Videogiochi e Gaming

Prince of Persia: ecco perché è Il Gioco Dimenticato

«Forse ti chiederai chi sono e perché io parli così. Siedi, e ti racconterò la storia più incredibile che tu abbia mai sentito... » (da Prince of Persia: le Sabbie del Tempo)

Segnatevi questa data: 4 Novembre 2003. Ubisoft acquisisce il brand Prince of Persia, leggendario platform d’altra epoca e lo trasforma in qualcosa di ancor più leggendario. Il capolavoro di Ubisoft, uno dei giochi iconici della PS2.

Un capolavoro che mette d’accordo tutti, vecchi fan, critica e novizi. Uno dei migliori sistemi di combattimento di sempre e un’ottima ambientazione legata ad una straordinaria trama, sono i punti cardine di questo titolo. Un successo tanto acclamato dal pubblico che sbanca letteralmente, vendendo ogni prevista immaginazione.

Prince of Persia: Le sabbie del tempo

Il gioco narrava le avventure del Principe, legate alle Sabbie e al Pugnale del Tempo. Finalmente Prince of Persia riusciva ad avere un ambiente 3D (dopo il fallimentare Prince of Persia: 3D del 1999).

Un gioco rivoluzionario per i suoi tempi, sotto il punto di vista grafico ma anche per quanto riguarda il gameplay. Il principe e le sue avventure convincono tantissimi fan che in poco tempo creano un enorme fan-base, che inizia a chiedere (giustamente) dei sequel.

Prince of Persia
Quando il Principe perdeva la veste superiore e otteneva uno spadone in grado di abbattere in nemici con un solo colpo, capivi che era il momento di fare sul serio

Escono dunque nuovi giochi targati Prince of Persia, alcuni di ottima fattura (come Prince of Persia: Due troni, che chiude la trilogia) altri meno incisivi (come Prince of Persia: Prodigy)

Si arriva cosi al 2010, anno di Prince of Persia: Le sabbie dimenticate (capitolo che si incastra tra Spirito guerriero e Due troni) e dell’adattamento cinematograficoPrince of Persia: Le sabbie del tempo (e di questo film preferiremmo stendere un velo pietoso). Poi il nulla.

Passano 7 anni, perché Ubisoft abbandona il suo capolavoro?

Prince of Persia, saga dal grande successo chiude i battenti e viene abbandonata da Ubisoft. Senza un perché, uno dei giochi più celebri della storia viene affossato e dimenticato per essere sostituito da nuovi progetti ambiziosi.

E per un fan di vecchia data come me fa male sentirsi dire da un giocatore di Assassins’creed che “Ubisoft ha puntato su qualcosa di meglio”.

Prince of Persia
Ciao, sono Altair doveva essere uno schiavo del principe in uno spin off di Prince of Persia? Invece pare sia finito con il distruggere un’incredibile saga… Peccato.

Assassin’s creed (che, guarda caso, nasce durante gli ultimi anni di vita di PoP) ha molto in comune con Prince of Persia e Ubisoft pare abbia fatto una scelta puntando tutto su un nuovo brand, nuovo di zecca. Che sia un modo di riportare in auge gli elementi di successo del cugino?

Ogni anno, prima del E3, escono fuori possibili notizie di un ritorno del principe; ogni anno rimango con l’amaro in bocca. Nel 2015 Robin Atkin Downes (doppiatore del principe in Spirito Guerriero) scriveva su Twitter: “Looking forward to it! #PrinceOfPersia and #georgewashington will be there.”

E invece niente. Siamo, al quindicesimo anniversario di quel gioco leggendario e Ubisoft non si scomoda neanche a realizzarne perlomeno una remastered, conscia dell’immediato successo che avrebbe.

Aspetto un ritorno, un trailer ma soprattutto una spiegazione. Perché abbandonare tutto cosi, di punto in bianco. Perché non farlo ritornare, perché non soddisfare gli innumerevoli fan. Strategie e altra roba di marketing che mai capirò.

L’unica spiegazione che ho ipotizzato negli anni è che PoP poteva essere il diretto avversario di Assassin’s Creed e che per evitare di auto-danneggiarsi con le sue stesse mani, Ubisoft abbia deciso di eliminare uno dei due… Almeno per il momento. Se è vero che è cosa buona e giusta strizzare la propria gallina dalle uova d’oro, forse non è la stessa cosa averne due e sapere di non riuscire a spremerle fino in fondo. Strane congetture, lo so. Ma preferisco credere a questo anziché pensare che Ubisoft si sia dimenticata del suo capolavoro più grande.

Prince of Persia
« Il tuo viaggio non avrà un lieto fine, non puoi cambiare il tuo destino, nessun uomo può. » (Prince of Persia: Spirito guerriero). Il Principe aveva già predetto la sua fine tempo fa…

Tags

Manu99

Cresciuto nell'epoca "d'oro" dei videogiochi. Tra i salti di Crash, le corse sui muri di Prince of Persia, i brividi per Resident Evil 1 e le avventure di Tomb Raider. Appassionato da sempre di lettura e giornalismo, con l'abitudine di dire sempre cosa pensa. Su qualsiasi cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close

Adblock Rivelato

Gentile lettore, abbiamo notato che stai utilizzando AdBlock. Per fruire dei nostri contenuti è necessario disattivare AdBlock per questo sito o aggiungerlo alla tua Whitelist. Sul nostro portale troverai solo 2 banner pubblicitari assolutamente non invasivi. Ti assicuriamo di non infastidirti con pop-up o pubblicità sgargianti. Disattiva la tua protezione per il Bosone e ci aiuterai a proseguire la nostra avventura dal punto di vista economico. Grazie :)