The Hateful Eight: Tarantino boicottato dalla Polizia

Come alcuni di voi potrebbero sapere, Tarantino non è esattamente un grandissimo fan delle forze dell’ordine statunitensi. Paradossalmente, a causa della sua opinione, The Hateful Eight rischierebbe di fare un bel buco nell’acqua.

Proprio così, l’ultima fatica del direttore hollywoodiano ha incassato una cifra che risulta ben al di sotto delle aspettative iniziali. La ragione di questo flop è da attribuire al boicottaggio volontariamente adoperato nei confronti dello spaghetti-western dalla polizia americana.

hateful eight manifestazione contro la polizia
Il regista di The Hateful Eight alla manifestazione… Non sembra poi tanto “Hateful”

Qualche mese fa, esattamente il 20 ottobre dell’anno appena concluso, Tarantino partecipava al grande corteo di manifestazione a New York in segno di protesta contro i poliziotti violenti. La cosa sembra non essere stata gradita dai maggiori dipartimenti del paese che nei giorni successivi alla protesta alimentarono una campagna di astensione dall’assistere all’uscita di The Hateful Eight.

Detto fatto, a circa due settimana dall’uscita nelle sale americane, la Weinstein Company ha recuperato, appena appena, l’investimento iniziale del lungometraggio ammontante a 44 milioni di dollari e superato con gli incassi di sole 3 lunghezze. In tutto questo bisogna considerare che non è ancora stata pagata la pubblicità, elemento che ci fa capire come in realtà il bilancio sia ben più disastroso di quello che sembra.
Non bastasse, il film è stato snobbato dagli Academy Awards dove ha ricevuto solo 3 nomination agli Oscar come migliore attrice (Jennifer Jason Leigh), miglior fotografia (Robert Richardson) e migliore colonna sonora (Ennio Morricone). Che sia anche questa colpa dell’influenza mediatica del caso? Rimarrà un mistero finchè la qualità del lavoro non venga messa in discussione anche dai cinema europei.

hateful eight
Un fotogramma dal film

Intanto, un certo Patrick Lynch, presidente della Patrolmen’s Benevolent Association, estesissima associazione delle forze dell’ordine di New York, conferma e prende con orgoglio le responsabilità di quanto accaduto alla produzione di Tarantino:<<con quasi un milione di agenti in questo paese, ognuno dei quali con una famiglia e degli amici al loro seguito, l’impatto economico della polizia su un prodotto commerciale è immenso. Il boicottaggio del film di Quentin Tarantino è la dimostrazione del nostro potere economico.>>

Ad oggi, non c’è ancora una risposta ufficiale del regista ma aveva reso chiara la sua presa di posizione con questo commento che risale al 24 ottobre 2015:<<sono un essere umano con una coscienza. Quando vedo un omicidio non posso far finta di nulla. Devo poter additare l’omicidio come un crimine e gli assassini come dei criminali.>>

D’altro canto, i prodotti cinematografici di Tarantino si distinguono proprio per la violenza e la spietatezza di alcune sequenze, motivo per cui la controversia non si ferma solo nell’ambito della protesta sui poliziotti.
Qual è, dunque, il destino che attende il vate del Pulp internazionale? Per scoprirlo, non ci resta che aspettare l’esito dei botteghini oltre oceano.
In Italia arriverà, se tutto va bene, il 4 febbraio.

E intanto vi lasciamo con un quesito…

Da che parte vi schiererete? Andrete a vedere o no The Hateful Eight?

Foto: immagini Google
Fonte: theguardian.com

Dave

Difficile definire la sua personalità. Appassionato di comunicazione e digitale, l’uomo senza nome di Cosenza, o meglio, “Cos Angeles”, come la chiama lui. L’adorata città è il luogo dove si prodiga in letterarie produzioni quali il servizio di corrispondenza presso alcune testate giornalistiche. Scrive di tutto facendo finta di combattere il crimine come una sorta di Clark Kent ma senza navicella spaziale. Il problema sono i poteri in dote alquanto alternativi: ogni ufficio per cui ha lavorato, chiude per liquidazione qualche anno dopo la sua assunzione. Come i raggi solari per il super-eroe Dc, si ritiene che la linfa vitale che permette la sopravvivenza di quest’uomo siano le frequenti visite in determinati luoghi di implorazione sacra, più comunemente conosciuti come Cinema; passione viscerale che si trascina da quando è un pargoletto desideroso di diventare regista, periodo in cui produce piccoli corti in stop-motion con i modellini dei Power Rangers. Ma non finisce qui; trova anche il tempo di essere un accanito seguace del fitness e della palestra. Infatti, alcuni sostengono che la sua quotidianità sia perennemente condizionata da frequenti pasti proteici, rituali a cui deve sottoporsi ogni 2 ore dal momento in cui è sveglio altrimenti potrebbe trasformarsi in un mandarino vagante. Gioca a D&D, Saga Edition e qualsivoglia gdr cartaceo. Si cimenta nella scrittura di romanzi e testi di vario genere, opere sempre in fase di sviluppo e mai completate. Sarà perchè, nel selvaggio west, va di moda l’hobby del sombrero e lui ne è un grande esper… zZz
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: