Requiem per il reggiseno della PRINCIPESSA LEIA ORGANA

Il reggiseno della PRINCIPESSA LEIA ORGANA?

Continuate a leggere, tutto diventerà più chiaro andando avanti.

PRINCIPESSA LEIA ORGANAC’è una  galassia lontana lontana dove, però, le notizie corrono veloci.

Le notizie, però, specie quando non sono belle, hanno bisogno di tempo per essere digerite.

Tutti, ormai, sanno della scomparsa della sola e unica PRINCIPESSA LEIA ORGANA.

Fiumi d’inchiostro sono tati spesi per ricordare il suo alter ego terrestre, quella CARRIE FISCHER, che le ha prestato volto e corpo nelle sue apparizioni cinematografiche.

CARRIE ha, naturalmente, interpretato altri ruoli nella sua carriera, ma per i veri fans di STAR WARS è e rimarrà per sempre, lo ripeto, la sola e unica PRINCIPESSA LEIA ORGANA.

PRINCIPESSA LEIA ORGANAChe PRINCIPESSA LEIA ORGANA non fosse una “Principessa delle fiabe Disney” lo si era capito subito e in ogni sua apparizione nei film della trilogia originale ha fermamente ribadito il concetto.

LEI è stata la mia prima “fiamma cinematografica”.

Non ringrazierò mai abbastanza il viscido Jabba The Hutt per quel suo patetico tentativo d’incatenarla con indosso quel succinto costume da schiava…

PRINCIPESSA LEIA ORGANA

Come detto, la PRINCIPESSA LEIA ORGANA non è più tra noi, se ne è andata il 27 di dicembre dell’anno scorso.

su giornali, riviste e, persino, sul web sono apparse le parole che lei stessa aveva scelto come necrologio:

“I drowned in moonlight, strangled by my own bra”.

Parole che in italiano suonano come:

“annegata nel chiaro di luna, strangolata dal mio reggiseno”.

Esattamente il tipo di frase che, ne sono certo, direbbe la PRINCIPESSA LEIA ORGANA parlando della propria morte!

Ma perché CARRIE FISHER ha scelto questo epitaffio?

PRINCIPESSA LEIA ORGANA

Lo racconta nel suo libro autobiografico “Wishful Drinking” (vi avverto questa è una liberissima traduzione della pagina 88):

“George, il primo giorno delle riprese mi disse che non avrei potuto indossare un reggiseno sotto la tunica bianca… Perché nello spazio non si usa la biancheria intima”.

Era serio e convintissimo!

Mi spiegò perché non si poteva indossare un reggiseno nello spazio:

vai nello spazio e diventi senza peso. Poi il corpo si gonfia ma il reggiseno no, per cui, alla fine, finisci strozzata dal tuo stesso reggiseno.

Credo che questo sarebbe un necrologio eccezionale.

Ecco perché dico che non importa come muoio, voglio che venga scritto che sono annegata nel chiaro di luna, strangolata dal mio reggiseno.”

Addio PRINCIPESSA LEIA ORGANA, Alderaan ti sarebbe stato lieve…

 

Close