Doctor Who: Analizziamo il Nono Dottore

Tutto su Doctor Who è stato progettato per rompere con il passato, nonostante la nuova serie volesse essere la continuazione di quello che era avvenuto negli anni prima. Il look semplice della sua giacca e jeans e’ un realismo che ha contraddistinto il Dottore Eccleston rispetto al dandy ultra-britannico che molti si aspettavano dallo show.

 il nono dottore: Christopher Eccleston Questo Dottore non parlava un inglese normale, ma come un uomo dell’Inghilterra del Nord (“Tutti i pianeti hanno un nord”). Lui era l’incarnazione dello straordinario in un corpo molto ordinario, ed era quella serietà – sia nel personaggio che della produzione – che ha fatto il successo nello show.

Il Nono Dottore era unico, e diverso da qualsiasi altro Dottore che si era visto fino a quel punto, e forse anche ora. David Tennant, Matt Smith e lo stesso Peter Capaldi sono stati molto chiaramente influenzati dalle precedenti incarnazioni, ma Christopher Eccleston non aveva una vera controparte in passato: era una rara opportunità di fare qualcosa di completamente diverso nel ruolo, ed è stata una scommessa che ha ripagato . L’era del nono Dottore si trova ancora oggi come un periodo del tutto singolare per Doctor Who , il che lo rende ancora più prezioso nella lunga storia dello show.

Anche se la serie ha riabbracciato la sua eccentricità (alcuni sostengono anche troppo), nel momento in cui era vitale per la serie. Se il Nono Dottore non fosse stato l’uomo che era, dallo sguardo alla personalità, si erge una buona possibilità che non saremmo qui a parlarne oggi.

Chi è Doctor Who?

Un inerente parte aliena ha sempre fatto parte della creazione del Dottore. Lui è un emarginato dalla sua gente come lo è da noi. E’ un solitario che e’ ponte su due mondi diversi, eppure non è mai stato del tutto parte di uno solo. Inizialmente, questo era molto marcato nel Nono Dottore. La sua freddezza, innescata dal senso di colpa dell’essere superstite dalla Guerra del Tempo, è stato in gran parte non trasmesso attraverso la sua eccentricità aliena, ma da una serie di richiami per il mondo che lo circonda. L’atteggiamento duro del dottore in questa incarnazione è ciò che lo contraddistingue in una situazione, più di qualsiasi stranezza intrinseca come aveva fatto in passato il dottore. Non è solo un essere alieno perché aveva due cuori, ma a causa della distanza che mette tra sé e le persone intorno a lui.

 il nono dottore: Christopher Eccleston

Eppure l’umanità del Dottore era stata raramente esaminata così strettamente come lo e’ stato col Nono Dottore.

Il rapporto del Dottore con la sua compagna lo ammorbidisce, in un modo che raramente e’ successo con i compagni in passato. Naturalmente, erano tutti amici, ma Rose è diventato qualcosa di più al nono Dottore (sbocciando in una storia d’amore con il Decimo Dottore). Rose era il catalizzatore per tutta la sua distanza aliena e la sua patina emotiva, e ha fatto del nono Dottore una delle incarnazioni più umane del Signore del Tempo. Christopher Eccleston ha equilibrato l’umanità e la distanza aliena del Dottore come nessun altro attore nel ruolo ha davvero fatto.

A volte una debolezza può rappresentare un punto di forza

Ma forse il più grande punto di forza del Nono Dottore era qualcosa che, per lui, era la sua più grande debolezza – il dolore di essere il presunto superstite del suo popolo. La perdita dei Signori del Tempo è stata un’ottima mossa dagli scrittori:un senso di perdita che riecheggiava in tutta la serie del Nono dottore.

Il dolore del Dottore è stato parte integrante del Nono Dottore, forse più di ogni altra incarnazione né prima né dopo. Il Nono Dottore non ha tempo per gli sciocchi, e quando il fuoco della rabbia si accende, arde in tante eccellenti prestazioni di Eccleston. La sua incandescente collera in presenza di un Dalek solitario, e la furia che chiama a difendere la Terra ei suoi alleati dagli Slitheen. Il nono Dottore è un’anima persa, e si vede più apertamente quando è arrabbiato. I precedenti Dottori avrebbero fatto scappare un nemico con uno sguardo o con una storia intelligente, ma nessuno poteva ottenere qualcosa come il nono Dottore.

Ma la rabbia del Nono Dottore e’ alimentata anche da passioni.

Doctor Who

Egli  potrebbe incarnare la gioia per la vita o senso della voglia di viaggiare che ha definito il personaggio nel suo passato, guidato dalle stesse cose che potrebbero fare di lui così giustamente arrabbiato. L’introduzione di Rose per le stranezze aliene del Platform One, il suo apprezzamento per come Stuart e Sarah si sono riuniti, il suo grido clamoroso di ” Tutti vivono! ” al culmine di The dance of the Doctor . La gente si ricorderà del Nono come un’oscuro e tormentato dottore, ma lui mostra anche una passione che rivaleggia con i migliori momenti di qualsiasi altro Dottore che abbiamo avuto.

La passione è una parola così raramente attaccata al Dottore di Christopher Eccleston, ma non vi è forse niente di più adatto. La passione definisce il suo nucleo: la sua rabbia e il suo dolore per la Guerra del Tempo, la sua gioia di mostrare a un compagno l’universo più ampio, e l’ammorbidimento del suo carattere mentre viaggia con Rose. Il Nono Dottore aveva un fuoco nel suo spirito che nessun altra incarnazione ha avuto in Doctor Who .

Close