Doctor Who: The Lie of the Land Recensione Ottavo episodio

The Lie of the Land è il classico episodio di conclusione per gli eventi svolti in Extremis e The Pyramid at the End of the World . Però mentre Extremis e  The Pyramid at the End of the World potrebbero avere una struttura di trama abbastanza sperimentale, The Lie of the Land è sicuramente un classico episodio che serve solamente a concludere per lasciar spazio all’episodio di Mark Gatiss intitolato Empress of Mars. Tuttavia, anche al di fuori della struttura in tre parti e la natura sperimentale degli episodi precedenti, The Lie of the Land si sente come un episodio curiosamente antiquato.

The Lie of the Land

Alla fine si tratta di una classica invasione aliena ai giorni nostri, un modello che e’ saldamente radicato nella storia di Doctor Who, che però sembra fuori contesto dell’epoca. Dopo tutto, l’ultima volta che il Dottore ha avuto un’invasione aliena come trama principale risale all’episodio “The Power of three”. The Lie of the Land è il tipo di storia che era molto più comune durante l’era Davies. E ha molto da dividere con storie come ‘molto di un pezzo con storie come Aliens of London, World War III, Rise of the Cybermen, The Age of Steel, Doomsday, The Sontaran Stratagem, The Poison Sky, The Stolen Earth e Journey’s End  anche se con le dovute precisazioni, l’episodio deve anche molto all’episodio “The Last of the Time Lord”.

The Lie of the Land

Significativamente, l’episodio aggiunge ben poco alla mitologia o alla definizione dei Monaci oltre a quanto già detto in Extremis e  The Pyramid at the End of the World . Dopo che questi due episodi hanno lavorato sodo per rendere i Monaci unici, The Lie of the Land li trasforma in cattivi orwelliani generici che manipolano la storia in un modo piuttosto semplicistico.

The Lie of the Land

Questa stagione finale di Steven Moffat sembra essere infestata dai fantasmi di Russell T. Davies, fino al fatto che tutta questa serie si concluderà con un’apparizione a sorpresa di John Simm che riprende il suo ruolo di Maestro. Più di questo, c’è un chiaro senso che Moffat ha preso diverse spunti creativi dal suo predecessore nella mappatura di questa stagione e dei personaggi coinvolti. In particolare, con The Pilot ha introdotto Bill in maniera molto in sintonia con il tono dell’epoca Davies, con una preoccupazione per la sua classe sociale e la sua sessualità.

The Lie of the Land

Partendo da questo possiamo dividere tutto secondo le regole di Davies: con The Pilot,  Smile e  Thin Ice segna la prima volta che Moffat impiega il classico concetto dell’era Davies “presente, futuro, passato”. Mostrarci la vita di un compagno (ei suoi amici al di fuori del TARDIS) in Knock Knock ha ricordato il modo in cui Davies ci mostrava la vita al di fuori del Dottore. E’ molto chiaro che Bill ha più in comune con Rose o Donna che con Amy e Clara. The Lie of the Land rafforza queste somiglianze. L’episodio richiama fortemente dalla lunga storia della serie de “ gli alieni invadono la Gran Bretagna”, un modello fermamente stabilito durante l’era Barry Letts mentre il terzo Dottore è arenata sulla Terra contemporanea. Infatti, quando Nardole si riferisce alle vecchie navi prigione come “Hulks”, sembra quasi come un cenno al veterano scrittore Malcolm Hulke, che ha lavorato su storie di invasione come … and the Silurians, The Sea Devils e Invasion of the Dinosaurs. Quando Russell T. Davies riesumo Doctor Who per il pubblico contemporaneo, ha fatto in modo di sfruttare i punti migliori di quei racconti iconici. Rose è stato un omaggio esteso a Spearhead from Space , ad esempio. Durante l’era Davies, sembrava che il Dottore dovesse trascorrere ogni due minuti a impedire che una qualche razza aliena invadesse la Terra.

The Lie of the Land

Però come detto prima, The Lie of the Land potrebbe quasi essere visto come un remake di “The Last of the Timelord”; entrambi si sviluppano durante un’invasione aliena, in cui una forza ostile ha sottomesso la razza umana attraverso una tecnologia avanzata. Entrambe le storie si aprono con i companion che creano un piano per salvare il Dottore, ed entrambe le storie hanno il Maestro. Ci sono delle differenze, naturalmente. Il Maestro ha invaso la volontà del genere umano utilizzando la rete Arkangel, mentre i monaci nascondono i trasmettitori nelle statue; anche se entrambi i sistemi falliscono quando il Dottore “arma” questi trasmettitori per trasmettere la forza dell’amore. Il Maestro è stato il principale antagonista di The Last of the Time Lord , mentre Missy ha un piccolo ruolo in The Lie of the Land.

Per essere onesti, ci sono sfumature dei mostri dell’epoca unicamente Moffat che possiamo notare all’interno della raffigurazione e rappresentazione dei Monaci. La nozione di minaccia aliena che manipola la memoria e la storia si ripete per tutto il mandato di Moffat. E risuona ovviamente con la Crepa della sua prima stagione, ma l’immaginario dei Monaci che si intrufolano nella storia del genere umano suona come un rovesciamento astuto del Silenzio da The Impossible Astronaut e The Day of the Moon. Mentre il Silenzio resta al di fuori della storia, i monaci ci si infilano alla perfezione.

C’è un sacco di goffaggine sul finale di The Lie of the Land , sia in termini di tema e di svolgimento. In termini di svolgimento, si scontra con lo stesso problema che tormenta un sacco di storie sull’invasione di Doctor Who, l’idea che in qualche modo lo status quo deve riaffermarsi dopo questa crisi terribile. The Last of Timelord ha premuto semplicemente il pulsante “reset” della “macchina paradosso” per spazzare via tutto. The Lie of the Land cancella a malapena i ricordi. Ma per quanto riguarda i campi di lavoro? Che dire di quelli che sono stati uccisi e torturati? Non si può cancellare.

The Lie of the Land

Alla fine l’episodio si muove abbastanza velocemente. Toby Whithouse è sempre stato un ottimo scrittore soprattutto quando scriveva in sintonia dell’epoca Davies; il suo miglior lavoro nello show rimane  School Reunion , mentre  A Town Called Mercy spiccava contro l’epoca Moffat per la sua gestione retrograda del Dottore come criminale di guerra e forza della natura. È significativo che The Lie of the Land è l’unico episodio dei tre su cui Moffat non dispone di un credito. Come Gatiss, Whithouse può essere lasciato a se stesso e  ci si può fidare che sfornerà uno script abbastanza buono.

Whithouse detiene anche un primato nell’era Moffat, al di fuori dello stesso Moffat, per aver scritto un episodio con un ruolo importante per Missy. Missy ovviamente in precedenza ha fatto una sere di camei accreditati a scrittori diversi da Moffat, ma Whithouse è il primo scrittore a sceneggiare un ruolo davvero succoso per Michelle Gomez. La dinamica costituita in Extremis ed esplorato in The Lie of the Land è interessante, in particolare nel contesto dei temi più grandi di Steven Moffat all’interno di Doctor Who.

Tuttavia, è anche un’estensione di idee che erano stati seminati nelle storie precedenti. Più in particolare, il rilancio abortito di Paul Cornell in The Scream of Shalka che si focalizzava su una versione del dottore che stava viaggiando nel cosmo insieme a una versione del Maestro che era stato intrappolato all’interno del TARDIS. Alla fine di The Last of the Timelord, il Dottore ci suggerisce che sarebbe disposto a rinunciare al viaggiare, al fine di rimanere con il Maestro. Ed è proprio questa la dinamica in gioco qui. The Lie of the Land è tanto un sequel di The Last of the Timelord quando allo stesso tempo è anche una sorta di rivisitazione.

The Lie of the Land è una conclusione deludente e convenzionale per quello che era stato un ambizioso episodio in tre parti. Tuttavia, v’è un chiaro senso che il team di produzione sono consapevoli di quanto sia convenzionale l’episodio. The Lie of the Land potrebbe essere generosamente visto come un omaggio all’era Davies.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker