The Defenders: La Recensione del Crossover Marvel

La serie è nominalmente un crossover tra quattro serie Marvel prodotte da Netflix, una versione per il piccolo schermo di The Avengers che fornisce un punto di intersezione tra Daredevil , Jessica Jones , Luke Cage e Iron Fist . In teoria, questa è l’occasione perfetta per riunire quattro supereroi televisivi e fargli affrontare una minaccia molto grande.

The Defenders

Fin dall’inizio, The Defenders soffre dell’errore di appoggiarsi sui due pilastri più deboli di questo impero multimediale. La seconda stagione di Daredevil è stato un disastro sconnesso pieno di scrittura povera di contenuti e farcito con ninja generici. La prima stagione di Iron Fist era una collezione di stereotipi orientalisti stipati in una storia sulle origini a basso costo e mal costruito e modellato sulla falsa riga di DareDevil dove però sentiamo una chiara citazione del modello usato da Christopher Nolan in Batman Begins . Queste non sono le basi per qualcosa di epico. The Defenders non cattura la forza emotiva di Jessica Jones , né la prospettiva a livello della strada della vita a New York convogliati attraverso Luke Cage . Ancora più in fondo, The Defenders non cerca neanche lontanamente di creare lo stesso senso di emozione che ha definito gran parte della prima stagione di Daredevil . Invece, The Defenders si concentra sui ninja e un (inutile) senso mistico.

The Defenders

Come per la seconda stagione di Daredevil , che inizia relativamente bene per poi scendere in una fossa di caos narrativo. Nella fase iniziale di The Defenders, ci viene fatto intendere che Jessica e Luke potrebbero effettivamente essere utilizzati anche all’interno di questo casino ninja/epico, dando un senso di umanità alle narrazioni mistiche che circondano Matt e Danny. Tuttavia, più la serie va avanti e più siamo soffocati solo da battaglie ninja perdendo lo spessore nei personaggi.

Luke e Jessica sono personaggi molto secondari in The Defenders , qualcosa che è prontamente evidente fin dall’inizio. Mentre i cattivi di The Defenders sono in gran parte tratti da Daredevil e Iron Fist , Luke scopre abbastanza presto che i suoi stessi arcinemici sono fuggiti da Harlem. Anche se David Tennant sarà un personaggio della seconda stagione di Jessica Jones , il personaggio di Kilgrave è del tutto assente da The Defenders .

Purtroppo, queste assenze creano un vuoto. Gli sceneggiatori decidono quindi di riempire quel vuoto con una collezione di personaggi completamente generici e dimenticabili. La parte peggiore è che non v’è alcuna reale giustificazione per l’introduzione di molti di questi personaggi. Bakuto era un cattivo blando che era stato ucciso al culmine di Iron Fist , non c’era bisogno di farlo risorgere per The Defenders . Nobu era stato ucciso due volte, nella prima e nella seconda stagione di Daredevil , quindi non c’è alcun bisogno di introdurre Murakami come ninja generico dietro a un’ altro ninja generico.

Nei fumetti raramente hanno permesso di far morire dei personaggi e lasciarli morti. Le leggi della narrazione nei fumetti suggeriscono che ogni personaggio morto è costantemente sempre più vicino alla resurrezione; basta pensare a Bucky Barnes o Gwen Stacey, personaggi che erano morti per decenni prima delle loro resurrezioni. Tuttavia, v’è anche un senso che questo tipo di resurrezioni sono narrativamente convenienti. Nessuno tra il pubblico vorrebbe personaggi come Bakuto o Nobu. Non v’è alcuna ragione al mondo per resuscitarli, sia letteralmente o metaforicamente. Né Bakuto né Nobu erano carismatici nelle loro storie. Né Bakuto né Nobu spuntato fuori dallo schermo. Né Bakuto né Nobu avevano alcun collegamento essenzialmente emotivo a qualsiasi personaggio principale che doveva essere riesumato. Se i difensori non possono lasciarsi che questi personaggi muoiano definitivamente, perché non sono riusciti a farli piacere al pubblico?

The Defenders

Tutto questo si sente molto in malafede. Questa serie lavora molto duramente per convincere il pubblico che questa battaglia ha una posta in gioco molto alta, che la Mano può essere uccisa e sconfitta. In effetti, diversi membri della Mano vengono decapitati nel corso della serie, e un importante punto della trama è l’idea di immortalità per i membri del gruppo. Tuttavia, sembra arbitrario. Come regola generale, la Marvel di Netflix ci ha mostrato la miglior trasposizione dal fumetto allo schermo dei peggior supercriminali rendendoli pericolosi e credibili; Daredevil ha Vincent D’Onofrio come Wilson Fisk. Jessica Jones era praticamente divisa tra due supercattivi del calibro di Krysten Ritter e David Tennant. Luke Cage aveva Mahershala Ali e Alfre Woodard .

Tuttavia, The Defenders sceglie inspiegabilmente di trattare la Mano come principale antagonista dello show e di elevare il personaggio di Elektra al ruolo di “Super cattiva”. Elodie Yung fa il meglio che può con la sceneggiatura, ma Ramirez e Petrie non sono mai riusciti a trasformare Elektra in un personaggio opportunamente articolata e complessa. Incosciamente gli stessi sceneggiatori lo riconoscono implicitamente aggiungendo un calibro da novanta come Sigourney Weaver nei panni della misteriosa Alexandra Reid, e permettendo di portare quel peso drammatico per sei episodi prima di ucciderla senza tanti complimenti alla fine di Ashes, Ashes .

 

Questa è una decisione spettacolarmente inopportuna, se non altro dal punto di vista strutturale. Alexandra è l’antagonista Netflix più sviluppata e ricca di sfumature ed ha abbastanza presenza e abilità per ancorare una scena. Una volta che i difensori decidono di uccidere Alexandra a favore di Elektra, la serie crolla nell’anarchia narrativa. Non c’è più un cattivo abbastanza interessante per guardare il fulcro centrale della storia, ed i nostri eroi sembrano gettati in quello che ne rimane.

Il problema con Elektra in The Defenders come principale antagonista è il modo in cui è stata scritta la seconda stagione di Daredevil . Dopo gli eventi della seconda stagione sarebbe bastato far sparire Elektra per anni cosi il pubblico avrebbe avuto l’opportunità di vedere Matt ricostruirsi una vita, ma in realtà si sente proprio come se The Defenders voglia ripetere alcuni eventi avvenuti già durante la seconda stagione.

Anche se la scelta del team creativo ha reso inevitabile che i difensori sarebbero radicati nella seconda stagione di Daredevil , la decisione è ancora frustrante. La seconda stagione di Daredevil è stato un disastro spettacolare, con scarsa caratterizzazione dei personaggi principali. E’ caratterizzata da scrittura che scambia “cose che accadono” per l’arte della narrazione. La decisione di sradicare tanto di The Defenders in quella stagione rappresenta un errore di considerevoli dimensioni di giudizio da parte del team di produzione.Tuttavia, il problema è aggravato dalla decisione di sradicare tanto The Defenders anche nella prima stagione di Iron Fist . In effetti, la prima stagione di Iron Fist è l’unica stagione della Marvel Netflix che è palesemente peggiore della seconda stagione di Daredevil . Guardando The Defenders , c’è un senso che Ramirez e Petrie stanno godendo l’opportunità di raccogliere l’uomo basso e sollevarlo a mistico. Più di questo, The Defenders sembra capire come Iron Fist è stato fondamentalmente e narrativamente viziato. Significativamente, The Defenders si trasporta sulla promessa non mantenuta di aver realizzato Iron Fist.

Tuttavia, questi tocchi di auto-conoscenza non ci fanno dimenticare che Iron Fist è un terribile pezzo di televisione e gli è stata data troppa importanza in The Defenders appoggiandosi troppo su sciocchezze mistiche intorno K’un Lun e la Mano rendendo il tutto particolarmente privo di interesse.

The Defenders alla fine rappresenta ciò che Netflix/Marvel non può e non deve fare con i suoi prodotti futuri e forse ci fa sperare che ci possa essere una rinascita con la miniserie del Punitore annunciata a Novembre

Close