The Woman Who Fell to Earth, Recensione Doctor Who

Il Dottore... Ehm... No, la Dottoressa... Aspe... Si, la dottoressa è tornata!

Chris Chibnall – scrittore della famosissima serie Broadchurch – con questo episodio, ha sicuramente trovato una sfida: non solo subentrare al successo di Moffat, ma anche l’obbligo di introdurre un nuovo personaggio non solo per i vecchi fans ma anche per chi si avvicina per la prima volta alla serie. C’è molto su The Woman Who Fell to Earth, e molte aspettative che devono essere soddisfatte.

L’episodio è ottimo, se non eccellente

Come showrunner e sceneggiatore, Chris Chibnall si afferma immediatamente ed efficacemente come un colpo azzeccato. Però sotto alcuni punti di vista, questo è deludente. Dopotutto, sia Russell T. Davies che Steven Moffat, quando divennero showrunner, affermarono aggressivamente la loro visione di quello che poteva essere Doctor Who. Ma in The Woman Who Fell to Earth, Chibnall sembra volerci andare con calma.

Questo non deve essere necessariamente una cosa negativa, a essere onesti. Chibnall è uno scrittore molto meno avventuroso di Davies o Moffat, ma The Woman Who Fell to Earth è caratterizzato da un approccio di riallineamento con i concetti base della serie.

Infatti, l’episodio funziona al meglio con i suoi elementi relativamente semplici, bisogna guardare i dettagli piuttosto che il complesso di dove questa stagione ci voglia portare. Jodie Whittaker si getta nel ruolo di protagonista e comprende che sta effettivamente portando avanti la storia. Il nuovo gruppo – o Companions – ha una chimica vivace e facilmente distinguibile dagli abitanti più recenti del TARDIS. L’effettiva trama dell’episodio è abbastanza valida per Doctor Who, dimostrando che la serie può essere ancora all’altezza delle aspettative.

la dottoressa
Clip da The Woman Who Fell to Earth

Chibnall non sembra particolarmente interessato a competere con Davies e Moffat in termini di dialogo, anche se l’episodio mostra la tendenza a grandi discorsi tematici che ci si aspettano da questi episodi. Invece, Chibnall costruisce l’episodio in modo che non ci sia bisogno di un dialogo forzato.

The Woman Who Fell to Earth si evolve in maniera incredibile, toccando rapidamente i vari fili della trama e sollevando varie domande. I personaggi, raramente hanno tempo per farsi le vere domande, perché c’è sempre qualcosa che accade per aumentare il ritmo.

La trama di The Woman Who Fell to Earth è un omaggio piuttosto diretto a Predator, ma la trama è implacabile e indaffarata. L’episodio è pieno di molti dettagli estranei e troppo elaborati che esistono in gran parte per fornire all’episodio una scusa per tagliare le scene e arrivare dritti al punto.

The Woman Who Fell to Earth è decisamente cinematica nella sua narrazione, in termini di composizione e inquadratura. Quando Tosin vaga nella foresta per recuperare la sua bicicletta, è come se fosse già passato in un regno magico. Quegli scatti del Dottore e di Carl in cima alle due gru sono incorniciati in modo tale da enfatizzare la scala in cui i personaggi sono coinvolgenti.

Tutto sembra più grande e più audace

Il direttore della fotografia, Denis Crossan, conferisce alla serie un aspetto più nitido e originale rispetto alle precedenti versioni. La tavolozza dei colori è un po’ più scura, spezzata da gialli notturni inquietanti e verdi grigi sbiaditi.

Jamie Childs fa un buon lavoro nel fornire un senso di scala, spesso inquadrando l’azione in ampi scatti per dare al pubblico un senso di prospettiva. Questo approccio di “ritorno alle origini” si riflette nella trama in maniera abbastanza consistente, che consiste in un alieno che arriva sulla Terra, uccide un gruppo di persone e poi viene facilmente sconfitto dal Dottore.

Questa è una trama classica di Doctor Who, ma è particolarmente comune per le anteprime delle stagioni e degli episodi di rigenerazione; Spearhead from Space è un esempio eccellente. In termini di nuovi episodi della serie, The Woman Who Fell to Earth ha una trama semplice come quelle di Rose, The Christmas Invasion, Smith e Jones , Partners in Crime o The Eleventh Hour.

Questo ha senso come episodio pilota

Tuttavia, questi tipi di episodi sono in genere semplificati per lasciare spazio a un maggior sviluppo e coinvolgimento dei personaggi, per consentire al pubblico di concentrarsi sul personaggio piuttosto che sulla trama.

Il vero punto della premiere della stagione non è mai il mostro stesso, ma tutto il resto. Sfortunatamente, The Woman Who Fell to Earth non sfrutta al meglio questa opportunità in modo interessante o efficace.L’approccio back to to basics di Chibnall al Dottore si applica alla caratterizzazione della Time Lady tanto quanto alla trama dell’episodio. Mentre la Whittaker cerca di mettere il suo timbro unico sul personaggio, la sceneggiatura adotta un tono molto ampio nella scrittura per il Dottore.

The Woman Who Fell to Earth

Inoltre gli occhi di tutti erano puntati sull’attrice, dal momento che aveva una delle più grandi responsabilità che potesse avere: sostituire degli attori maschi che avevano anche portato qualcosa di nuovo nella serie. E anche se è ancora presto per sapere se sarà davvero una buona aggiunta all’eredità della serie, non si può negare che Whittaker ci è già riuscita!

The Woman Who Fell to Earth, in conclusione

Tuttavia, è chiaro che Chibnall spera di evocare lo spirito del Decimo Dottore, piuttosto che le personalità più esoteriche dell’undicesimo o del dodicesimo. È abbastanza facile immaginare The Woman Who Fell to Earth come la storia della rigenerazione di Tennant, ma sarebbe una cosa scomoda per Smith o Capaldi.

La sceneggiatura di Chibnall impiega molti dei ritmi e delle strutture familiari dell’era Davies, come la tendenza del Dottore a commenti ironici e frustrati e autocoscienti. “Va bene, non ti piacciono le domande”, nota sarcasticamente quando la creatura si rifiuta di identificarsi con lei all’inizio della storia. In effetti, molti dei personaggi di The Woman Who Fell to Earth sono consapevolmente progettati per evocare l’archetipo del Decimo Dottore più di ogni altra incarnazione del personaggio.

C’è forse un po’ troppo del Decimo Dottore in particolare (e dell’era Davies in generale) nel carattere del Dottore, in particolare nel momento in cui sconfigge l’alieno. Ricorda il meschino accostamento del Nono Dottore a Adam Mitchell alla fine di The Long Game o il rovesciamento di Harriet Jones del Decimo Dottore in The Christmas Invasion .

Allo stesso modo, i suoi grandi discorsi sembrano più tosti come i grandi discorsi nell’era Davies che quelli sovversivi dell’era Moffat.

Tuttavia, Chibnall fatica a legare la trama dell’episodio ai suoi grandi temi. Davies e Moffat erano entrambi molto, molto bravi nell’assicurare che le loro narrazioni consolidassero e sottolineassero i loro temi centrali in un modo in cui le loro osservazioni grandi e profonde sulla natura umana si sentivano generalmente come estensioni logiche della storia raccontata

La riconcettualizzazione di Moffat della rigenerazione come metafora della crescita personale in The Time of the Doctor è un grande esempio, ma ce ne sono innumerevoli altre. Al contrario, The Woman Who Fell to Earth lotta per legare la logica tematica interna di una storia di rigenerazione alla sua divertente prima stagione di una versione PG-13 del Predator.

The Woman Who Fell to Earth

Per essere chiari, il Dottore è poi indignato per l’idea stessa della caccia, ma sembra strano che lei si fissi immediatamente sul tradimento piuttosto che sulla barbarie. Per essere onesti con Chibnall, questo è sempre stato un punto cieco per Doctor Who, a seconda dello scrittore. La tolleranza del Dottore per atti di brutalità e barbarie sembra spesso dipendere dai capricci dello scrittore. Forse riflettendo la sensibilità nostalgica di Mark Gatiss, il Dottore sembra molto soddisfatto dei brutali e imperiali guerrieri del ghiaccio di Cold War o di Empress of Mars.

Tuttavia, questa è una decisione molto maldestra da prendere nel contesto di un nuovo showrunner che sta scrivendo il suo primo episodio. The Woman Who Fell to Earth funziona relativamente bene come storia horror/fantascientifico, comprendendo che Doctor Who è una serie che può sconvolgere i bambini e farli sentire un po’ a disagio. C’è molto orrore e brutalità in The Woman Who Fell to Earth, ma nessuno di questi si sente gratuito e inutile. Di nuovo, c’è la sensazione che Chibnall si stia definendo in opposizione al suo diretto predecessore e più in linea con il primo produttore esecutivo della serie.

The Woman Who Fell to Earth è perfettamente interessante, se non addirittura eccezionale. Non fallisce o rovina troppo la posta che mette in gioco.

Articoli correlati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close

Adblock Rivelato

Per favore, aiuta la nostra crescita disabilitando l'adblocker