Stranded esce allo scoperto: tutto quello che c’è da sapere

Girovagava da un po', sui social network, il nome di cui tutti vogliono sapere; ma finalmente, Stranded si mette allo scoperto...

Molte sono le persone che negli ultimi mesi si sono chieste cosa fosse Stranded e da dove provenisse; questo strano nome comparso sui social network quasi dal nulla e con nessun preavviso.
Piombando sul web senza dare troppe spiegazioni e avvolti da un alone di accattivante mistero, i ragazzi dello staff hanno raccolto già un piccolo seguito di fan e simpatizzanti. Volendo esagerare, si parla persino di Hype e di un consenso generale che farebbe invidia a qualsiasi produzione audiovisiva locale.

stranded
Stranded festeggia i suoi primi 300 “Mi piace” su Facebook e il numero continua a crescere

Ma di cosa stiamo parlando, questo rimane ancora un’incognita. Non per molto, per lo meno, siccome siamo riusciti a far sputare il rospo agli autori – con una bella intervista – su tutto quello che c’è da sapere a proposito (finora).

Ebbene, questi baldi giovani hanno remato contro le intemperie di un territorio notoriamente arido dal punto di vista artistico decidendo di tentare lo sviluppo di qualcosa a cui solo pochissimi prescelti si erano azzardati prima d’ora: produrre una sitcom umoristica a sfondo fantascientifico.

Ecco fatto, ora sapete – a grandissime linee – cosa è Stranded. Certo, sapete cosa ma non sapete chi, come o quando. Bene, allora, prima di tirare qualche pomodoro marcio addosso al vostro monitor (nel vano tentativo di colpirmi) lasciate che vi introduca alla simpaticissima chiacchierata che abbiamo fatto, in esclusiva per voi, proprio qui a seguire. Buona lettura!

  • Cos’è STRANded e come nasce l’idea?

STRANded è una web series in cantiere da circa un anno, e ha come protagonista un alieno esploratore che, durante la perlustrazione del nostro sistema solare, naufraga sulla terra. L’idea è nata durante una lezione di Letteratura Spagnola all’Università della Calabria, seguendo la spiegazione delle opere di Eduardo Mendoza.

  • Cosa significa STRANded?

“Stranded” è una parola inglese che significa, appunto, “naufragato, bloccato in un luogo sconosciuto”. Il nome dell’alieno, Stran, deriva proprio da questa parola.

  • Questo Stran… Quale messaggio porta sulla terra?

Stran non è venuto sulla terra per portare un messaggio, ma per cercarne uno. Ha un obiettivo… Ma lo scoprirete a tempo debito. 😉

stranded
Lo staff al gran completo in una collana di disegni promozionali
  • Che obiettivi vi siete prefissati per la realizzazione della web-serie?

Ciò che ci spinge a portare avanti il progetto di STRANded non sono né la fama e né i soldi, bensì il desiderio di creare un prodotto nuovo, originale, che faccia riflettere e soprattutto divertire.

  • Qual è la situazione della componente di video-produzioni artistiche locali e quanto vorreste contribuire alla sua crescita?

Non conosciamo progetti simili in Calabria — è anche per questo motivo che vogliamo includere pubblicità a prodotti, band e artisti locali. Vaglieremo qualsiasi proposta di collaborazione. 😀

  • Come definireste il genere di STRANded?

STRANded è una mini sitcom basata sull’effetto di straniamento, uno strumento narrativo che sfrutta l’approccio dello straniero per evidenziare le abitudini più bizzarre su cui solitamente non si riflette. È principalmente parodistico e satirico, si prefigge di criticare con la risata, esattamente come Eduardo Mendoza fa in “Nessuna notizia di Gurb”. Ogni puntata verte su un argomento diverso e i temi trattati sono vari, tutti racchiusi in una cornice con sfumature nerd.

  • Ogni contenuto audiovisivo viene sviluppato secondo strati di competenze diverse come grafica e comporto audio. Ci saranno molti effetti speciali?

Come già detto, STRANded è una sitcom ambientata sulla Terra, che di conseguenza non necessita di un gran numero di effetti speciali. Trattandosi di situazioni quotidiane sarebbe un’esagerazione inserire forzatamente effetti speciali; ci concentreremo più che altro su effetti audio.

  • Cosa invece a proposito della colonna sonora e il suo genere.

Sia colonna sonora che sigla sono create appositamente da Valerio Magli e Danilo Pantusa di Jana Draka, con la supervisione dell’intero team, e sono delle soluzioni deliberatamente studiate per valorizzare ogni puntata. In più, ci piacerebbe coinvolgere qualche band locale per mostrarne il talento, creare una bella vetrina e arricchire in tal modo il nostro prodotto.

  • Quanto durerà la web-serie?

Non abbiamo ancora una durata precisa in mente, poiché sarà registrata interamente nell’arco di una settimana e solo successivamente divisa in puntate. Con tutta probabilità ogni episodio avrà una durata che andrà dai cinque ai quindici minuti. Le puntate saranno introdotte da un podcast attualmente in produzione, il cui rilascio sarà distribuito nel mese di Ottobre.

  • Come sperate di varcare la concorrenza di centinaia di youtuber assetati di fama?

Il nostro obiettivo principale non è quello di superare la concorrenza, ma lasciare un segno. Se riusciremo a far ridere qualcuno ci riterremo soddisfatti.

  • Secondo voi, Youtube è ancora un luogo libero dove dare sfoggio ai propri talenti o come direbbero in molti, una gabbia dove chi vuole raggiungere risultati è costretto a fare le solite cose?

Se avessimo ritenuto YouTube una gabbia, non avremmo creato un progetto da pubblicare su tale piattaforma. Non abbiamo intenzione di fare compromessi, svilupperemo la serie per come l’abbiamo ideata, senza curarci dei numeri — terremo in considerazione anche il più piccolo feedback.

stranded
In Stranded i nerd sono specie protetta tanto quanto gli alieni!
  • Una web-serie è pur sempre un’iniziativa che richiede gran tempo nonché un investimento generale non da poco. Come intendete finanziare il progetto?

Il team è quasi interamente composto da studenti universitari e al momento ci autofinanziamo. Stiamo comunque cercando sponsor di prodotti locali per offrire una collaborazione.

  • Possono, secondo voi, il mondo del cinema e della tv in generale uscire dalla famosa “crisi di idee”? E se si, quanto può influire il settore delle produzioni indipendenti come la vostra?

Le idee originali sono ormai prerogativa delle produzioni indipendenti, e spesso è da queste che cinema e tv traggono ispirazione. Tra i più noti esempi vi sono i romanzi pubblicati negli ultimi anni da scrittori indipendenti, trasposti poi cinematograficamente. Forse una collaborazione tra produzioni indipendenti, cinema e tv può portare al risollevarsi da questa “crisi”.

  • Si dice che tutto sia riscrittura… Quanto materiale di Mendoza vedremo, sotto forma di richiami o citazioni, in STRANded? E quanti omaggi alla cultura nerd in generale?

Le citazioni a Mendoza saranno numerose ma indirette — sarebbe grandioso se riuscissimo a generare interesse per questo autore contemporaneo pressoché sconosciuto in Italia ma più che degno di grande attenzione. Per quanto riguarda invece l’aspetto nerd della produzione, potete aspettarvi un’infinità di richiami, dai più noti social ad anime, videogiochi, serie tv, film, giochi di ruolo. Cercheremo di dare il giusto spazio ad una grande varietà di argomenti.

  • Lasciate un messaggio a tutti i possibili candidati alle audizioni.

“UDITE, UDITE! I biscotti sono pronti, i canovacci pure, l’astronave cerca il suo equipaggio — sei pronto a salire a bordo? A Ottobre ci sarà il decollo e ci piacerebbe averti con noi. Manda un messaggio alla pagina Facebook di STRANded o scrivi una mail a [email protected]. Affrettati o finiremo le scorte di biscotti e tute spaziali!”

E adesso le date del trailer ufficiale…

Doveva essere già qui, ma deve esserci stato qualche problema con i server di Giove…

Insomma, un cantiere a cielo aperto ma dalle ottime promesse. Cosa ci aspetta, da questa iniziativa, lo scopriremo solo seguendola.

E noi de Il Bosone ci saremo…

Source
Stranded

Dave

Un tipetto alquanto permaloso, soprattutto quando è davanti al suo pc. Vive un rapporto dualistico, di amore e odio, nei confronti della tecnologia. Ama scrivere al computer, per esempio. Ma non prova le stesse emozioni quando perde 300 cartelle word a causa di interruzioni improvvise causate da chissà quale maledizione fantozziana. Vive di libri, muore di cinema e per l’odore dei pop-corn. Il grande schermo è la sua più grande passione, ammesso che riesca ad arrivare in sala in orario. I suoi frequenti ritardi (per adesso solo in ambito di tempistiche) sono il motivo per cui quando lo incrocerete vi sembrerà un mandarino che rotola. Ha fatto il giornalista ed è anche un bel ragazzo. Bello davvero. E questa descrizione non è stata scritta da lui, eh.

Articoli correlati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Adblock Rivelato

Per favore, aiuta la nostra crescita disabilitando l'adblocker