Doctor Who: Rose – La RetroRecensione

E’ incredibile pensare a quanto fosse importante Rose.

Certo, Doctor Who ha continuato a produrre, resistendo dalla cancellazione fino alla rinascita del 2005, ma ci fu un periodo in cui la sua risurrezione sembrava improbabile, per non dire altro. Anche se i fan avevano mantenuto la serie viva, deve essere sembrato altamente improbabile che sapessero che sarebbe tornata in tv, per non parlare che fù anche un grande successo. Il produttore Russell T. Davies poteva sembrare una scelta improbabile. Anche se aveva scritto su qualche materiale spin-off, come altri autori televisivi britannici, tra cui Steven Moffat e Paul Cornell, Davies era più noto per la produzione di spettacoli come Queer as Folk e The Second Coming . Tuttavia, aveva condotto una campagna per riesumare lo show per un bel po’ di tempo, in particolare nel 1998 e nel 2002, prima che di riuscirci finalmente verso la fine di Marzo 2005.

rose

Anche se ancora imperfetto, Rose funge da introduzione efficace, e contiene i semi di quello che sarebbe diventato il successo dello show. Prendendo in prestito (e reinventando) pesantemente alcune idee da Spearhead from Space , l’episodio presenta una versione di Doctor Who per una nuova generazione.

Le somiglianze a Spearhead from Space sono abbastanza sorprendenti, anche se la sovrapposizione ha un senso. Penso che sia possibile sostenere che il passaggio da Troughton a Pertwee era la più grande transizione dello show mai realizzato. Non solo il passaggio della serie dal bianco e nero al colore, ma ha anche cambiato radicalmente la messa a fuoco. Il primo anno del mandato di Pertwee rimane una delle stagioni più consistenti della fantascienza che la BBC abbia mai mandato in onda, e molte di quelle storie sono stupende anche oggi, decenni più tardi. Quindi non è troppo che Davies abbia ripreso Spearhead from Space come suo punto di partenza.

rose

Come Spearhead from Space , Rose ci presenta un Dottore che si e’ appena rigenerato e che arriva sulla Terra senza un compagno. Entrambe le storie usano gli Autons come cattivi, e impostare una stagione di storie che si svolgono completamente (o, nel caso della nuova, in giro) sul pianeta. Il Dottore di Eccleston sembra chiaramente modellato sulla versione interpretata da Pertwee. Entrambi sono un po’ condiscendenti e scontrosi ai loro compagni umani, ma condividono l’affetto profondo del Dottore per l’umanità nel suo insieme.

Aiuta il fatto che gli Autons sono tra i cattivi più visivamente distintivi per apparire in Doctor Who . Sono apparsi due volte nello show, eppure hanno fatto un’impressione duratura nell’immaginazione del pubblico. In effetti, l’invasione degli Auton in Terror of Autons resta una delle sequenze più rappresentative dello show, non da ultimo a causa della quantità di polemiche che ha generato al momento.

rose

Gli Autons hanno un senso perché rappresentano il cattivo “dolce”;  sono, come alcuni cattivi  innegabilmente ridicoli, ma anche stranamente terrificanti. La nozione di manichini che prendono vita per ucciderci è assolutamente assurdo, eppure quei manichini riescono a raggiungere il loro scopo di terrore. Tuttavia, se gli Autons stessi riescono a bilanciarsi notevolmente bene, l’episodio in sé fatica un po’. Lo spettacolo avrebbe imparato a regolarsi abbastanza rapidamente, ma ci sono diversi momenti in cui il tutto vira troppo in una direzione o l’altra.

La colonna sonora di Murray Gold sembra anche avere un po’ di difficoltà a bilanciare il tutto. Il lavoro di Gold sulle avventure successive sarebbe stato criticato per essere un po’ troppo approssimativo, ma sono generalmente appassionato del suo lavoro. Lavorare con un’orchestra, dà una meravigliosa impressione di scala. Qui, però, c’è un po’ troppo superficialità sulla sua selezione musicale. Per molti aspetti sembra come se Murray Gold avesse appena ricevuto un sintetizzatore e stia cercando di dimostrare esattamente quello che può farci. Ci sono tocchi che suggeriscono i temi più impressionanti su cui avrebbe lavorato più avanti, ma c’è una qualità molto approssimativa per il suo lavoro su Rose che mette in chiaro che questo è un work in progress, piuttosto che un esempio di insieme su cosa sarebbe stata la serie.

rose

Anche la scrittura Davies può essere oggetto di critiche. Avrebbe scritto otto dei primi tredici episodi dello show, in modo che la prima stagione offrisse davvero un’illustrazione convincente dei suoi punti di forza e di debolezza come scrittore. Quei punti di forza e di debolezza sono abbastanza evidenti anche qui nel primo episodio. Davies scrive personaggi eccellenti e tutti sembrano relativamente e completamente delineati in questo progetto pilota, nonostante il fatto che Davies sta lavorando a un’invasione aliena per tutti e 45 i minuti.

Anche se i dettagli sono un po’ confusi, è abbastanza facile vedere dove Davies sta portando lo spettacolo. Il Dottore non utilizza mai esplicitamente le parole “Guerra del Tempo”. Non ha voluto discutere la sua storia fino alla fine del prossimo episodio, ma è subito chiaro che il nostro personaggio centrale ha a che fare con la sua propria versione del disturbo da stress post-traumatico. Allo stesso modo, Davies fa un ottimo lavoro che spiega il motivo per cui si prende cura di questa palla di sporcizia, e implica anche qualcosa che non avrebbe esplicitamente detto per un po’ : la Terra è ora di fatto la casa del Dottore.

rose

Tuttavia, questi punti di forza sono bilanciati da alcuni punti deboli, e sono abbastanza ovvi qui. Mentre Davies fa un fantastico lavoro con personaggi e temi, il suo tracciato è spesso un po’ elastico. Per molti aspetti, contrasta bene con il suo successore, Steven Moffat.  Il lavoro sui personaggi di Moffat si sentiranno di tanto in tanto un po’ confusi, ma il suo tracciato è molto più preciso. Qui, cerca di adattarsi assolutamente in quarantacinque minuti, alcune delle specifiche sono un po’ confusi e alcuni dei punti della trama sono un po’ convenienti. Non ti sembra un po’ strano, per esempio, che gli Autons sono in attesa di tendere un’imboscata a Mickey davanti alla casa di Clive? Se gli Autons possono replicare gli esseri umani con sufficiente abilità tanto da ingannare Rose, come mai la loro forza d’invasione sembra essere composto principalmente dal negozio di manichini? So che il Dottore forza la mano e li porta a mettere in moto la loro invasione, ma si sente tutto un po’ goffo.

Sarò il primo ad ammettere che Davies non è necessariamente il migliore scrittore quando si tratta di strutturare una storia. Un bel po’ delle sue trame successive (in particolare i suoi finali di stagione) minacciano di cadere a pezzi se ci pensi troppo. Tuttavia, fa un lavoro eccezionale a catturare l’essenza, la meraviglia e l’entusiasmo che ci si aspetta da Doctor Who . Christopher Eccleston fornisce facilmente la versione più cinico e irritabile del personaggio dall’inizio fino ad oggi, ma è chiaro che sotto la giacca di pelle si cela almeno un cuore romantico .

rose

Vale la pena notare che lo script di Davies fà abbastanza luce sull’ esporre chi è il Dottore e quello che fa. Credo che sia stato un approccio scaltro. La Coscienza Nestene si rivolge a lui come “Signore del Tempo” , ma non fa menzione di Gallifrey o della sua storia passata. Davies avrebbe fatto un lavoro eccezionale a reintrodurre tutti questi concetti, ma è abbastanza intelligente da sapere che intrattenere il pubblico e afferrare la loro attenzione deve avere la priorità rispetto alla storia precedente.

Così ha astutamente introdotto il Nono Dottore, senza alcuna indicazione di ciò che è accaduto all’Ottavo. Non menziona la parola “rigenerazione”. Al contrario, mette in chiaro che il Dottore ha attraversato un cambiamento enorme negli ultimi tempi, e Rose suggerisce che questa è la prima volta che si è visto allo specchio. I fan di vecchia data (o anche quelli che hanno rivisto Rose dopo molti anni) immediatamente colgono questa implicazione. Per i nuovi spettatori, è semplicemente un altro aspetto interessante.

rose

Qui, naturalmente, è un altro esempio di come Davies favorisce carattere e sviluppo tematico sul lavoro e sulla trama. E’ importante per il pubblico capire che il Nono Dottore sta ancora lavorando sui suoi problemi, e che è ancora qualcosa di nuovo. Tuttavia, Clive presenta le immagini del Dottore in occasione di eventi come l’eruzione del Krakoa, l’assassinio di JFK e l’affondamento del Titanic. Sembra improbabile che ha viaggiato così lontano senza incontrare una superficie riflettente. Sembra inoltre improbabile che questi sono i viaggi successivi, perchè Rose non si vede.

Si potrebbe obiettare che il Dottore ha fatto tutto ciò dopo la prima volta che ha invitato Rose ad andare con lui. Se così fosse, sarebbe bello avere un po’ di conformazione in un modo o l’altro. Per lo meno, suggerisce la possibilità di viaggiare nel tempo in un modo che in genere Davies non ha fatto. So che il grande arco della stagione funziona al contrario, ma ci si sente come l’esecuzione maldestra di un concetto affascinante. L’idea che il Dottore possa vivere una notevole quantità di avventure nei pochi secondi che era fuori dallo schermo sarebbe un ottimo modo per dimostrare quanto sia elastico il tempo per lui. (E forse prefigurare il pasticcio temporale di Aliens of London , dimostrando che il tempo all’interno del TARDIS non corrisponde direttamente a quello all’interno del TARDIS.)

rose

So che questa può sembrare una scelta strana, ma Eccleston è il mio dottore preferito. Ci sono un sacco di ragioni per sceglierlo, ma la più ovvia è che lui è davvero l’unica versione del personaggio che ha un arco sul personaggio chiaramente tracciato che va dalla sua prima apparizione fino alla sua eventuale rigenerazione. Solo l’interpretazione di Peter Davison del personaggio si avvicina, e lui è il mio secondo preferito.

Il Dottore di Eccleston è stranamente e unicamente umano. E’ loquace, è sarcastico, è cinico. Il settimo Dottore potrebbe essere manipolativo e il terzo Dottore potrebbe essere sprezzante, ma il nono Dottore ha qualcosa di più.  Allo stesso tempo, questa versione del Dottore sembra stranamente in disparte dall’umanità, forse troppo concentrato sul quadro generale. La serie (in particolare la nuova serie) ha suggerito che i compagni umani servono a ricordare l’umanità del Dottore, e di tenerlo concentrato in modo che non diventi alieno. Qui, vediamo già la prova che Rose fa qualcosa di simile.

rose

C’è anche un senso di disperazione molto umana nel Dottore di Eccleston, ed è fantastico che la serie sia  iniziata con un attore principale con questo tipo di capacità drammatica. Gli manca forse il carisma di Tennant, ma è questo il punto. Eccleston sembra interpretare il Dottore come un uomo che fa della sua perdita un fallimento. Anche prima che i dettagli su “l’ultima grande guerra del tempo” fossero  pienamente rivelati in The End of Time , è chiaro che il Dottore ha fatto un sacco di cose che non è del tutto in grado di elaborare.

Si pone ogni sorta di idee interessanti. Ad esempio, tutto ciò che è accaduto è davvero colpa del nono dottore? Dato che non sa neanche che aspetto abbia, ciò implicherebbe che l’ottavo Dottore è stato colui che ha deciso la fine del conflitto, e quindi può il Nono Dottore essere ritenuto responsabile per questo? Dopo tutto, tutti i Dottori sono la stessa persona, eppure stranamente diversi. Eccleston interpreta il nono Dottore come un uomo nato con il sangue sulle sue mani, ed è un potente ritratto.

rose

Nessun Dottore è mai sembrato altrettanto distrutto come il Dottore di Eccleston implorando la possibilità di porre fine alla crisi, senza omicidio di massa. C’è un senso se questo è un uomo che ha veramente bisogno di quel “ognuno vive!” che ottiene finalmente in The Doctor Dances . Anche se lui ha un’arma per distruggere il Nestene, implora, “Questo pianeta è solo agli inizi. Queste piccole persone stupide hanno appena imparato a camminare, ma sono capaci di molto di più. Ti sto chiedendo per loro conto. Ti prego, andatevene e basta.”

Tuttavia, per quanto affascinante sia questo Dottore, l’episodio appartiene davvero a Rose. E’ il suo nome che dà il titolo all’episodio, ed è attraverso i suoi occhi che per la prima volta incontriamo il Dottore, molto simile a Ian e Barbara cinquant’anni fa.

rose

Mentre la serie classica aveva la sua parte di compagni contemporanee (in particolare quelli del periodo del terzo Dottore), non avevamo mai veramente ricevuto troppe informazioni delle loro vite personali o le loro circostanze. Sembrava che il Dottore dovesse semplicemente raccoglierli e lasciarli indietro senza che nessuno realmente si accorgesse del loro addio. Con Rose, per la prima volta, abbiamo un personaggio con delle radici, un’origine – che lei non è solo una persona senza legami, che può salire in una navicella spaziale con uno strano uomo senza che nessuno se ne accorga.

L’idea era (ed è tuttora) affascinante, è stata una grande idea, al momento, e penso che ha aiutato molto nel primo anno dello show. E’ dimostrato che il mondo (e la televisione stessa) erano cambiati in assenza del Dottore, e che Davies non aveva paura di riconoscerlo.

rose

Più di questo, però, Davies permette di esplorare davvero ciò che il Dottore si intende come concetto. Moffat sottolinea il Dottore più come un amico immaginario, ma Davies dipinge ancora il personaggio come qualcosa oltre una fantasia romantica. E’ un personaggio che cade dal cielo e spazza via la vita banale e vi trascina in qualche grande avventura. Si amplia la percezione dell’universo, vi mostra l’impossibile, ti porta lontano dalla vita banale e noiosa.

Rose non è il migliore episodio della stagione, ma rappresenta un inizio solido. Le cose sono ancora un po’ comuni in alcuni punti, ma è perchè la serie sta ancora cercando di capire come o quanto poco campo è l’ideale, e ci sono alcuni problemi di tracciato che derivano dal tentativo di introdurre il cast e farlo combaciare ad un’ invasione aliena in soli quarantacinque minuti. Eppure, come un punto di partenza, dimostra le potenzialità dello spettacolo, e imposta un sacco di grandi cose che ci attendono.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Ehm Queer as Folk è un telefilm di grande successo. E il successo fu tale sia per i protagonisti (in particolare Aiden Gillen e Charlie Hunnam) sia per la serie da fare un remake.
    Ah uno dei personaggi adorava Doctor Who 😉

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close

Adblock Rivelato

Per favore, aiuta la nostra crescita disabilitando l'adblocker