Doctor Who: The Pyramid at the End of the World Recensione del Settimo Episodio

The Pyramid at the End of the World è uno dei migliori script di Peter Harness.
Molto simile a Kill the Moon, The Zygon Invasion e The Zygon Inversion , la sostanza della puntata è di dover fare scelte impossibili per un ideale superiore. Harness ha sempre usato la grande tradizione di Doctor Who come un allegoria, sfruttando la fantascienza dello show per porre domande filosofiche sulla condizione umana ed è innegabile che si sia ispirato alla tradizione politica gia in uso in episodi della serie classica come The Happiness Patrol.

pyramid
Se The Zygon Invasion e The Zygon Inversion erano l’esplorazione essenzialmente metaforica di tematiche come la radicalizzazione e l’immigrazione, The Pyramid at the End of the World è essenzialmente una storia su quello che ci vuole per le persone a fare scelte veramente inconcepibili. A che punto una persona dà il consenso all’ essere governato da un mostro?.

Sulla scia dei quattro episodi introduttivi, questa stagione di Doctor Who mette molta carne al fuoco. The Pilot, Smile, Thin Ice e Knock Knock erano un introduzione a 360 gradi della nuova companion adesso si entra nella vera storia della stagione. Tuttavia, ci ricorda anche che Doctor Who riflette di per sé le tematiche del mondo reale.                                       Come si sviluppa Doctor Who nell’epoca Trump?                                                                   Che cosa significa Doctor Who nell’era del Brexit?

pyramid

The Pyramid at the End of the World è essenzialmente un pensiero sul compromesso politico. Si tratta di bloccare un gruppo di persone in una stanza e chiedere loro di rinunciare alla propria libertà e la propria autonomia in cambio di protezione e sicurezza. Si tratta di una metafora potente sull’atto del voto, una tematica che è molto in sintonia con un’altra storia dell’epoca Moffat ovvero The Beast Below.

pyramid
I monaci restano una creazione affascinante, in gran parte perché non sappiamo ancora molto sul loro scopo a parte dalla versione introdotta in Extremis. I mostri che hanno costruito la simulazione non erano particolarmente interessati a far fare una scelta alla razza umana, tanto da sembrare come un qualsiasi altro antagonista minaccioso della serie. Come tale, la rivelazione di come hanno intenzione di conquistare il mondo in questa puntata è veramente interessante. Dato che questa rivelazione è il nucleo della puntata, ha l’effetto di una “quasi” rielaborazione dei nemici come concetto.
Certo, rimane tematicamente coerente. I monaci sono manipolatori di informazioni. In Extremis, hanno usato queste informazioni per costruire un modello perfetto del mondo per simulare la loro invasione. In The Pyramid at the End of the World, hanno utilizzano tali informazioni per manipolare l’umanità.

pyramid
I monaci sono affascinanti. C’è sicuramente qualcosa di satanico o occulto che ruota intorno a loro. Loro si mostrano in una piramide antica e gigantesca, un simbolo che ha una forte base mitica e forti legami in movimenti come la Massoneria. Il loro aspetto è certamente demoniaco, con la loro pelle lacerata e le loro orecchie a punta. Le loro vesti rosse e l’uso della frase “monaci” aggiunge certamente un contesto religioso. In The Pyramid at the End of the World, le creature offrono anche all’umanità un patto con il diavolo proverbiale.
The Pyramid at the End of the World stabilisce che i monaci sono un mostro particolarmente insidioso. Non conquistano l’umanità con la forza. “Abbiamo bisogno del consenso,” spiegano ripetutamente. Manovrano l’umanità in una posizione in cui consapevolmente scelgono di abbandonarsi a questi mostri. Questo non è un’invasione, perché sarebbe semplice. Questa è la capitolazione e l’erosione. Questa è una manipolazione di un sistema esistente, ordinato e distorto in una forma riconoscibile. Questo è democraticamente una dittatura.

pyramid
Come Donald Trump, i monaci non hanno mai mentito su chi fossero. Non hanno mai affermato di essere buoni. Non hanno mai offerto i loro servizi gratuitamente. Non hanno mai cercato di ingannare l’umanità. Non hanno mai finto di essere altruisti o decenti. Le persone a contatto con i monaci, le persone che hanno acconsentito a cedersi ai monaci, sapevano esattamente cosa stavano facendo.
The Pyramid at the End of the World sembra essere un’allegoria fantascientifica su come una persona potrebbe giustificare  l’affare proverbiale con il diavolo.
La sceneggiatura di Harness è molto curata. L’episodio adotta una struttura simile a Extremis , una disconnessione letterale tra un azione e l’altra (apparentemente scollegate) parte di storia. In realtà, questa struttura a due tematiche si riflette anche nel dialogo tra Bill e Penny che salta ripetutamente avanti e indietro tra “precedentemente” e “ora”. Si tratta di una struttura convenzionale per l’apertura di un episodio nella parte centrale di un multi-episodio, ma continua abilmente la rilettura da Extremis e imposta la storia in The Pyramid at the End of the World.

pyramid In Extremis , la storia viene tagliata tra le indagini del Dottore nel Veritas e la testimonianza del Dottore all’esecuzione di Missy. In The Pyramid at the End of the World,la storia sono tra il confronto su larga scala al di fuori della piramide (tra gli Stati Uniti, i cinesi ei russi) e una crisi in un laboratorio. Si tratta di un elemento affascinante di continuità strutturale tra i due episodi. Extremis e The Pyramid at the End of the World sono molto diversi gli uni dagli altri, ma sono questi piccoli tocchi a tenerli in sincronia.
A suo modo, l’episodio sfrutta la stessa ansia centrale che attraversava Extremis . Il precedente episodio ha suggerito che la realtà era spezzata, che il mondo era una bugia. The Pyramid at the End of the World gioca una variazione su quel tema. Suggerisce che il mondo è frammentato, che tante cose diverse stanno accadendo in una sola volta, filtrata attraverso tante prospettive diverse. A un certo punto, il Dottore fatica a identificare la minaccia perché ha troppe telecamere.

pyramid The Pyramid at the End of the World suggerisce un numero infinito di scenari apocalittici. Qualsiasi numero di eventi che potrebbero portare il mondo a una rapida conclusione. Anche all’interno dei parametri di ricerca apparentemente strette di letali batteri geneticamente modificati, ci sono ancora migliaia di candidati. The Pyramid at the End of the World cattura il ritmo frenetico del mondo moderno, il costante terrore quasiapocalittico della copertura di notizie, il senso di morte imminente che incombe sulla cultura contemporanea.

The Pyramid at the End of the World è un commento politico molto intelligente e molto appuntito. E’ in qualche modo costruito per essere un seguito di Extremis . Questo episodio si chiede cosa siamo disposti a fare in un momento di crisi e se siamo disposti a scendere a patto col diavolo.

Close