Fujoshi alla riscossa: chi sono e perché adorarle

Oggi mi rivolgo alle care amiche in ascolto.
Dico proprio a te, oh giovane donzella che credi di essere immune. Pensi di scampartela, eh? Ma se hai fantasticato almeno una volta nella tua vita su una coppia omosessuale allora sappi che non c’è via di fuga: anche tu rientri nel mondo delle Fujoshi.

Il cervello di una fujoshiIl cervello di una fujoshi: Boys’ Love memory e gay radar sempre attivo.

UNA FUJOSHI: COS’E’

Partiamo subito dalle basi: cos’è una fujoshi? Una fujoshi è una donna/ragazza con una passione più o meno normale per lo Yaoi o, com’è chiamato adesso, Boys’ Love (ovvero sia quelle storie dove due ragazzi di un fumetto o comunque opera strettamente manga si amano), lo slash (la versione yaoi con persone reali, quindi telefilm, film, ecc.) e in generale per le storie gay.

La parola significa ragazza o mela marcia e questo dovrebbe già aiutarvi a far capire com’è che questo termine non è diffusissimo, anche se è dato dalle stesse protagoniste (personalmente preferisco la parola yaoiste, ma sono gusti personali).

Le fujoshi sono ovunque. Sono coloro che sentite urlare durante le fiere del fumetto alla vista di due cosplayer che stanno in atteggiamenti non proprio casti e puri. Sono le ragazze che vi parlano per ore della loro OTP (One True Pairing, termine indicato per quelle coppie considerate sacre e uniche delle fan) senza posa e senza fermarsi mai.

Sono il motivo principale per cui Tumbrl è definito per il porno gay (e non scherzo). Sono la causa (secondo molte persone) della rovina di una data opera, visto che ne snaturano completamente il senso.
E invece no.

Se oggi sono qui a parlare di questo fenomeno, che non riguarda solo il Giappone ma tutto il mondo che possiede un fandom, è proprio perché voglio parlare di come, invece, è utile proprio per il successo di una tale opera.

Fujoshi alla riscossaRitratto tipico di una fujoshi, con in mano il proprio materiale didattico.

IL SUCCESSO DI UN’OPERA DIPENDE ANCHE DA LORO

Le fujoshi sono parte del fandom. Su questo non ci piove. Sono la parte più attiva probabilmente e quella che contribuisce di più al successo dell’opera.

Grazie a fanart (immagini create dai fan), fanfiction (storie create dai fan), AMV (acronimo di Anime Music Video) e chi più ne ha più ne metta diffondono il verbo. Sia i lati positivi che quelli negativi. Del resto, qualcuno diceva che “nel bene o nel male, purché se ne parli”.

Sono i giudici più severi ma anche quelli che si entusiasmano più facilmente. Insomma, è anche grazie a loro se una buona parte di pubblico arriva, perché attirati come falene da tutto il duro lavoro di sponsorizzazione gratuita che fanno.

UN ESEMPIO SU TUTTI: OSOMATSU-SAN

Osomatsu-san puntata 16 fujoshi

Questa sembra una fanart. E invece è un fotogramma dell’episodio sedici di Osomatsu-san, che ha fatto impazzire il fandom. Analizziamo l’immagine: ci sono due gemelli in una posizione equivoca, con delle facce sconvolte (un biscottino se indovinate il perché).

Ebbene, che ci crediate o no, è la realizzazione di una delle fantasie del fandom: la KaraIchi, ovvero la coppia Karamatsu-Ichimatsu. Questo cosa significa? Che gli autori sanno. O meglio, sono andati a studiarsi ben bene quali sono i gusti e i desideri delle fan, avendo compreso che è il pubblico maggiore.

E sono stati ripagati lautamente: il primo volume BD di Osomatsu-san ha venduto più di 100.000 copie. La dimostrazione che le fujoshi non sono la parte cancerogena dell’opera (come molti sostengono), bensì una risorsa per i produttori, sia in fatto di pubblicità che vendite.

LE CONCLUSIONI DEL CASO

Insomma, cosa abbiamo capito?

  • Le fujoshi sono le mele marce del fandom, amanti di storie gaaaaaay;
  • Esse sono considerate la parte malsana del fandom;
  • Eppure portano pubblico e big money;
  • Date loro un biscottino e le farete felici.

Cosa? Volete dirmi che sono cose scontate? Forse, ma è sempre meglio sottolineare queste cose, giusto per non farsi troppo il sangue amaro quando si parla di fandom, fan e storie gay.
Un biscottino a tutti quanti.


Al_Ninten

Nata in una ridente (ma anche no) cittadina nella provincia milanese, passa le sue giornate a spulciare notizie che non interessano a nessuno e a coltivare piaceri proibiti, come collezionare fanart dei suoi personaggi preferiti. Si identifica come il quarto dei gemelli Matsuno, il più spaventoso di tutti. Sogna di diventare la prima digiprescelta del coraggio, ma per ora ha solo gli occhiali da aviatore. Appassionata di anime, manga e videogiochi, si diletta ogni tanto a graficare, a disegnare e a fotoritoccare.
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: