Doctor Who: The Doctor Falls – Recensione

Come scritto nella scorsa recensione, World Enough and Time si vedeva e sentiva come un continuo richiamo alla serie Classica.

Al contrario, The Doctor Falls è in realtà l’ incapsulamento dei temi e delle idee di Moffat durante il suo mandato nella serie. Anche il titolo The Doctor Falls evoca l’epoca Moffat; The Doctor Dances fù il primo episodio ad includere le parole “The Doctor” nel titolo evocando la prima volta che venne usato in Holiday for the Doctor, la prima parte del serial  The Gunfighters con protagonista il Primo Dottore . Il fascino di Moffat per il Dottore nasce con il suo ripetuto riferimento nei titoli della serie classica; Vincent and the Doctor, The Doctor’s Wife, The Doctor, The Widow and the Wardrobe non sono altro che riferimenti a quei titoli classici.

the doctor falls

Più precisamente, The Doctor Falls ci riporta alla mente l’idea di di Moffat della cosiddetta “trilogia del Dottore” come cuore del suo incarico come produttore esecutivo, portandoci alla mente la narrazione centrale di The Name of the Doctor, The Night of the Doctor, The Day of the Doctor fino all’epilogo in  The Time of the Doctor . Ha senso che l’episodio si concluda con un titolo simile terminando la Decima Stagione.

Tuttavia, ci sono molte influenze che ci aiutano a trovare questa chiave di lettura. Il poster per The Doctor Falls è consapevolmente progettato per rispecchiare il poster di The Day of the Doctor . La storia dell’ episodio è stata progettata per rispecchiare The Day of the Doctor , anche se dal punto di vista del Maestro. Ancora una volta, una futura incarnazione del personaggio troverà se stesso faccia a faccia con il suo sé stesso del passato, e sono costretti a valutare la loro moralità. Il Decimo e Undicesimo si dovettero confrontare con gli orrori del War Doctor , mentre Missy si confronta con il Master in The Doctor Falls .

the doctor falls

Tutto questo dà un bel senso di simmetria coi lavori precedenti di Moffat. Uno dei grandi temi ricorrenti di Moffat è stata la questione di sapere se il Dottore è una persona fondamentalmente buona, la stessa sfida che è stata vista in Sherlock , la questione se sia possibile per un grande uomo essere anche un uomo buono. World Enough and Time sfruttò questa idea nel disaccordo tra Missy e il Dottore se “intelligente” e  “male” fossero la stessa cosa.

Nel corso degli anni di Matt Smith, la questione di bontà è stata incorniciata in risposta alle ambiguità dell’ epoca di Russell T. Davies. L’Undicesimo Dottore ha in gran parte gettato via il mantello della “Tempesta che cammina” , arrivando a capire l’orrore di utilizzare il proprio nome come minacciante eco attraverso il cosmo. Come ha sostenuto River Song in A Good Man Goes to War , ha poco senso per un personaggio che si faceva chiamare “il Dottore” prendere ad esempio l’orgoglio di essere un guerriero. L’Undicesimo Dottore più volte ha affrontato il fatto che la sua disattenzione ha avuto delle conseguenze, e che lui non era un guerriero.

the doctor falls

Dopo tutto, tutto arrivò al suo culmine con The Day of the Doctor, un episodio esplicitamente progettato per assolvere il Dottore dalla responsabilità per il genocidio che pendeva sulla sua testa da Rose . Moffat ha sostenuto che il dottore non potrebbe mai essere stato responsabile della morte di tanti bambini, che era più eroico di quello. The Day of the Doctor ha permesso al Dottore di riconnettersi con il suo io passato ed efficacemente riscrivere quella decisione.

Come tale, l’arco del Dodicesimo Dottore è stato decisamente più in piccola scala. “Sono un uomo buono?” Chiese più volte durante la sua prima stagione, in particolare in Deep Breath . In effetti, The Girl Who Died  si è spinto fino a suggerire che il dodicesimo dottore portava il volto di Cassio da The Fires of Pompeii , al fine di ricordare a se stesso che può fare del bene in piccola scala. A volte, il bene su piccola scala è abbastanza. Quando Missy e il Maestro sottolineano che il Dottore non poteva combattere i Cybermen per sempre, lui risponde che può farlo in questo momento, e che è abbastanza.

the doctor falls

Così, naturalmente, ha senso che The Doctor Falls dovesse portare una variazione su tale questione. In The Sound of Drums , il Maestro si beffa del Dottore descrivendolo come “l’uomo che rende la gente migliore” , ma è una descrizione accurata. L’era Davies ha suggerito che il Dottore cambia i suoi compagni, come le storie di Jack e Rose in The Parting of the Ways o Martha in The Sontaran Stratagem o addirittura Donna in Partners in Crime .

Anche The Doctor Falls, fa un cenno sulla capacità del Dottore di cambiare gli altri.

the doctor falls

Moffat ha probabilmente elevato la capacità del Dottore di ispirare bene negli altri, anche al di là di quella dell’era Davies. River Song è passata da assassina a eroe, come dimostrato in Let’s Kill Hitler . Il Dottore è stato responsabile per la creazione di un “buon” Dalek in Into the Dalek . Il Dottore stesso ispira se stesso in Extremis , un episodio sul potere inspiratorio di Doctor Who . In A Good Man Goes to War , River Song si spinge fino al punto di suggerire che il Dottore è il motivo per cui la parola “Dottore” è associato con la guarigione e aiutare. “Riceviamo questa parola da te.”

Questo ci porta alla questione su cui ruota il finale di stagione, ossia che il Dodicesimo Dottore possa far riscattare il suo più grande nemico. Missy ha trascorso la stagione rinchiusa nel volt, sotto l’occhio semi-vigile del dottore. Col senno di poi, ci si sente come una stagione ad arco maldestramente tracciato, toccando (e sperperando) la più grande idea di Scream of the Shalka , una squadra TARDIS con un Master semi-sano. Così com’è, la redenzione di Missy cosi accennata in Empress of Mars e nella scena di chiusura The Eaters of Light, ma solo in realtà sviluppato in World Enough and Time e The Doctor Falls.

the doctor falls

Eppure, è una questione potente. In un certo senso, la trama di The Doctor Falls inverte il nucleo dinamico di The Day of the Doctor . In quell’episodio, una precedente incarnazione del Dottore è stato redento mediante l’intervento di due dei suoi futuri sé. In questo episodio, Missy si ritrova condannata dal suo stesso passato. Missy in ultima analisi, si riscatta, ma il suo arco diventa una tragedia. Lei è condannata dal suo stesso passato, anche se in un certo senso più letterale della maggior parte dei personaggi tragici.

Si tratta di un interessante, e un po’ amaro, versione dark de The Day of the Doctor . In un certo senso, l’episodio è una storia ottimista su come il potenziale illimitato del futuro potrebbe ispirare il meglio dalle persone. Al contrario, The Doctor Falls è essenzialmente una storia su come il passato serve per intrappolare alcune persone. Non importa quanto potenziale ha una persona, non importa quanto sia diversa la loro visione del futuro, a volte il passato è come ineluttabile come la gravità.

the doctor falls

Moffat inoltre sfrutta il viaggio nel tempo come punto di collisione tra due realtà, come il Dottore o il Maestro e Missy. Anche se avventure classiche come The Ark e City of Death sfruttino il viaggio nel tempo come un elemento della trama, Moffat ha avuto la tendenza a scrivere il viaggio nel tempo come fulcro diretto nelle sue narrazioni. Tuttavia, ha anche avuto la tendenza a usare la meccanica dello show come metafora. In The Time of The Doctor, la rigenerazione è diventato una metafora per come le persone cambiano e si evolvono nel corso della loro vita, diventando persone diverse in fasi diverse.

La storia per quanto divisa in due parti si evolve in maniera veloce (anche troppo veloce e semplicistica). Come The Pandorica Opens e The Big Bang , per non parlare di Dark Water e Death in Heaven o Heaven Sent e Hell Bent , L’evoluzione e’ sempre all’inizio del secondo episodio. L’inizio di questo episodio si sviluppa talmente velocemente che ci riporta immediatamente all’invasione dei Cybermen, lasciando la possibilità a due grandi attori quali Simm e Capaldi di avere un dialogo degno di due personaggi iconici.

the doctor falls

The Doctor Falls deve anche molto a The Time of the Doctor. In particolare, l’episodio ritorna all’idea del Dottore che si lascia intrappolare in un unico luogo, al fine di proteggere gli innocenti. Questo è qualcosa che interessa Moffat, al punto che è stato senza dubbio incorporato nella sottotrama del Vault che attraversava la prima metà della stagione. Moffat è legato all’idea del Dottore come l’eroe archetipico, il viandante che decide di rimanere per proteggere qualcosa di utile.

Quando Missy e il Maestro sottolineano l’inutilità della decisione del Dottore di proteggere la comunità, il Dottore respinge la loro razionalità. “Chi sono io è dove mi trovo,” sostiene. “Dove mi trovo è dove io cado.” Questa è una decisione che è significativa proprio perché sembra essere priva di significato. Si tratta di un ritorno alla questione della bontà nata in Extremis, e forse anche al rifiuto delle varie qualifiche dell’ amore in The Pyramid at the End of the World . La bontà non è tattica. La decenza non è strategica.

the doctor falls

E questo rende la lettura più ottimistica del personaggio di Missy. Missy alla fine sceglie di fare la cosa giusta, ma non ha l’opportunità di dimostrarlo. Il Dottore non saprà mai che ha deciso di tornare. Tuttavia, questo si sente come una conclusione logica per il suo arco come è iniziato in Extremis . Missy ha promesso di fare del bene senza ricompensa o senza gloria. Il Dottore non saprà mai di aver preso la decisione di assisterlo, ma non invalida la sua scelta. Missy ha scelto di fare la cosa giusta. Questo è forse tutto ciò che conta.

Dopo tutto, come il Maestro e Missy sottolineano, che è probabilmente solo una questione di tempo prima che i Cybermen faranno un altro assalto al mondo agricolo, senza il Dottore a fermarli. Il Dottore non ha modo di sapere se Nardole può davvero mantenere quei bambini al sicuro per sempre. Il sacrificio del Dottore in The Doctor Falls potrebbe facilmente essere vano.Tuttavia, ciò non rende il gesto inutile.

the doctor falls

Come sostiene il dottore, fa la cosa giusta, perché è la cosa giusta. La sua filosofia è pari a poco più di “essere gentile” , che si sente come un distillato della classica descrizione di Terrence Dick del Dottore come “non crudele né vile” che è stata tessuta in modo esplicito in The Day of the Doctor . Il Dodicesimo dottore non si arrende per salvare l’universo, come il Decimo Dottore ha probabilmente fatto in The End of Time, parte II . Il Dodicesimo Dottore però non ha nemmeno dato la propria vita per salvare la Terra, un pianeta a cui lui ha un forte attaccamento emotivo.

Il Dodicesimo muore per proteggere un gruppo di bambini, e si sente come un richiamo che Moffat fa ritornando alla sua concezione del Dottore che era così difficile da conciliare con la distruzione di Gallifrey.

the doctor falls

Come tale, The Doctor Falls reinventa il conflitto tra il Dottore e Cybermen come qualcosa di molto più che un archetipico che si limita ad essere esclusivamente citazionistico a The Tenth Planet . Questo è molti più che una classica storia di Doctor Who. Il Dottore è un eroe che promette di proteggere i bambini dai mostri in agguato nel buio. E’ una storia molto semplice, e molto semplice narrativa sulla rigenerazione. Tuttavia, è anche molto potente in sè.

Anche le immagini dell’episodio sembrano un chiaro richiamo a The Day of the Doctor e The Time of the Doctor. I Cybermen attaccare la fattoria come l’assedio di Trenzalore, l’invasione nemica degli stranieri in una molto innocente (e idealizzata) comunità rurale. L’ immaginario rurale è molto importante per Moffat, per lui il Dottore letteralmente cresce in un fienile in Listen e ritorna in quel fienile in The Day of the Doctor . Sembra giusto che la posizione finale del Dodicesimo Dottore sia vicino a un fienile in The Doctor Falls .

the doctor falls

Per quanto The Doctor Falls è una celebrazione dei temi e interessi dell’epoca Moffat nel suo complesso, si adatta anche come un grande ritorno all’estetica dell’epoca Davies. Risalendo fino a The Pilot , la stagione ha visto Moffat consapevolmente canalizzare alcune delle suggestioni ricorrenti di Davies, con particolare attenzione alla classe sociale e la diversità che era stato forse mancante nelle altre stagioni coordinate da Moffat. Anche la struttura della stagione sembrava rifarsi ai quattro anni coordinati da Davies, dà fastidio solo che Moffat lo abbia fatto adesso. Ovviamente, John Simm torna nel ruolo del Maestro, ancora una volta ritorna come un dittatore brutale su una popolazione umana e poi cerca di sfruttarli come un esercito di mostruosità cibernetiche. Tuttavia, v’è anche il suggerimento che il Dodicesimo Dottore non voglia rigenerarsi. “Io non voglio andare,” il Dottore afferma, citando la sua Decima Incarnazione. “Io resto”. Insiste, “Io non cambierò.”

Questo rispecchia, ovviamente, la rigenerazione del Decimo Dottore in The End of Time, parte II , in cui il personaggio ha dato in modo efficace espressione alle ansie e la trepidazione di entrambi, ossia l’attore David Tennant e lo showrunner Russell T. Davies. Tuttavia, quelli erano le ultime cinque parole pronunciate dal Decimo Dottore, che li rende un po’ controverso e potenzialmente sottoquotato per il nuovo team creativo. Moffat posiziona invece questa ansia alla fine del penultimo episodio, che gli permette di costruire un intero speciale di Natale intorno ad esso.

Infatti, The Doctor Falls prende in giro piuttosto pesantemente lo speciale di Natale in un modo che non è stato fatto dopo la fine dell’era Davies. Davies tipicamente terminava le sue stagioni con un cliffhanger che conducevano allo special di Natale, il debutto di David Tennant  che appare nell’ episodio The Parting of the Ways e poi debutta in The Christmas Invasion o Donna materializzandosi nel TARDIS alla fine di Doomsday per poi riapparire in The Runaway Bride o il Dottore che si schianta contro il Titanic al termine di The Last of the Timelord dando inizio a Voyage of the Damned.

the doctor falls

L’apparizione a sorpresa di David Bradley come il primo Dottore è qualcosa che è stato effettivamente annunciato in tutta la stagione, con un sacco di riferimenti sornioni al primo Dottore; l’immagine di Susan in The Pilot , i riferimenti al  Dottore come il nonno di Bill a Knock Knock , i Mondasian Cybermen ne World Enough and Time , e persino le parole del Maestro al Dottore riferendosi a lui come “il nonno” in The Doctor Falls . Tuttavia, la decisione di farlo apparire alla fine della stagione è qualcosa che si sente in sintonia con l’epoca di Davies.

Detto questo, The Doctor Falls si sente come una conclusione logica alla stagione finale di Steven Moffat come showrunner, tornando ad alcuni temi chiave e consentendo all’autore l’opportunità di ribadire la sua particolare interpretazione del personaggio e dello spettacolo.

Ci sono modi sicuramente peggiori di andarsene.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker