Doctor Who: Night of the Doctor – La RetroRecensione

Paul McGann.

Considerato per molti anni una “sorta di” Dottore; la versione del personaggio che è stata altamente contestata dai fan e dallo spettatore casuale allo stesso modo. Con una sola storia televisiva al suo attivo, prodotto e girato in America, McGann è sempre stata una parte controversa del Whoverse. Prima che il suo volto apparisse in Human Nature , c’era anche un dibattito sulla canonicità del film nel grande pantheon di Doctor Who .

night of the doctor

Ironia della sorte, il Dottore di McGann ha continuato ad avere una delle vite più prolifiche di qualsiasi Dottore. E’ apparso nelle avventure audio di Big Finish, webcast e anche una serie di giochi audio in onda su BBC radio. McGann ha avuto un’ evoluzione impressionante dalla nascita come Dottore, anche senza contare i romanzi e fumetti tie-in. Lo stato di limbo in cui il personaggio sembrava aleggiare sembrava monumentalmente ingiusto, uno scherzo del destino che è stato il risultato di poteri superiori a quelli di McGann stesso.

Così Night of the Doctor è una piacevole sorpresa, conferendo la legittimità definitiva sulla interpretazione di Paul McGann del personaggio, confermando in modo efficace l’ottavo Dottore come la versione che ha tenuto l’ultima fiamma accesa per la serie classica, e la cui rigenerazione segna un punto di svolta per la serie .

night of the doctor

Per essere onesti, l’era Davies era abbastanza equa nei confronti di McGann. In cima alla sua apparizione nel “Giornale delle cose impossibili “ , è apparso in un flashback in The Next Doctor , cementando il personaggio come una parte vitale di continuità dello show. Allo stesso tempo, il posto del personaggio all’interno del mito della serie nuova era sempre strano. L’ottavo Dottore era un romantico e un pacifista, un personaggio disposto a prendere in ostaggio se stesso, al fine di uscire da una situazione difficile.

Questo è stato molto difficile da conciliare con il ruolo del personaggio negli eventi che si svolsero direttamente prima di Rose . L’implicazione dell’ epoca Davies era sempre stata che l’ottavo Dottore era stata la versione del personaggio che ha chiuso la Guerra del Tempo,  sostenuta dal fatto che Davies non aveva autorizzato di mostrare nei fumetti la rigenerazione da McGann a Eccleston  in The Flood .

night of the doctor

Night of the Doctor si muove con stupefacente efficienza. In meno di sette minuti, Moffat è in grado non solo di reintrodurre una vecchia versione del personaggio ma anche di cambiarla brutalmente. L’uso della Sorellanza Karn dall’episodio “The Brain of Morbius” è forse un po’ troppo citazionistica, ma possiamo perdonarlo per via del Cinquantesimo Anniversario.

night of the doctor

La decisione di Moffat di creare il “War Doctor” è un’idea interessante, a giocare con i concetti di base della serie, ma permette al Dottore di McGann un po’ più di carattere e definizione. Night of The Doctor si svolge in appena 7 minuti, ma stabilisce in modo molto efficiente (o ristabilisce) il personaggio di McGann. E’ presentato come un pacifista vero e proprio, che si rifiuta di prendere un’arma e che muore perché si rifiuta di abbandonare una donna che non accetterà il suo aiuto.

“Io aiuto dove posso,” insiste l’Ottavo Dottore. “Non voglio combattere.” Le precedenti e future incarnazioni del Dottore sono stati abbastanza disposti a commettere un genocidio per proteggere un pianeta, con momenti di pacifismo reale relativamente rari per il personaggio. Come il rifiuto del Nono Dottore a commettere genocidio in The Parting of the Ways , Moffat è disposto a lasciare il pubblico a raggiungere le proprie conclusioni sull’ autorità morale del dottore. La sua inerzia gli sta costando la vita, ma è una posizione filosofica onesta.

night of the doctor

L’ottavo Dottore visto qui ha una caratterizzazione meravigliosa, fino alla decisione di morire per salvare una sola vita. Il fatto che non ci riesce aggrava il dramma di tutto.

Tuttavia, l’ottavo dottore qui è anche messo a terra nel ruolo del personaggio nella storia del franchise. L’ottavo Dottore era, dopo tutto, l’ultima grande speranza di Doctor Who . Negli anni novanta, era questa la versione del personaggio che avrebbe resuscitato lo spettacolo per farlo ritornare alla sua vecchia gloria. Non ha funzionato. Le cose sono crollate. Se la Guerra del Tempo è una metafora per il trauma della cancellazione dello show, l’Ottavo Dottore è una figura tragica bloccata in eventi che solo molto più grandi di lui.

Il fatalismo del Dottore e la sua visione morbosa sembrano riflettere lo stato dello spettacolo dopo il film per la televisione . Lui stesso considera le sue opzioni e cerca di reinventarsi. Anche se il pensiero è ridicolo oggi, era una conclusione abbastanza logica da raggiungere dieci anni fa, in quegli anni di deserto per il franchise.

night of the doctor

Dopo tutto, Night of the Doctor avviene in un punto nel tempo in cui anche l’iconica TARDIS è diventato così contaminato che nessuno vorrebbe averci nulla a che fare. Ha perso il suo pubblico, a livello metaforico . E’ inutile e obsoleto, in un universo che sembra essere dissolversi fuori dall’esistenza. L’ottavo Dottore era l’ultima occasione per rilanciare un franchise che stava morendo dalla metà degli anni ottanta, e Night of the Doctor è il punto di svolta.

Night of the Doctor è consapevole auto-referenziale, dalle linee di apertura di McGann per l’avvertimento che ha “un po ‘meno di quattro minuti” a circa quattro minuti prima della fine della clip. La Guerra del Tempo è un modo di esternalizzare il trauma della cancellazione dello show; spiega perché Gallifrey è scomparsa, perché i Daleks si reinventano, tutto perchè le regole narrative sono cambiate. Ha senso esaminare l’ottavo Dottore intrappolato all’interno di tale agitazione.

E’ opportuno sottolineare che il fallimento del film per la TV non è stata colpa di McGann. McGann stesso è abbastanza meraviglioso, come riesce a dimostrare in questo episodio (e anche nel film). Ha appena avuto la sfortuna di aver avuto una storia poco degna per il mercato americano, ma che non abbiamo in questo mini episodi. Night of the Doctor è molto comprensivo sull’interpretazione di McGann del Dottore, e cerca di conferire la legittimità sulle avventure del personaggio. Con un cenno al Dottore di Davison, il personaggio termina la sua esistenza riflettendo su tutti i suoi compagni.

Ed e’ un raro momento in cui l’universo espanso è riconosciuto in maniera palese e fiducioso. Dato che l’ottavo Dottore esiste tanto nell’universo espanso, è molto difficile riconoscerlo senza fare riferimento a quel materiale. Eppure, è una bella dimostrazione di vista espansionistica di Moffat di Doctor Who . The Victory of the Dalek ha portato i Daleks dal film del 1960 in continuità. The Power of Three ci ha presentato Kate Stewart dai film direct-to-video, usciti mentre la serie era stata cancellata. Anche Richard E. Grant ha avuto modo di prendere parte alle celebrazioni del cinquantesimo anniversario dello show.

E l’ottavo Dottore arriva e esce in un tripudio di gloria. Night of the Doctor lo legittima non solo nel contesto della nuova serie, ma offre anche la sua chiusura. Muore in agonia, odiando se stesso; ma nessuno che guarda l’episodio sa che il suo sacrificio non è vano. Moffat permette al personaggio l’equilibrio e la dignità, rendendo una scelta impossibile, ma assicurando al pubblico che doveva essere quella giusta.

Dopo tutto, stiamo continuando a guardare Doctor Who .

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker