discorso fatto dal caporale Ford è terribile, al punto che a volte sembra una parodia; Ford potrebbe essere scritto come una consapevole parodia dell’archetipo da duro degli anni ’40. Tuttavia, l’attore Wyatt Russell non legge mai il dialogo in quel modo, non suggerisce mai quel livello al personaggio. Russell offre ogni linea di cattivo gusto con un’approssimazione della stessa grinta che ha reso suo padre una figura di culto che non è un risultato da poco. Anzi, fa desiderare al pubblico che Russell lavori con materiale più forte.

La regia

Tuttavia, il dialogo non è un problema così grande come potrebbe essere. Anche se molti dei problemi con Overlord possono essere ricondotti a un maldestro numero – ma non più – di sceneggiature di Billy Ray e Mark L. Smith, il film trae grande beneficio dalla regia di Julius Avery. Avery porta una qualità elevata e frenetica a Overlord – che lo fa procedere bene – dando un approccio lento ma efficace che il regista Jordan Vogt-Roberts ha portato nel film Kong: Skull Island. Sebbene Overlord si appoggi un po’ troppo pesantemente agli effetti speciali, Avery crea e mantiene un irresistibile senso di slancio.

overlord clip

Overlord funziona meglio quando porta la Seconda Guerra Mondiale come film horror. Prendendo spunto da Dunkerque, la sequenza di apertura prevede un lancio col paracadute girato in maniera brutale e caotico che cattura il senso della violenza casuale e della distruzione arbitraria che definisce una guerra su quella scala. Alcune delle immagini più inquietanti, all’interno di Overlord, arrivano molto prima che il film giunga a qualsiasi castello gotico o catacombe inquietanti; corpi spezzati e malconci di maglioni paracadutisti penzolavano tra le membra degli alberi, illuminati dal misterioso bagliore arancione dei fuochi che bruciavano tra le macerie.

L’orrore di Overlord

In realtà, sto dicendo che Overlord continua a tornare a queste immagini, anche una volta che le cose si intensificano nel secondo atto. La scena di apertura presenta un personaggio aggrovigliato nelle sue stesse corde, che fatica a respirare dopo l’atterraggio in un lago. Rantola e lotta e il pubblico si sente come soffocato. Questo orrore è specchiato direttamente durante una sequenza successiva all’interno di un inquietante laboratorio nazista, quando lo stesso soldato trova vittime soffocanti legate che lottano per respirare. Rimbalzando per una serie di concetti, il film ha un’accattivante casualità che riflette la reazione di Boyce a tutto ciò che sta vedendo. Il film funziona al meglio quando evita di spiegarsi eccessivamente o di sovra-segnare la trama, al fine di mantenere il pubblico tranquillo.

C’è una potente risonanza tematica, la presentazione della politica nazista come qualcosa di letteralmente mostruoso. Overlord ritorna ripetutamente all’idea che il regime letteralmente disumanizzi le sue vittime. Quando le truppe americane scoprono cosa sta accadendo al castello, scoprono anche che questi esperimenti sono condotti su emarginati e deboli. Uno degli amici di Boyce articola questa ansia prima del salto. “Cosa pensi che faranno i tedeschi se troveranno un ragazzo di nome Rosenfeld?”. Il pubblico lo sa già.

overlord clip

In effetti, c’è qualcosa di molto efficace nella decisione di concentrare così strettamente Overlord su un soldato afro-americano come Boyce. Quando Boyce si aggira nel complesso tedesco per assistere agli orrori in prima persona, c’è un’ansia palpabile. Boyce è nero e quindi non può vivere. Non può indossare un’uniforme nazista come ha fatto Indiana Jones in I predatori dell’ arca perduta e Indiana Jones e l’ultima crociata.

Conslusioni

Queste sequenze ricordano ripetutamente ed efficacemente la condotta degli orrori da parte del regime nazista, anche se Overlord è abbastanza intelligente da evitare di farsi coinvolgere direttamente nei particolari dell’Olocausto. Mentre la formula magica rossastra che guida gli esperimenti in Overlord è del tutto fittizia, gli orribili esperimenti condotti nel film non sono troppo lontani da quelli esercitati da persone come Mengele o Strughold nella vita reale. C’è un potere nel presentare quel livello di orrore a livello puramente viscerale.

Articoli correlati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Adblock Rivelato

Per favore, aiuta la nostra crescita disabilitando l'adblocker