Wasteland 3 frantuma le richieste di finanziamento

Wasteland 3 vedrà la luce entro il 2019, per ora la fiducia arriva da oltre 14000 bakers

Wasteland 3 ha aperto qualche giorno fa la sua campagna di finanziamento su fig.com, raggiungendo in poche ore gli obiettivi minimi, con ben 24 giorni di anticipo rispetto al countdown prefissato.
Il precedente Wastreland 2 è stato un ottimo titolo, anch’esso finanziato in parte su Kickstarter.
Si tratta di una saga partorita dalla mente di Brian Fargo nel 1988, quando lavorava per Interplay Productions. Per gli eretici che non conoscono questo piccolo gioiello Gdr, sappiate che è stata un’opera pionieristica che ha ispirato diversi titoli successivi compreso il primo Fallout: i cui creatori sono, in parte, i medesimi.

wasteland3
Wasteland 3 frantuma le richieste di finanziamento

Se amate gli universi post-apocalittici resi celebri da pellicole come Mad Max, o videogame come Borderlands e Rage sicuramente sarete lieti di questa notizia.
L’autore ha già spiegato che andrà a ritoccare alcuni elementi chiave come il sistema di dialoghi, rendendolo più dinamico e fluido; si sfrutteranno dunque le intuizioni in sviluppo per Torment: Tides of Numenera (successore spirituale del capolavoro Planescape: Torment). Il Motore di gioco attualmente scelto è una versione avanzata di Unity. Nel team figurano persone del calibro del concept artist Andrée Wallin che ha già lavorato a Wasteland 2 e Star Wars: The Force Awakens

La campagna di crowdfunding per ora vanta quasi 3 milioni

Tra le feature da inserire figurano il multiplayer online e i veicoli, entrambi assenti nel predecessore.
Il raggiungimento di altri a stretch goal prevede l’inserimento di ulteriori opzioni come la personalizzazione dell’insegna del proprio party di Ranger e la presenza di un “pet” (veicolo dotato di IA)

Wasteland 3 è previsto per le piattaforme PC (Windows, Mac e Linux), e console (Xbox One e Playstation 4). Se volete contribuire o dare solo un’occhiata potete visitare il sito dedicato

icniVadoDraNoel

Appassionato di romanzi sci-fi, scopre per vie traverse il mondo videoludico scovando per caso un floppy disk del padre. L’alieno oggetto in un mondo governato da Console a dvd, si rivelerà poi niente poco di meno che un titolo per Amiga. Da lì in poi nasce la passione, soprattutto per i titoli Obsidian e Bioware. Ora tra una lettura e l’altra, fantastica malvagie macchinazioni, imbracciando lame luminescenti alla ricerca di forzieri; lasciando la gloria ai veri eroi. Del resto senza i Villain, i buoni non esisterebbero.
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker