Doctor Who: Time Crash, La RetroRecensione

C’è una strana scuola di pensiero dal ritorno di Doctor Who nel 2005, popolato da una minoranza molto esplicita di fan, che insiste sul fatto che la nuova serie non ha prestato abbastanza attenzione a ciò che è stato il passato, che la serie ormai ha solo mantenuto il nome ma ha cambiato tutto.

Questi sono i fan che si rifiutano di accontentarsi di The Day of the Doctor perché non è “The Eleven Doctors” , senza aver visto lo speciale dell’anniversario.

Questi sono fan che hanno il cuore spezzato perché la serie non ha trovato il tempo di mostrare Paul McGann che si rigenera in Christopher Eccleston, o che si oppongono alla distruzione di Gallifrey o alla rielaborazione di mostri con storie arretrate come i Cybermen per renderli più accessibile al pubblico moderno. Vale la pena sottolineare che questo punto di vista è molto in minoranza, ma esiste.

Qualsiasi viaggio nei forum o discussioni online sullo spettacolo inevitabilmente si inciderà su questo particolare punto di vista.

Certo, è una sciocchezza. Anche se era ambiguo in anticipo, Time Crash esiste come una breve lettera d’amore per un’era del passato molto particolare della serie.

Per essere onesti, Time Crash è lontano dall’essere la prima dimostrazione di quanto la nuova serie sia legata alla serie classica di Doctor Who .

Chiunque guardi i tre anni precedenti dello serie riconoscerà gli ovvi sforzi compiuti per collegare questo programma televisivo al classico serial della BBC.

Time Crash si colloca come preludio a  Voyage of the Damned e ovvero la prima storia della quarta stagione.

La quarta stagione è davvero il punto in cui anche il più cinico dei fan dovrebbe ammettere che lo spettacolo si è riconnesso con le sue radici.

Non solo la terza stagione è stata caratterizzata da Macra e la conferma ufficialmente che la nuova serie conta addirittura Paul McGann come Dottore, ma questa è una stagione che include una serie di riferimenti a una continuità oscura.

Lo show ha atteso fino alla terza stagione per nominare Gallifrey o per rappresentare i volti degli otto precedenti Dottori, ma è ovvio che sia stato creato da un sincero affetto per il materiale originale.

Eppure, Time Crash è il punto in cui diventa impossibile non vedere come Davies abbia deciso di dimostrare che la serie classica ha ancora da raccontare qualcosa e di legarsi alla nuova serie.

Guardando l’episodio oggi, dopo il suo addio, è l’ultima vera possibilità di Davies di farlo. Certo, ci sarà un anno pieno di special, ma questa è la sua ultima stagione completa di Doctor Who.

Lo stesso vale per David Tennant, che è un grande fan della serie classica. (In contrasto con Christopher Eccleston, che non aveva mai visto lo spettacolo classico.)

Ci sono anche molte piccole ragioni.

Questa è la trentesima stagione dello spettacolo, contando la serie classica; è anche il quarantacinquesimo anniversario.

Anche se non ci sono grandi traguardi, vale la pena festeggiare.

Mentre resuscitava Doctor Who era stato un grosso rischio per la BBC, tramite un processo lungo e doloroso, lo spettacolo era diventato una delle grandi storie di successo della tv.

La quarta stagione è in realtà solo una massiccia celebrazione del successo dello spettacolo, culminato con Journey’s End che rivendica il primo posto nelle classifiche settimanali come episodio più visto.

Sembra giusto che le celebrazioni dell’eredità e della storia dello show siano parte di questo. Inoltre, il pubblico è arrivato ad accettare Doctor Who per quello che era, quindi aveva senso iniziare a introdurre elementi classici.

Così, mentre lo show ha investito molto tempo e sforzi nel rendere i Daleks spaventosi e resuscitare i Cybermen e reinventare il Maestro, la quarta stagione ci offre una versione dei Sontarans che sono in gran parte invariati rispetto alla serie classica, salvo alcuni miglioramenti nel make-up e costumi.

Time Crash ci offre la nostra prima “storia multi-dottore” di questa audace nuova era, riunendo il Decimo Dottore con il Quinto Dottore.

Ed è abbastanza chiaro che si tratta di riconoscere e apprezzare l’eredità dello spettacolo. In particolare Peter Davison, che è noto come il solo Doctor Who – a parte Christopher Eccleston e forse Paul McGann – che è altrettanto riconosciuto per i suoi contributi alla televisione britannica al di fuori dello spettacolo, sia per serie tv come  Law and Order: UK o All Creatures Great and Small.

Eppure, rimane una parte vitale della storia dello show e una grande influenza sul suo team creativo.

David Tennant considera Peter Davison (insieme a Tom Baker) come la sua versione definitiva del Dottore . Anche se, dato che Tennant è ora il genero di Davison, non è certo una fonte obiettiva. Tuttavia, Steven Moffat è un fan del lavoro di Davison nello show, e non è stato timido nel condividere la sua opinione.

Peter Davison potrebbe sempre esistere nell’ombra di Tom Baker nella coscienza popolare, ma ciò non rende ciechi Moffat e Davies per il superbo lavoro svolto da Davison.

In effetti, una porzione estesa di Time Crash consiste nel Decimo Dottore che spiega quanto della performance di Tennant (e persino del suo abbigliamento) sia ispirata da Davison.

Davison riesce a gestire il dialogo di Moffat con grande facilità. Il dialogo di Moffat è marcatamente diverso dal dialogo nelle sceneggiature prodotte mentre Davison stava lavorando allo show – è molto più rilassato e più casual di quanto il dialogo della serie classica tendesse ad essere.

Non c’è niente di sbagliato in questo; La televisione è cambiata nei decenni da quando The Caves of Androzani è andato in onda, ed è dimostrato da altri cambiamenti come lo spostamento nel formato del programma e persino gli stili esecutivi di attori come Eccleston, Tennant e Smith.

È molto difficile immaginare che il Quinto Dottore abbia linee come “timey wimey”. Questo è un tipo di esposizione molto moderno, e diversamente dal technobabble solitamente dato al Dottore di Davison.

“Questo è un paradosso che potrebbe creare un buco nel continuum spazio temporale delle dimensioni di … beh, in realtà, le dimensioni esatte del Belgio.

Suona meno drammatico, non è vero? Belgio? ” È una battuta più facile da leggere nella voce del Decimo Dottore che Quinto.

Tuttavia, Davison lo fa funzionare. Inoltre, lo fa mentre recita ancora come il Quinto Dottore.

Questa non è una reinvenzione o rielaborazione del personaggio. Davison dice quelle battute e improvvisamente si adattano perfettamente al personaggio.

Passa perfettamente tra questi due periodi. Sia che offra un brutale botta-e-risposta del Decimo Dottore o che faccia delle battte non troppo sottili alla sessualità del Maestro, Davison riesce a mantenere il personaggio coerente.

Il quinto dottore non avrebbe mai fatto commenti sulla “barba” del Maestro sullo schermo, ma poteva assolutamente farlo.

In questo modo, Davison stesso forma un ponte tra la serie classica e il Doctor Who più moderno.

Il suo lavoro qui suggerisce che lo stile, il ritmo e il tono della nuova serie sono in realtà perfettamente in linea con la serie classica, anche se ci sono evidenti cambiamenti nel tempo.

Inoltre, ha ricevuto meritata vendetta e riconoscimento. Il ruolo di Davison è spesso sottovalutato, ed è bello vedere l’attore dare la possibilità di ricordare a tutti noi quanto fosse bravo.

Time Crash è un biglietto di San Valentino incredibilmente dolce per un artista sottovalutato, ma è anche una coraggiosa dimostrazione di quanto profondamente Davies e Moffat (e tutti gli altri che lavorano nello show) si prendono cura della serie classica. Come se non lo sapessimo già.

Close