Civil War II: gli albi centrali della nuova guerra civile!

Qualche settimana fa commentavo i primi numeri della seconda guerra civile Marvel. Oggi ci ritroviamo ancora insieme per riflettere sulle nuove uscite, dal numero 3 al numero 5, di Civil War II. Il corpo centrale, ciò che convergerà nel gran finale.

Dal punto di vista grafico il lavoro di Marquez è come al solito eccezionale. Vero punto di forza di tutto Civil War II, con punte di spettacolarità altissime. Una delle sue caratteristiche principali è l’uso delle splash page: vignette che occupano buona parte di una o due pagine. Usate come solo il buon David sa fare, soprattutto nelle situazioni di punta dell’evento, garantiscono un ottimo risultato.

Classico esempio di double splash page

Come anticipato nella prima parte, quello che non soddisfa invece è il lavoro di Bendis. Oltre ai presupposti di trama di cui abbiamo già parlato, anche il proseguo non convince: tutto viene compressato troppo. Il pubblico è costretto a recuperarsi i vari tie-in per due motivi: si è costretti a comprare gli albi per leggersi i perché alcuni personaggi si trovano in quel posto; addirittura è impossibile capire come prosegue una sottotrama fondamentale ai fini della storia principale. Pare però che la Marvel stia provvedendo a questo: il prossimo evento (in corso in U.S.A.) prevede un numero ridotto di albi extra.

Il punto della situazione prima del gran finale di Civil War II

Senza poche sorprese, Civil War II prosegue su una linea abbastanza retta. L’albo numero 3 ci presenta il punto focale dell’intero evento, sotto forma di un flashback. L’idea viene di solito utilizzata come finale di saga: invece ben si propone anche in questo caso, offrendo una visione plurima delle varie situazioni. L’albo numero 4 è al contrario molto descrittivo: approfondisce ciò che c’è da approfondire e prepara all’atteso scontro… Scontro che vedremo nell’albo numero 5 e che terminerà con quello che sembra essere l’unico colpo di scena di Civil War II.

La bellissima cover del numero 3

Finora, quindi, abbiamo un evento molto lineare e coeso con le aspettative: le prese di posizione dei primi numeri sono state sostituite da lunghe descrizioni; inoltre è arrivato il colpo di scena tipico del corpo centrale di una saga… Ma se squadra che vince non si cambia, lo schema è diventato ripetitivo e va cambiato: le vendite parlano chiaro, il calo c’è ed è inevitabile.

Per ora attendiamo gli albi conclusivi. Tra pochi giorni uscirà la sesta parte di Civil War II: entro un mese l’evento arriverà alla sua fine, cosa ci aspetta? E cosa succederà nell’universo Marvel? A risentirci tra un mese con la recensione finale!

Pierfrancesco Caroli

Grandissimo appassionato di anime, manga e giochi da tavolo, nasce cresce e pasce in Puglia tra le prime edizioni di Dragon Ball e vecchi anime obliati anche dalle tv locali.
Close