Doctor Who, Extremis: Recensione del Sesto episodio

La morte permea Extremis, in modo sia letterale e metaforico.

Si tratta di un episodio in cui il Dottore si impegna in modo efficace al suicidio, insieme a molti altri del pianeta (i migliori e più brillanti), accettando la propria inutilità nel contesto del mondo che lo circonda.

Questo terreno primario è giustapposto con una sequenza di frame in cui il Dottore testimonia l’esecuzione di Missy, una sequenza che va in grande dettaglio su quanto sia difficile il ruolo di  boia su un Signore del Tempo.

extremis

Extremis è un episodio molto triste, in un modo che ricorda Heaven Sent.

Entrambi sono episodi costruiti intorno alla grande svolta che il pubblico sta guardando una versione del Dottore, piuttosto che la versione definitiva del Dottore.

E’ possibile contestualizzare questo nel quadro più ampio dell’epoca Moffat, popolato da molte controparti del Dottore; il Dottore di The Rebel Flesh e The Almost People , il Teselecta da  The Wedding of River Song, ecc ecc.

Tuttavia, le versioni del Dottore in Heaven Sent e Extremis esistono per porre la propria particolare domanda. Entrambi sono costruiti intorno alla tematica di ciò che il Dottore fa quando si trova di fronte a un problema che non può risolvere, una trappola da cui non può sfuggire.

In Heaven Sent , nessuna singola versione del Dottore può sfuggire alla prigione.
In Extremis , questa versione del Dottore sta aiutando attivamente il nemico. Nessuno dei due è il “definitivo” dottore.

Cosa fa il Dottore fare quando si confronta con l’idea che lui non è “reale” ? Combatte in ogni caso.

extremis

La grande svolta di Extremis è che il pubblico sta guardando un Falso Dottore in un mondo falso. Il dottore lo descrive come un “mondo d’ombra” , o di “un’idea di Terra” che è effettivamente un “grande gioco di un grande computer”.

In effetti, questo sviluppo si lega perfettamente con un ritorno intelligente dei classici Cybermen visti in The Tenth Planet.  Nella storia classica degli anni Sessanta si dice che Mondas era una Terra alternativa, un pianeta nascosto all’interno del sistema solare come controparte grottesca e deformata della vera Terra.

Questo concetto è stato poi aggiornato con la reintroduzione dei Cybermen in Rise of the Cybermen e The Age of Steel , portando lo sviluppo dei Cybermen come una versione da un universo alternativo della Terra.

extremis

Questa idea di un “falso” o “alternativa” Terra potrebbe essere giusto come concetto. L’idea di una Terra alternativa fisicamente esistente all’interno di questo sistema solare è un po’ ridicola per un pubblico moderno, soprattutto in considerazione che ci sono ora tecnicamente solo otto pianeti del sistema solare . Tuttavia, l’introduzione di figure grottesche e deformate, come la pelle marcia e rivestita di abiti, un inquietante “mondo ombra” sembra offrire un aggiornamento sornione a quella storie degli anni Sessanta sull’origine dei Cybermen.

doctor who extremis

Il “mondo ombra” è una premessa intelligente per un episodio su un certo numero di livelli.

Al livello più ovvio, dà ai nuovi misteriosi antagonisti un sacco di peso drammatico. E’ certamente una memorabile introduzione, simile all’introduzione degli Angeli Piangenti in Blink o del Silenzio in The Impossible Astronaut e Day of the Moon .

Più interessante è il quadro stesso. L’idea di una simulazione virtuale del mondo reale non è una novità. E’ stato ripetuto e ribadito in vari testi e filosofie dagli albori dell’uomo. È probabilmente un’estensione dello gnosticismo, che informa il suo uso in fumetti come The Invisibles e film come The Matrix .

Infatti, le radici gnostiche di questa idea probabilmente sono alla base di alcune scelte di narrazione in Extremis , fino al punto che il Dottore visita il Vaticano per indagare su questo mistero esistenziale.

Tuttavia, come il futuro hypercapitalista presentato in Oxygen, c’è una logica se Extremis sta abbracciando un classico filone fantascientifico con una rinnovata rilevanza.

Se Oxygen ci ha riportato il futuro sporco dell’epoca Regan , si potrebbe sostenere che la simulazione al computer in Extremis riflette il clima politico attuale. Eventi come il voto Brexit e l’elezione di Donald Trump hanno rappresentato un colpo sconvolgente al consenso neoliberista.

In entrambi i casi, questi eventi sembrava sfidare tutte le previsioni e ogni buon senso. Il Filosofo Nick Bostrom ha anche sostenuto che loro sono la prova che ci suggerisce che il genere umano è intrappolato all’interno di una simulazione .

Extremis sembra alludere a questa lettura.

doctor who extremis

In un certo senso, questo episodio gioca anche un po’ col concetto di Doctor Who . Il franchising è generalmente ottimista nella sua prospettiva, al punto che deve fare delle eccezioni , come episodi del calibro di The Caves of Androzani e Midnight che si distinguono per la loro stessa tematica.

Doctor Who tende a credere che le persone sono intrinsecamente decenti, se correttamente potenti e illuminate, e che l’umanità è capace di cose meravigliose. Il Dottore ama l’umanità perché crede che sono capaci di grandi cose. È per questo che lo sfruttamento del Maestro del genere umano in The Last of the Time Lords è stato così devastante.

Steven Moffat ha davvero abbracciato questa idea, difendendo l’ottimismo dello show, al punto che The Day of the Doctor è in gran parte un saggio esteso su come l’uccisione di milioni di bambini è stato radicalmente eliminato da un personaggio eroico che si fa chiamare “Dottore”. Altro oltre a questo, Moffat è un grande fan del concetto di “tutti vivono”, come codificata da sue sceneggiature per episodi come The Empty Child, The Doctor Dances, Silence in the Library, Forest of the Dead, The Big Bang e The Pandorica Opens.

Questo atteggiamento è molto in mostra in Extremis , quando si scopre che il Dottore si e’ rifiutato di uccidere Missy per i suoi innumerevoli crimini. Per essere onesti, le realtà all’interno della storia rendono difficile giustificare il risparmiare la vita di Missy, più o meno allo stesso modo in cui è difficile da spiegare la riluttanza di Batman a uccidere il Joker. Tuttavia, si tratta di una dichiarazione filosofica sui valori che Moffat ritiene indispensabile per la serie. Il Dottore salva la gente. Questo è quello che fa. Rende le cose (e persone) migliori.

Anche al di là delle trappole concettuali di questo mondo digitale, Extremis tocca questo aspetto fondamentale di chi il Dottore è e ciò che il Dottore fa. Proprio come Heaven Sent prima, Extremis è una storia su come il Dottore è una persona che fa la cosa giusta, non importa quale sia il costo.

Anche di fronte alla realtà che non può salvare il mondo, o se stesso, il Dottore trova ancora l’energia per fare qualcosa . Dopo tutto, come Nardole cita alcuni parti del diario di River, questa è l’essenza di eroismo.

doctor who extremis

Extremis offre una sintesi molto compressa di come Moffat vede il Dottore. Il Dottore fa la cosa giusta, non importa quale sia la circostanza. Anche se non v’è alcuna ricompensa, anche se non c’è scampo, anche se è probabilmente inutile. Anche in una simulazione, anche come una copia di se stesso, anche riconoscendo che non è reale. Il Dottore è un ideale eroico che anche le copie di lui sono costrette a fare la cosa giusta.

Extremis è senza dubbio un episodio su come impotente è Doctor Who di fronte a questo orrore esistenziale. Lui è un personaggio immaginario. Lui è un costrutto. Lui non è una persona reale. Ripetutamente nel corso del suo mandato come showrunner, Moffat ha sottolineato che l’idea del dottore non è strettamente legato al mondo reale.

Tuttavia, Extremis abbraccia l’idea che il Dottore è reale, anche se lui non è reale e anche se non può letteralmente salvare il mondo reale. Il Dottore è in grado di andare oltre i confini della sua simulazione e di influenzare il “vero sè” condividendo le informazioni e ispirando qualcuno fuori dal suo universo immaginario. Al suo interno, Extremis è un episodio su come il “reale” Dottore trova la forza per salvare il mondo guardando un episodio di Doctor Who .

E’ forse la cosa più “metafiction” che l’era Moffat ha fatto.

Articoli correlati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close

Adblock Rivelato

Per favore, aiuta la nostra crescita disabilitando l'adblocker