– ATTENZIONE: Questo articolo contiene SPOILER su Naruto Shippuden –

Io diventerò Hokage!

Nel mitico mondo di “Naruto”, una delle figure più intriganti è di certo quella dell’Hokage.

Sin dai primi episodi, non si può non notare il forte desiderio o, meglio dire, un ossessione di un giovane ragazzo di diventare Hokage, il suo nome è Naruto.

Ma cos’è in pratica questa carica? Scopriamolo insieme!

La figura dell’Hokage

In ogni villaggio, la massima carica a cui si può aspirare assume un nome particolare, ad esempio nel Villaggio della Sabbia il leader è chiamato Kazekage, o in quello della Roccia è chiamato Tsuchikage.

In questo caso la massima autorità del Villaggio della Foglia, o Konoha, è chiamata Hokage.

L’origine di questo nome è dovuto al fondatore del villaggio e primo Hokage, ovvero Hashirama Senju. Si tratta di un ninja, solitamente il più potente e saggio del villaggio, dalle cui decisioni dipende il destino di tutti gli abitanti. La scelta del successore, è deciso dall’Hokage corrente al momento del pensionamento, ma se fosse impossibilitato a fare la scelta, il Daimyo, ovvero colui che finanzia i ninja del Paese del Fuoco, nomina un candidato su suggerimento del consiglio del villaggio.

E adesso andiamo a scoprire insieme i 7 Hokage. Perché proprio 7 vi starete chiedendo? Ebbene si, al termine di “Naruto Shippuden” veniamo a conoscenza che gli Hokage in totale sono ben 7!
Volete sapere chi sono? Continuate a leggere!

1| Il Dio dei Ninja

Il primo Hokage, già menzionato sopra, è proprio Hashirama Senju, il più avvincente e antico tra i 7, capo del clan Senju e fondatore del Villaggio della Foglia, insieme al suo acerrimo nemico: Madara Uchiha. (Qui a destra, potete vedere uno dei loro primissimi combattimenti in pantofole e vestaglia da notte.)

Soprannominato il “Dio dei Ninja” per le sue elevate capacità nelle arti ninja e mediche, dal carattere pacifico, saggio e di gran carisma.

Inoltre possedeva un’abilità unica nel suo genere, infatti poteva combinare gli elementi di terra ed acqua per creare vegetazione e manipolarla a suo piacimento, in poche parole era un ottimo giardiniere (Ba dum Tss!). Se questo non bastasse, poteva usufruire di una collana di chakra fatta da lui stesso, per reprimere il potere dei nove Cercoteri.

Nonostante questo, Hashirama morì durante una battaglia, ma non prima di aver passato il titolo di Hokage al fratello minore, ed è così che nasce il termine Nepotismo che oggi tutti noi conosciamo bene.

E questo lo fermerà? NO! Infatti il primo Hokage farà ritorno!

Resuscitato da Orochimaru con la tecnica proibita dell’Edo Tensei, durante gli esami di selezione dei chunin, combatterà il suo allievo ed ora terzo Hokage, contro la sua volontà.
Infine, nella 4° Guerra Mondiale Ninja, resuscitato dallo stesso Orochimaru, su ordine di Sasuke, tornerà più cazzuto che mai (non per niente è il mio preferito!) contro un potente e apparentemente invincibile Madara Uchiha.
Al termine della guerra, verrà liberato dall’Edo Tensei, così da poter finalmente abbracciare il suo meritatissimo riposo.

2| Tobirama Senju

Tobirama Senju, fratello di Hashirama, è stato il secondo Hokage del Villaggio della Foglia.

Se immaginaste Vittorio Sgarbi in armatura, il risultato sarebbe certamente questo. Presenta un carattere severo e una mancanza di scrupoli nel dire sempre ciò che pensa, anche a costo di sembrare scortese. Nonostante questo, era molto intelligente e rese Konoha un grande villaggio.

Possedeva un controllo sull’elemento dell’acqua davvero impressionante, tanto da poter creare l’acqua senza il bisogno di una fonte.
Considerato il ninja più veloce dei suoi tempi, era in grado di utilizzare una tecnica illusoria chiamata Tecnica dell’Oscurità, che immergeva l’avversario nell’oscurità più assoluta, rendendolo un facile bersaglio.

Tobirama, pur essendo inferiore al fratello, non aveva alcuna paura nei confronti di Madara, inoltre, è stato capace di affrontare e uccidere Izuna Uchiha, per lui grande rivale.

Morì durante la prima Guerra Mondiale Ninja, decidendo di sacrificarsi per gli altri membri della sua squadra, lasciando nelle vesti di nuovo Hokage il suo allievo Hiruzen.

Tornò in vita sotto il controllo di Orochimaru per combattere Hiruzen durante il gli esami di selezione dei chunin, scusandosi con lo stesso per il suo tradimento, anche se contro la sua volontà.
Nella 4° Guerra Mondiale Ninja, avrà modo di rifarsi, difendendo un’ultima volta il suo tanto amato villaggio.

3| Il Professore

Hiruzen Sarutobi è stato il terzo Hokage del Villaggio della Foglia.

Era soprannominato “Il Professore” per la sua alta padronanza di moltissime tecniche. Molto saggio e serio, ma nonostante questo aveva anche un lato più giocoso e perverso. Infatti l’anziano, a volte andava a spiare le ragazze insieme a Jiraiya. (Pensa te che razza di Hokage porcello…)

Nelle lotte evocava tramite la Tecnica del Richiamo una possente scimmia che si trasformava nel “Bastone di Diamante”, un leggendario bastone duro come il diamante, che poteva allungarsi a suo piacimento. Con questo bastone il Terzo Hokage cacciò la Volpe a Nove Code da Konoha.

Ha addestrato personalmente i tre ninja leggendari: Orochimaru, Tsunade e Jiraiya.

Morì durante gli esami di selezione dei chunin, assassinato da Orochimaru, tornò durante la 4° Guerra Mondiale Ninja, nel quale dimostrò di saper utilizzare tutti e 5 gli elementi contemporaneamente (Fuoco, Acqua, Terra, Fulmine e Vento), rivelandosi così uno dei pochi ninja al mondo a riuscirci.

Terminata la tecnica dell’Edo Tensei, tornerà nell’aldilà con gli altri Hokage e forse chissà, a spiare ancora una volta qualche graziosa fanciulla con il suo vecchio allievo Jiraiya.

4| Il Lampo Giallo

Il quarto Hokage, a parer mio, ha alle spalle una storia davvero affascinante. Padre di Naruto, maestro di Kakashi e Obito, ed eroe di Konoha.

Minato Namikaze, chiamato a volte “Lampo Giallo della Foglia”, era un tipo piuttosto calmo e rispettoso. Innamorato di Kushina Uzumaki, si sposarono e diedero alla luce un bambino, che per la forte ammirazione provata nei confronti del suo maestro Jiraiya, chiamò Naruto, protagonista del romanzo di quest’ultimo.

Era famoso per la sua immensa velocità, tale da lasciare scie gialle mentre si teletrasportava da un posto all’altro. Questo era possibile grazie alla tecnica della Dislocazione Istantanea, una tecnica che permette di teletrasportarsi ovunque ci sia un Kunai con impresso un sigillo.

Fu lui ad insegnare la tecnica del Rasengan a Jiraiya, tramandata poi a Naruto.

Condivideva con il figlio, oltre che l’aspetto, il forte desiderio di diventare Hokage, aspirazione che realizzò, ma un anno dopo trovò la morte. (Che culo!)

Durante l’attacco della Volpe a Nove Code a Konoha, difese il villaggio, affrontando a sua insaputa, il suo ex allievo creduto morto: Obito.
Riuscì a sventare la minaccia, sacrificandosi insieme alla sua amata per salvare il villaggio, sigillandosi insieme al demone nel corpo del figlio.

Venne liberato dal sigillo da Orochimaru e tornò a combattere nell’ultima Guerra al fianco di suo figlio Naruto, al quale darà un ultimo commovente addio.

5| Tsunade

Il quinto Hokage in carica fino alla fine della 4° Guerra Ninja, è l’unico Hokage donna che vediamo: si tratta di Tsunade.

Osservandola, non si possono non notare le sue enormi te… Tendenze al gioco d’azzardo. Ha la brutta abitudine di criticare i difetti altrui, è molto testarda, infantile e a volte perde il lume della ragione comportandosi in maniera del tutto irresponsabile.

Tsunade è il ninja medico più potente mai esistito. Possiede una conoscenza delle arti mediche così vasta da riuscire a capire con un semplice sguardo quale tipo di problema fisico abbia una persona.

Può usare la Tecnica del Richiamo per evocare Katsuyu, la regina delle lumache, capace di curare i feriti, con la quale ha un contatto telepatico.
Ha anche una forza davvero stupefacente, infatti non me la vorrei mai trovare davanti in quei giorni particolari del mese…

Ripone molta fiducia in Naruto e Sakura, anche per questo prese quest’ultima come sua allieva.

Ha combattuto il suo ex compagno di squadra Orochimaru ed affrontò Pain durante l’attacco a Konoha, ma cadde in coma per la perdita eccessiva di chakra.

Nella 4° Guerra Mondiale Ninja affrontò coraggiosamente Madara insieme agli altri Kage, venendo però tagliata in due e infine curata e ricomposta da Orochimaru, resuscitato da Sasuke.

Abdicò al termine della guerra, cedendo il posto di Hokage a Kakashi.

Danzo e il suo “Mai Una Gioia”

Dopo l’attacco di Pain, Konoha, dato lo stato di coma di Tsunade, rimase senza Hokage. Per far fronte a questo problema, il Daimyo convocò una riunione tra i maggiori esponenti del villaggio, da cui scaturì un nome come possibile sesto Hokage, quello di Kakashi Hatake.

Nel meeting però, intervenne Danzo Shimura, che già si era visto sottratto la nomina di Hokage dal suo non più amico Hiruzen, molti anni fa. Il misterioso anziano si propose come unico uomo in grado di ridare a Konoha l’antico splendore, convincendo il Daimyo e riuscendo nel suo intento, diventando così la nuova massima autorità del Villaggio della Foglia.

Purtroppo per lui, però, il suo sogno non durò molto, infatti Danzo venne ucciso da Sasuke durante il meeting dei Kage. Non venne considerato come vero e proprio Hokage, poiché prima di morire fu scoperto a soggiogare Mifune, con l’occhio di Shisui Uchiha, per poter essere scelto come capo dell’alleanza.

La mia faccia, quando è stato scelto come 6° Hokage Danzo invece di Kakashi, è stata pressoché questa. 

6| Kakashi Hatake

Quando Tsunade abdicò, il suo posto fu occupato dal Jonin più in gamba della Foglia: Kakashi Hatake. (A sinistra possiamo vedere il suo volto senza maschera.)

È allegro, maturo, responsabile e crede fortemente nel valore dell’amicizia, come dimostra il fatto che è disposto a morire per le persone a cui vuole bene. Oltre a questo però, è anche una persona molto sensibile, legata al ricordo di suo padre, del suo maestro e dei suoi vecchi compagni di squadra.

In un occhio possiede lo Sharingan, donatogli dal suo ex compagno di squadra Obito, creduto morto. Grazie a questo riuscì a copiare più di mille tecniche, nonostante la tecnica più forte in suo possesso rimase quella del Mille Falchi.

Nella 4° Guerra Mondiale Ninja, ottenne temporaneamente entrambi gli Sharingan ipnotici di Obito, questi gli permisero di risvegliare il Susanoo.

Ceduto il suo posto da Hokage, trascorre il resto della vita con il suo vecchio amico Gai.

7| Il sogno diventa realtà

Per ultimo, ma non per importanza, c’è Naruto Uzumaki, che vede finalmente realizzare il suo sogno nell’epilogo della serie.

Ha un carattere forte, vivace e splendente. La sua testardaggine è palese, come dimostra il fatto di aver aspettato il ritorno di Sasuke per anni, nonostante tutti gli andassero contro.

Per anni, nutrì sentimenti non ricambiati per la compagna di squadra Sakura. Infine si innamorò di Hinata Hyuga, l’unica ragazza che lo abbia mai amato, con cui si sposò ed ebbe due figli: Boruto e Himawari.

Inizialmente Naruto non eccelleva nelle arti ninja, ma col passare del tempo e grazie a duri allenamenti con i suoi maestri, riuscì a diventare il più forte dell’intero manga.

È in grado di utilizzare diverse tecniche, come quella della Moltiplicazione Suprema del Corpo, o quella del Rasengan, tecnica tramandatagli da suo padre tramite Jiraiya.
Oltre a questo, ha al suo interno lo spirito della Volpe a Nove Code, che gli conferisce un incredibile quantità ci chakra, una grande velocità e forza fisica.

Il maestro Fukasaku gli insegnò come entrare in modalità eremitica. Ciò gli permise di aumentare la potenza delle sue tecniche e di migliorare la percezione di ciò che lo circondava, potendo così prevedere gli attacchi dei nemici.

Durante l’ultima guerra fronteggiò i nemici con grande ardore. Nello scontro finale contro Madara, in fin di vita ricevette dall’Eremita delle Sei Vie una parte del suo chakra e il potere dei nove Cercoteri.
Entrò così in modalità eremitica delle sei vie, combinando le sue tecniche con le abilità dei Cercoteri, creando nuove e potentissime mosse ed acquisendo immensi poteri. Riuscì infine a determinare l’esito della guerra con l’aiuto di Sasuke.

Kakashi, successore di Tsunade, dopo qualche anno decise di lasciare spazio alle nuove generazioni e così nominò Naruto nuovo Hokage di Konoha.

Conclusioni

Come già detto sopra, adoro Hashirama, ma personalmente non mi sarebbe affatto dispiaciuto vedere un membro del trio originale: InoShikaCho, come nuovo leader del villaggio.

 

Vi lascio con questa fantastica Fan Art, fatta dal nostro strepitoso disegnatore Lillo Briguglio, con cui spero di tornare a lavorare presto.

E voi? Chi avreste preferito vedere nelle vesti di Hokage?