Doctor Who Thin Ice: Recensione del Terzo Episodio

Come per i due episodi precedenti, la sensazione che si ha guardando Thin Ice è qualità nostalgica. Come abbiamo gia scritto per gli episodi “The Pilot” e “Smile”, Thin Ice ha qualcosa che ci riporta all’epoca di Davies.  Difatti questa ultima stagione di Moffat come sceneggiatore sfrutta il classico trittico presente-futuro-passato che ci riporta ad episodi come  Rose, The End of the World e The Unquiet Dead, o The Christmas Invasion, New Earth e Tooth o Claw o Smith and Jones, The Shakespeare Code e Gridlock.

Ma proprio come “Smile”, “Thin Ice” è una sorta di storia già vista.

thin ice

Mentre nel primo episodio si sfrutta il classico tema “le macchine che si ribellano”, Thin Ice invece affronta in minima parte la trama storica mentre tutto il resto si impegna ad analizzare temi come razza e classe che sono spesso poco curate in questo genere di storie. Per quanto sia al centro di una certa cultura, la questione della “razza” è sempre stato qualcosa di spinoso per Doctor Who . Se ci pensate il primo compagno nero è arrivato solo nel 2006 con “School Reunion” , quando Mickey Smith ha deciso di accodarsi nel TARDIS, mentre la prima compagna di colore si è unita regolarmente al cast solo nel 2007 con “Smith and Jones” .

Thin Ice abbraccia quel sottotesto e lo mostra in modo esplicito. Infatti, sembra quasi quasi che Thin Ice sia una risposta palese a The Shakespeare Code soprattutto quando Bill e il Dottore hanno il dialogo sulle conseguenze del viaggio nel tempo, strizzando l’occhio al Decimo Dottore e Martha Jones .  E’ un modo efficace di inquadrare una storia che per molti versi amplia alcuni concetti all’inizio avventura.

thin ice

Questo poi ci porterà a parlare della creatura. V’è una strana creatura sul fondo del Tamigi che si nutre di persone attirandoli da sotto il ghiaccio. La creatura in realtà è prigioniera da una figura sinistra che la sfrutta come carburante.

Il modello è familiare. Infatti, anche il Dottore ha già un idea di come la storia andrà a finire. Scoprendo che il “Signore Sutcliffe” è dietro a questa operazione di raccolta, il Dottore ipotizza che Lord Sutcliffe è un alieno che sta sfruttando la bestia al fine di generare carburante per alimentare una nave spaziale. E’ abbastanza facile delineare la storia da tale presupposto; un alieno intrappolato sulla Terra sta cercando di sfuggire o di prenderne il controllo in una sorta di clichè molto sfruttato in storie come The Time Warrior, The Terror of the Zygons, City of Death e The Visitation .

thin ice

Tuttavia, Thin Ice prende una leggera svolta, quando si scopre che Lord Sutcliffe non è un alieno. E’  l’erede di una ricca famiglia che ha mantenuto la bestia in schiavitù per generazioni, sfruttandola per ricchezza. Per essere onesti, questo non è certo il colpo di scena più innovativo. Come è successo in un sacco di episodi, Doctor Who ha più volte suggerito che l’umanità è il vero mostro. In effetti, lo sfruttamento del mostro da parte delle forze capitalistiche ricorda piuttosto pesantemente la trama a base di “Meat” , un episodio della seconda stagione di Torchwood . Anche all’interno della serie, si è raramente evitato la capacità del genere umano per la crudeltà e violenza. Planet of the Ood era un atto d’accusa simile del capitalismo incontrollato e della schiavitù, mentre Midnight è stato un altro episodio in cui l’umanità è il vero mostro. Doctor Who non è mai stato sottile sue critiche dell’eccesso del capitalismo e sulla capitalista schiavitù. Robert Holmes potrebbe essere proprio il miglior esempio nella storia della serie, come dimostrano i suoi script per The Sun Makers, The Power of Kroll o The Caves of Androzani.

Allo stesso tempo, Thin Ice segna un ritorno ad un tema familiare a Moffat. Smile ha una classica trama sulle macchine che sono programmate per fare troppo bene il loro lavoro e alla fine provano il caos (e se ci pensate, Moffat stesso ha più volte utilizzato già questo concetto in The Empty Child /The Doctor Dances e The Girl in the Fireplace) . Tuttavia, finisce sovvertendo la narrazione, rifiutando di porre fine alla storia con il Dottore che ripara o distrugge l’hardware impazzito.

La metafora di fondo di Thin Ice  si rifà a The Beast Below. Questo è stato uno degli script più apertamente politici dell’epoca Moffat, anche se in modo meno concentrato sulla classe di quanto lo fosse la maggior parte dell’era Davies. The Beast Below era una storia sulla capacità dell’umanità di distorcere e corrompere la bellezza dell’universo, rendendo l’intera razza umana complice della mutilazione di una gigantesca balena spaziale . Thin Ice è ambigua sulla questione se la creatura venisse dallo spazio, ma il paragone regge.

thin ice

The Beast Below è stato molto più impegnato con la filosofia di voto e di governo di semplice economia, ma i paralleli con Thin Ice sono molto forti. In entrambi i casi, un gigantesco mostro viene tenuto in vita come parte di un progetto sociale più ampio, alimentati con le classi inferiori diseredati. In entrambe le storie, questa creatura mostruosa a quanto pare si scopre essere un prigioniero, incatenato dall’uomo per i propri fini malati. Entrambi gli episodi culminano con il Dottore che costringe efficacemente il compagno (o compagna) a fare una scelta difficile; liberare la bestia, o uccidere la bestia.

In effetti, c’è un bello scambio di battute tra il Dottore e Bill  sulle abilità del primo a fare discorsi mescolati; il Dottore ci suggerisce che ha avuto millenni per affinare la sua indignazione . Per certi aspetti, Thin Ice potrebbe essere visto come un tentativo di rivedere e riscrivere i temi centrali di The Beast Below, una seconda bozza che riflette l’esperienza espansa del team di produzione.

Anche solo parlando del Dodicesimo Dottore, questo è un cambiamento interessante nella caratterizzazione del personaggio. E’ interessante chiedersi se questi riferimenti e richiami sono intenzionali, o forse sono riflessi dopo il lavaggio del cervello che il Dottore ha ricevuto alla fine di Hell Bent. Dopo tutto, The Pilot ha fatto in modo di affrontare l’argomento. Se il Dottore ha cancellato dalla sua memoria Clara, ha anche cancellato un sacco di sviluppi del personaggio che ha subito a seguito del suo tempo con lei?  In alternativa, sembra del tutto possibile che il team di produzione stia scrivendo una versione più consapevole del Dottore di Peter Capaldi.

thin ice

Come nel caso di The Pilot , c’è uno sforzo cosciente di contestualizzare la storia all’interno del più ampio programma di Doctor Who , dando il benvenuto a nuovi potenziali spettatori per la serie, suggerendo il modo migliore per vedere questo episodio per quanto riguarda i personaggi. Bill arriva a essere arrabbiata con il Dottore quando assistono alla morte di un ragazzo sul ghiaccio, che porta ad una discussione efficace degli orrori che il Dottore ha visto – e gli orrori che il Dottore ha commesso. Non c’è nulla di particolarmente nuovo, ma serve uno scopo chiaro.

V’è un chiaro “ritorno alle origini”. Dettagli su  “il Dottore ha visto e fatto cose terribili” sono il pane quotidiano dei fan di vecchia data, ma non di coloro che lo hanno seguito fino ad oggi. Naturalmente, c’è qualche piccolo ironia in tutto questo. Sembra strano che il team di produzione voglia creare qualcosa di nuovo visto che a fine dell’anno andranno via.

Alla fine, Thin Ice è una solida avventura pseudo-storica, che si sente molto in sintonia con il tipo di storia che appare tradizionalmente in questo tratto della stagione. Allo stesso tempo, ci sono abbastanza variazioni che danno un tocco di novità.

Thin Ice non è un classico, ma è coinvolgente ed efficace.

Articoli correlati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close

Adblock Rivelato

Per favore, aiuta la nostra crescita disabilitando l'adblocker