Comicult 2018: cala il sipario sulla Prima Edizione

Il concerto di Giorgio Vanni segna la fine di questa 3 giorni all’insegna del fumetto. Ma la giornata conclusiva del Comicult 2018, non si risparmia negli incontri votati alla cultura e alle forme d’espressione.

Gli eventi del Comicult 2018 che abbiamo seguito

Al Comicult 2018 c’era anche lui; questo tristissimo otaku. Poverino.

A pochi minuti dall’apertura, abbiamo il piacere di assistere a un dibattito sui formati editoriali e sui condizionamenti espressivi nei fumetti. Una discussione quasi-accademica ma alla portata di tutti grazie a un’esposizione a dir poco illuminante del prof. Bruno La Vergata.

Prosegue poi la NipponiCS con un seminario dedicato all’Haiku in cui si spiega questa forma d’arte poetica. Inoltre, l’occasione è propizia per presentare il libro di Vittorio Pignataro, “Passijati”, volume dedicato agli Haiku ma con una piccola eccezione: la lingua in cui sono scritti è il dialetto calabrese!

Qualche ora più tardi è il momento per un convegno letteralmente epico: Dadobax e The Pruld uniscono le forze per parlare di videogiochi come forma d’arte. Non a caso, l’appuntamento è stato chiamato “Feel the Videogames” e in questo frangente, entrambi i youtuber hanno condiviso le proprie opinioni con una nutrita affluenza di spettatori.

Nel frattempo, l’area cinema non si ferma un momento e continua imperterrita a battere sull’incudine; si parla di doppiaggio con Alex Polidori e Manuel Meli, prosegue Gualtiero Cannarsi e Sara Fadda con le Canzoni degli Anime. Nel pomeriggio, invece, Adrian Fartade ci porta a spasso nello spazio, alla scoperta dei pianeti del nostro sistema solare.

Inutile ribadire quanti colori abbiano invaso i padiglioni durante il contest cosplay a cura della Epicos.

Non ci resta che augurare ai ragazzi e allo staff intero di poterci regalare un’edizione anche per il 2019.

Il report della terza giornata è concluso ma tanti contenuti aspettano di essere programmati, motivo per cui dovreste rimanere sintonizzati con il Bosone!

Dave

Un tipetto alquanto permaloso, soprattutto quando è davanti al suo pc. Vive un rapporto dualistico, di amore e odio, nei confronti della tecnologia. Ama scrivere al computer, per esempio. Ma non prova le stesse emozioni quando perde 300 cartelle word a causa di interruzioni improvvise causate da chissà quale maledizione fantozziana. Vive di libri, muore di cinema e per l’odore dei pop-corn. Il grande schermo è la sua più grande passione, ammesso che riesca ad arrivare in sala in orario. I suoi frequenti ritardi (per adesso solo in ambito di tempistiche) sono il motivo per cui quando lo incrocerete vi sembrerà un mandarino che rotola. Ha fatto il giornalista ed è anche un bel ragazzo. Bello davvero. E questa descrizione non è stata scritta da lui, eh.
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: