Può un film racchiudere l’essenza della vita? (Antro del Vintage 29-11)

P1000439Chi ci segue sa che ormai, da qualche domenica, siamo ospiti fissi di una cosa chiamata “Antro del Vintage” che, semplicemente, è un centro di aggregazione giovanile con artisti, associazioni e realtà varie del nostro territorio.

Infatti, ieri sera si è tenuto l’ennesimo appuntamento organizzato dai ragazzi dello staff Midgard presso il B-Side (Rende, CS) che oltre ad accogliere lo stand di Attori in Corso, il banchetto del disegnatore Gaspare Orrico e i sottoscritti, hanno tenuto un interessantissimo cineforum su Cloud Atlas dei fratelli Wachowski (tratto dall’omonimo romanzo di David Mitchell).P1000437

L’appuntamento non ha deluso le aspettative accogliendo un nutrito gruppo di appassionati che non si sono lasciati scappare l’occasione di ammirare quello che secondo Mario Erboso, relatore della serata, è un vero gioiello del cinema passato inosservato.

In sintesi, il cuore del dibattito ha visto i partecipanti ruotare attorno al fulcro del film che è una rappresentazione della vita. Karma, amore, odio, passato, presente e futuro sono meticolosamente custoditi nella trama di 6 racconti intrecciati dalle azioni e dallo spirito dei protagonisti che pur vivendo in epoche diverse, formano un unico legame. Ad ogni gesto, gentile o malvagio che sia, corrisponde una reazione di risposta che genererà la stessa energia dell’input.P1000445 Siamo noi, esseri umani, in grado di determinare la nostra esistenza in base alle scelte che prendiamo quotidianamente? L’opera può darvi sicuramente un incipit di soluzione al quesito, basta assistervi.P1000446

Noi lo abbiamo fatto e ne siamo usciti pienamente soddisfatti, non ci resta che consigliarvi la visione immediata del titolo ma attenzione… Per superare la fase “wow”, potreste impiegare qualche tentativo di prova.

 

A domenica prossima per l’evento a tema Star Wars! 😀


Dave

Difficile definire la sua personalità. Appassionato di comunicazione e digitale, l’uomo senza nome di Cosenza, o meglio, “Cos Angeles”, come la chiama lui. L’adorata città è il luogo dove si prodiga in letterarie produzioni quali il servizio di corrispondenza presso alcune testate giornalistiche. Scrive di tutto facendo finta di combattere il crimine come una sorta di Clark Kent ma senza navicella spaziale. Il problema sono i poteri in dote alquanto alternativi: ogni ufficio per cui ha lavorato, chiude per liquidazione qualche anno dopo la sua assunzione. Come i raggi solari per il super-eroe Dc, si ritiene che la linfa vitale che permette la sopravvivenza di quest’uomo siano le frequenti visite in determinati luoghi di implorazione sacra, più comunemente conosciuti come Cinema; passione viscerale che si trascina da quando è un pargoletto desideroso di diventare regista, periodo in cui produce piccoli corti in stop-motion con i modellini dei Power Rangers. Ma non finisce qui; trova anche il tempo di essere un accanito seguace del fitness e della palestra. Infatti, alcuni sostengono che la sua quotidianità sia perennemente condizionata da frequenti pasti proteici, rituali a cui deve sottoporsi ogni 2 ore dal momento in cui è sveglio altrimenti potrebbe trasformarsi in un mandarino vagante. Gioca a D&D, Saga Edition e qualsivoglia gdr cartaceo. Si cimenta nella scrittura di romanzi e testi di vario genere, opere sempre in fase di sviluppo e mai completate. Sarà perchè, nel selvaggio west, va di moda l’hobby del sombrero e lui ne è un grande esper… zZz
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: